IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Certificati medici online, l’appello: “Fermate le sanzioni”

Più informazioni su

Certificati di malattia obbligatoriamente online o, da martedì primo febbraio, scatteranno le sanzioni per i medici. La categoria conta però, domani, ancora su un segnale da parte del ministro della pubblica amministrazione, Renato Brunetta, e chiede un’altra proroga all’entrata in vigore delle sanzioni.

Per i sindacati di categoria, la situazione è caotica e il sistema presenta troppe criticità: dalla piattaforma informatica che spesso si blocca al call center che non sempre funziona al sistema per i medici ospedalieri – dice la categoria – che ancora va studiato. Per la “rivoluzione digitale” della sanità promessa da Brunetta, stando ai diretti interessati, i tempi non sarebbero ancora maturi, visto che, come sottolinea il segretario della federazione dei medici di famiglia, Giacomo Milillo, “solo il 50% dei medici, in realtà, è pronto a inviare i certificati online”, archiviando la carta.

Troppe falle, nel sistema, e una diffusione sul territorio che ancora lascia a desiderare: “Regioni come la Lombardia, dove li usano il 97% dei medici, o l’Emilia Romagna sono avanti” ma in molte altre “ancora proprio non ci siamo”. E il problema non è solo di banda larga o del numero di medici effettivamente abilitati ad usare il nuovo sistema. C’è il call center, che dovrebbe intervenire quando il web non lo consente, “con il quale nel 40% dei casi non si riesce a portare a termine la procedura”, afferma Massimo Cozza, della Cgil Medici. Senza contare che la piattaforma digitale non è in grado di sopportare l’ affollamento di richieste “del lunedì, in cui si accumulano anche le malattie iniziate nel weekend”, e che ancora si cerca una soluzione per non aggravare ulteriormente il lavoro dei medici del pronto soccorso, anche loro coinvolti nella nuova procedura.

Per il ministero, però, i dati sono incoraggianti e in continua crescita, visto che si sono già superati i 2 milioni e 800 mila certificati trasmessi online. Ma sono numeri “che considerano gli ultimi sei mesi di sperimentazione – fa notare Milillo – mentre a regime dovremmo inviare 20 milioni di certificati l’anno con una media di 1 milione e mezzo al mese”. Gli appelli per una nuova proroga si sono moltiplicati nelle ultime settimane, compresa una lettera inviata dalla Fimmg al presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Bandito
    Scritto da Bandito

    Siamo proprio in Italia. Brunetta, stranamente, per una volta ha fatto una riforma valida, ma i medici hanno dormito fino a che non si sono resi conto che era tardi, e adesso chiedono una proroga.
    Spero che le sanzioni piovano pesantemente su di loro.

  2. Scritto da Aurelio Bianchi

    Sono le riforme di Brunetta!

    Solo fumo e niente arrosto.