IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Alassio: domani il taglio del nastro per il nuovo Grand Hotel

Alassio. Tutto pronto per l’inaugurazione del Grand Hotel di Alassio, la nuova struttura composta da 4 attici, 12 suites, un totale di 61 camere e un grande centro talassoterapico.

Domani mattina alle 11 ci sarà finalmente il taglio del nastro ufficiale e l’apertura dell’albergo a cinque stelle e del centro talassoterapico “Aqa”.

Le strutture erano già funzionanti dal periodo Natale, anche se non totalmente a pieno ritmo. 

Durante l’ultimo mese è cresciuto l’interesse degli alassini e dei turisti nei confronti della struttura. In tanti hanno chiesto informazioni sui trattamenti del centro “Aqa”, e parecchi titolari degli hotel hanno avviato contatti per eventuali accordi tra le strutture.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. gabbiano
    Scritto da gabbiano

    Si “Evviva!!!2. So che ci sono 1000 polemiche intirno alla realòizzazione del Grand’Hotel. So anche, però, che in tutti gli anni trascorsi prima di prendere una decisione, l’immobile fu lasciato in pasto ai topi e ai rampicanti che lo hanno deturpato. Senza parlare della razzia dell’arredamento, anche di valore, che c’è stata. E’ sparito tutto. Era diventato la vergogna di Alassio.
    Non so quanto sia costato riattarlo, ma so che, qualsiasi somma, è giustificata dal risultato.
    Chi dice il contrario è amico di chi ha procrastinato fino all’inverosimile la ristrutturazione adducendo sempre motivazioni pretestuose. Forse perchè non ci guadagnava niente. Se l’Italia, purtroppo, è fatta così bisogna cercare di cambiarla, ma non bloccando tutto fino a che non si ha la possibilità di ricavare personalmente la “fetta”.