IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Tpl Linea: un piano a bassissimo impatto per fronteggiare i tagli

Savona. I tagli effettuati dalla Finanziaria del Governo hanno costretto Tpl Linea a presentare un nuovo piano industriale.

Il taglio sul trasporto pubblico locale su gomma equivale ad un importo pari a 15 milioni di euro, corrispondente per Tpl Linea a 1,750 milioni di euro. Risorse aggiuntive sono state messe a disposizione dalla Regione in un fondo, ripartito fra le aziende in base al numero di dipendenti, da utilizzare come ammortizzatore sociale per integrare la cassa integrazione in deroga, pari per Tpl Linea ad un totale di 550 mila euro.

Il presidente Maurizio Maricone illustra le nuove strategie: “Abbiamo ritirato e rivisto il piano precedente, perché i tagli sono diversi. Questo è un piano a bassissimo impatto”.

Una piccola riduzione delle corse e un aumento tariffario, esclusivamente nell’area Savonese, che in realtà è un riallineamento all’area Albenganese. Sono questi i due provvedimenti presi da Tpl Linea per affrontare la situazione. “Il piano prevede l’inizio di un percorso da fare con le organizzazioni sindacali per ottenere dei miglioramenti di efficienza – spiega il presidente di Tpl Linea -. Questi miglioramenti consentiranno alla nostra azienda di recuperare questo gap di risorse rispetto agli anni precedenti”.

L’aumento delle tariffe scatterà da domenica 1 gennaio. “Avrà una caratteristica socialmente rilevante, da noi fortemente voluta – spiega Maricone -. Prevede esclusivamente un aumento per la bigliettazione singola, ma non per gli abbonamenti, e un piccolo ritocco per il carnet da dieci corse. L’aumento da 1 euro a 1,30 euro tocca solo i biglietti singoli”.

Riguardo la riduzione delle linee, Maricone afferma: “Stiamo analizzando questo tema che sarà di confronto con le organizzazioni sindacali e la Provincia. Occorre che vi sia un’ampia concertazione su queste misure. Abbiamo individuato alcune linee che hanno bassissimo utilizzo; è chiaro che non lasceremo nessuna area senza servizio. Questo è uno degli obiettivi forti dell’azienda. In pratica, il ritocco delle linee riguarderà una percentuale bassissima, sotto il 3%”.

Verranno pertanto garantiti gli orari e le linee di forza di Tpl Linea, dalla litoranea alla Val Bormida, all’Albenganese. Il 97% delle corse saranno immutate.

Oggi pomeriggio vi sarà un incontro tra l’azienda e le organizzazioni sindacali. “Abbiamo sempre cercato di fare percorsi condivisi – dichiara Maricone -. Ho ricordato più volte che all’ultimo tavolo che si era formato avevo iniziato a fare una proposta che poi era stata giudicata irricevibile, ma nessuno di noi pretendeva fosse definitiva. Credo che questa volta, grazie ai minori tagli, vi sia la possibilità di fare un lavoro condiviso. Sottolineo che ho convocato tutte le organizzazione sindacali, a prescindere delle loro scelte in merito a scioperi o altri aspetti. Tutti saranno messi nella condizione di poter dialogare. Le misure che abbiamo previsto – conclude – sono maggiori rispetto alla necessità di copertura dei tagli, pertanto le organizzazioni sindacali potranno avere un ruolo fattivo e forte”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.