IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Alassio, nuove povertà: continuano le peripezie di Mario Riboldi

Alassio. Mario Riboldi si presenta con un plico di fogli in mano. La sua paura è quella di non essere creduto, e così si fa forza con i papiri che ha per documentare una situazione che ormai definisce insostenibile. Si tratta della corrispondenza fra la sua famiglia e le istituzioni alle quali si è rivolta per chiedere aiuto: al Comune di Alassio innanzitutto, ma anche alla Consulta Regionale per la tutela dei diritti della Persona Handicappata, al Difensore Civico della Regione Liguria, alla Procura della Repubblica di Savona. “Ma finora è stato tutto inutile”, dice il signor Mario.

Da anni, questo ex artigiano di Mondovì di 55 anni, colpito duramente dalla crisi e dalla chiusura della sua ditta, deve provvedere, tramite piccoli lavori saltuari, al mantenimento dei propri cari: Caterina, la moglie affetta dal 2004 da sclerosi multipla, e la figlia cui nel 2008 è stata diagnosticata l’epilessia. I tre vivono ad Alassio, in frazione Solva, in una casa fatiscente, senza riscaldamento e decisamente inadeguata alle condizioni di Caterina. Per questo, la famiglia Riboldi ha chiesto più volte al Comune alassino un aiuto economico, infermieristico e abitativo. Aiuto che – come si legge in una comunicazione datata 17 dicembre 2010 – il Comune sostiene di aver elargito con varie modalità: con contributi economici “una tantum” e continuativi, con l’offerta di un pacco alimentare “rifiutato dalla famiglia”, con il pagamento di lavori effettuati presso l’abitazione di Solva per la realizzazione dell’impianto del gas e con un doposcuola gratuito per la figlia.

“Sono stanco di sentire falsità – dice il signor Mario -. Il contributo economico di cui parla il Comune è pari a 100 euro mensili: non ce ne siamo mai lamentati, quei soldi li abbiamo comunque presi, ma è sembrato un modo per lavarsi la coscienza che non risolve certo i nostri problemi. Il pacco alimentare non è stato proposto dal Comune ma dalla Croce Rossa e da un’associazione cristiana: non lo abbiamo rifiutato, semplicemente essendo ricoverati frequentemente negli ospedali, ci risulta davvero difficile ritirarlo. Dai Servizi sociali criticano il fatto che preferiamo i 100 euro rispetto a pacchi alimentari: certo, perchè dobbiamo restituire i soldi a chi ci aiuta nelle spese sanitarie, visto che le istituzioni sono indifferenti. Abbiamo chiesto una casa per vivere in modo degno e dare un po’ di pace soprattutto a mia moglie che ha grosse difficoltà di deambulazione. Abbiamo chiesto assistenza domiciliare. Tutto inutile. E poi hanno anche il coraggio di scrivere che sostengono parte delle spese del nostro affitto e il pagamento delle bollette del gas: impossibile, visto che, non essendo allacciati alla condotta, non le riceviamo”. Riboldi si è sempre impegnato per promuovere l’immagine di Alassio – lanciando idee come “Un sogno nel cassetto” e proponendo eventi culturali – ma ora si sente tradito dalla città che tanto ama.

“Non voglio approfittare di aiuti, semplicemente ne abbiamo bisogno per tirare avanti e condurre una vita dignitosa – dice – Spero che prima o poi il sindaco Aicardi mi voglia incontrare”. Mercoledì scorso il signor Mario è stato ospite della trasmissione pomeridiana di RaiUno “In casa di Paola” per far conoscere la situazione in cui si trova. “Non voglio condurre battaglie, desidero solo che, in particolare a mia moglie e mia figlia, venga garantita un’esistenza migliore”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da cielo

    Caro/a Veritas per parlare bisogna dire la verità ,il Riboldi non ama giocare e da quel Prete risulta da documenti e testimoni ,egli avanzi ancora di vedere saldato i proppri lavori fatti nelle sue Chiese dal Riboldi e dai suoi collaboratori .
    Ora egli per onestà e bontà si trova in difficoltà e non è giusto diffamarlo anonimamente anche perchè egli chiede solo una mano d’aiuto cielo

  2. Scritto da ben arrivata

    veritas ha detto..15 gennaio 2011 se il sig Riboldi ha detto la verità che sia aiutato ma conoscendolo da molto tempo mi ricordo ancora di tutti i suoi giochetti ne sa qualche cosa il povero Rev. Don Bruno Oddone che tanto lo aiutò e in cambio ebbe solo delle bugie e dei dispiaceri.

  3. Scritto da lollo63

    ma non capisco come faccia un sindaco e una giunta comunale a rimanere indifferenti di fronte ad una situazione simile ,in questo caso non ci vogliono ne carte bollate ne burocrazia ci vuole un istinto chiamato iniziativa ,che vuol dire darsi da fare in prima persona e sistemare il problema una volta x tutte.Dimostrate cari politici di avere gli attributi svegliatevi la poltrona ve la siete procurata a voti ORA dimostrate di poterla tenere x senso di UMANITà.ANDATE sul posto guardate il da farsi ed in tempi brevi (pochi giorni) risolvete il problema se volete lo potete fare ed alla prossime votazioni vi si ricorderà più volentieri come le persone che hanno saputo risolvere un problema di petto e non burocraticamente(cioè in tempi anni luce)

  4. gabbiano
    Scritto da gabbiano

    Le istituzioni debbono dare una risposta a queste richieste. Se ciò che il Sig. Mario Riboldi dice non è vero (come mi è stato detto da qualcuno del Comune) Lo si smentisca pubblicamente. Io lo conosco e ritengo che ciò che dice sia vero. Non capisco perchè non si intervenga adeguatamente. E’ vergognoso.
    Sindaco Aicardi occupatene personalmente.