IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Cartiera Varazze, trattativa in stallo: l’azienda “restituisce” le chiavi dello stabilimento foto

Più informazioni su

Varazze. Domani mattina (mercoledì) il dottor Rando, curatore fallimentare della cartiera di Varazze, andrà ad ispezionare lo stato dello stabilimento e dei macchinari. La visita è una formalità dovuta al fatto che la ditta Romanello, che in questi anni ha gestito la cartiera, ha dato formale disdetta del contratto d’affitto; pertanto il curatore dovrà verificare lo stato in cui gli impianti vengono riconsegnati all’affituario.

Questo non è che l’ultimo atto di una crisi che ha portato la Cartiera Verde di Varazze al blocco totale e tutti i lavoratori in cassa integrazione con lo spettro di non avere soluzioni positive nel breve periodo.

I lavoratori, per far sentire la loro voce, saranno in presidio davanti allo stabilimento: con la loro azione sperano di attirare l’attenzione su una situazione giunta ad uno stallo “inspiegabile”.

Il problema che sta di fatto bloccando tutta la trattativa è quello che inizialmente sembrava il piu’ semplice da risolvere, ovvero la proprietà di un terreno su cui sorge una parte del capannone esterno della cartiera. Il curatore e i proprietari del terreno non riescono a mettersi daccordo sul prezzo. Difficilmente infatti il curatore metterà all’asta lo stabilimento senza prima aver risolto la questione che potrebbe spaventare eventuali acquirenti.

“Non riusciamo proprio a capire come sia possibile bloccare la situazione per questo motivo – spiega Maurizio Loschi, della segreteria CUB di Savona – anche perché più passa il tempo piu’ i macchinari diventano obsoleti e quindi perdono valore. Non vorremmo che alla fine il risparmio sul terreno andasse a discapito di una perdita nella vendita dell’impianto”
.

Sulle possibilità di rilancio della produzione Loschi ricorda che “gli stessi Romanello hanno avanzato la disponibilita’ di acquistare l’impianto impiantando a Varazze nuove tecnologie che potrebbero portare anche ad un aumento dei posti di lavoro, ma più passa il tempo, più i lavoratori perdono le speranze”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Carlo M.
    Scritto da Carlo M.

    Della cartiera al di là delle scene formali non gliene frega una “cippa” a nessuno. Varazze è al confine dell’impero. Non importa nulla a Savona che la considera “genovese” e non gliene frega nulla a Genova visti i confini. Sarebbe davvero l’ora che Varazze si decidesse a cambiare aria passando in provincia di Genova.E così rimangono i lavoratori padri di famiglia che lavorano in una fabbrica “usa e getta” dove rimpinguate le casse (delle altre società) si può dismettere tutto. Un grande esempio di imprenditoria illuminata?