IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Vado, arriva il primo “cassone”: oggi inizia la costruzione della piattaforma Maersk (foto) foto

Vado L. Il primo ad accorgersene è stato un attentissimo lettore di IVG.it che ha segnalato il passaggio, al largo delle coste savonesi, del primo dei cassoni che costituiranno l’ossatura della tanto discussa piattaforma Maersk di Vado Ligure. Un messaggio dai toni sarcastici, quello del “nostro” commentatore, che si firma “pasquino62” e che si rivolge anche alla giunta Caviglia “che – ci scrive il lettore – in campagna elettorale, diceva ai vadesi tutti che mai avrebbero posato una pietra”.

E invece il passaggio del primo cassone diretto alla piattaforma di Vado è stato ufficializzato anche dagli “addetti ai lavori”. Diciannove metri di altezza, trentadue di lunghezza e ventidue di larghezza, in totale tremila metri cubi di calcestruzzo, costruito nei cantieri della “Grandi Lavori Fincosit” di Multedo, a Genova. Il cronoprogramma prevede ora la costruzione di oltre un centinaio di cassoni di questo tipo che costituiscono il basamento dell’intera struttura. I lavori previsti per la realizzazione della piattaforma sono stimati in cinque anni. Il tutto in una giornata “economicamente movimentata” per il Savonese che, a Roma, si sta giocando il futuro della Tirreno Power e, al largo delle sue coste, sta vedendo avanzare il primo tassello di un progetto che da sempre fa discutere.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da juan

    bisogna raccontare un po come e’ la storia…caviglia era vicesindaco di giacobbe e peluffo e con loro firmo’ tutto il firmabile ariguardo la piattaforma , il molo844 e tutto il resto ..poi , sulla via di damasco gli apparve LUI e gli indico’ la via giusta…peccato che fosse oramai tardi..ma di questo non si accorse..arrivo’ l angelo giustiziere : la guelfi e con loro sali sul cavallo e incomincio ad attaccare i mulini a vento e sancho panza illarcio lo sprono’ a continuare questa impari lotta per la giustizia….ahahahahah adesso basta perche’ mi scappa da ridetre ,,,ciao ben venga la maersk… to be continued,,,

  2. Scritto da freeholly9

    se aver a cuore il nostro ambiente e cercare di salvaguardarlo vuol dire essere degli esaltati che non mettono in moto il cervello,per me è un onore.
    meglio che essere quei poveri idioti che verranno ricordati per quelle scelte sbagliate che graveranno su tutto il futuro ambientale della zona.

  3. Scritto da acrobat2004

    Le persone come freeholly9 non meritano nessuna risposta o contraddittorio. E’ solo un povero esaltato che non sa di cosa parla. Ha apero la bocca facendo uscire di tutto dimenticando di mettere in funzione il cervello. E’ sterile la discussione con personaggi come questo.

  4. pasquino62
    Scritto da pasquino62

    Non penso sia particolarmente importante il mio parere. Comunque sono (con le dovute cautele stante l’opera) favorevole alla realizzazione della piattaforma non soffrendo di sindrome di NIMBY.
    I porti sono decisamente fatti per avere navi che fanno avanti ed indietro. E più sono meglio è. Se no tanto vale è meglio costruire orologi a cucù. Peraltro, amando il mare e TUTTE le cose del mare, ho sempre trovato “fascinosi” anche i porti. Ma questi sono gusti personali e poi sa non vivendo alle Maldive.
    Tutto inquina. Non sono sicuro di nulla e diffido da chi è detentore di certezze.
    Francamente me ne fotto della Maersk in quanto tale. Non la attacco e non la difendo.
    Io esprimo solo il mio parere e per fortuna il mondo non gira attorno al mio ombelico (ma mi sto attrezzando). Quando non vado a Vado, a fare il bagno, vado a Bergeggi, dietro l’angolo.

  5. Scritto da freeholly9

    un conto è aver costruito un porto,un altro è decuplicarne gli ingressi ed i transiti con l’ampliamento.
    Senza contare il fatto che si corre il serio pericolo che lo specchio acqueo di Vado diventi un acquitrino (“come l’attuale baia dei pirati” tanto per capirci).
    Crede che le navi non inquinino?ne è così sicuro?
    spero di sbagliarmi…ma il porto di Voltri dovrebbe servire da monito…voi magari no,ma i vostri e nostri figli andranno anche loro a far il bagno a varazze oppure finale…come per i genovesi che devono andare a Vesima…..
    comunque non ho capito in fin dei conti se è favorevole o contrario alla maersk.
    non che mi interessi,ma da come è posto l’articolo lei sembra il primo contrario mentre dai commenti sembra offendersi se insulto la maersk.
    saluti