IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Tirreno Power Riviera Basket: Ghizzinardi traccia il bilancio del 2010

Vado Ligure. “Coach Ghizzinardi e il bilancio del 2010″ è un titolo che potrebbe risultare assimilabile ad una delle avventure della saga di Harry Potter. In effetti il 2010 che oggi si va a chiudere è stato a dir poco magico per il Riviera Vado Basket.

Tredici vittorie su tredici incontri disputati in campionato, la qualificazione alle final eight di Coppa Italia e soprattutto i tantissimi bambini che non solo vengono a colorare il Palasport durante le partite della prima squadra, ma che compongono ogni giorno l’immagine dei “Parrots”.

A proposito dell’allenatore della prima squadra, abbiamo rivolto alcune domande a Marcello Ghizzinardi, che ha tracciato il bilancio di questa prima parte di stagione: “E’ un vero peccato che si chiuda il 2010, visto come stava andando. Il primo posto in classifica ci rende felici, ma conta fino ad un certo punto, perchè ci sono i play-off e non la promozione diretta. La cosa che, invece, conta è la qualificazione alle final eight di Coppa Italia (che si svolgeranno dal 18 al 20 marzo 2011, ndr)”.

– Qual è l’avversaria, ad oggi, che più l’ha impensierita?

“Sarà un caso ma la squadra che mi ha impressionato di più è una delle due squadre che dobbiamo ancora incontrare: la Sangiorgese. Sono molto curioso di giocare contro di loro perché mi hanno fatto proprio una buona impressione, sono ben allenati, concreti e solidi. Per il resto, il campionato è molto equilibrato, abbiamo vinto bene alcune partite per delle contingenze, non per strapotere. Contro Varese, Iseo ed Use, ad esempio, la differenza l’hanno fatta un mix tra particolari e situazioni momentanee”.

– Qual è stato il segreto di questo super 2010?

“Il segreto di inizio campionato è stato il grande lavoro estivo. Grazie alla squadra al completo e ad alcuni giocatori che in attesa di sistemazione si sono allenati con noi (Bigoni, Del Sorbo, eccetera), abbiamo eseguito una bella preparazione. In questa seconda fase, purtroppo, il risultato non è stato lo stesso, non certo per mancanza di voglia o di impegno, ma per alcuni acciacchi e infortuni che non ci hanno concesso di lavorare al 100%. Lo stop di Bernardi ormai è cosa nota, di queste ore, invece, è la preoccupazione per Paleari, che sta effettuando degli accertamenti per un infortunio subìto proprio all’inizio di questo richiamo di preparazione”.

– Alcune squadre si stanno rinforzando, altre stanno trovando la quadra in chiave tecnico-tattica, altre ancora possono dare di più. Qual è il panorama delle nostre avversarie?

“Legnano era data come una delle squadre che voleva recitare un ruolo da protagonista, evidentemente ha avuto qualche problemino, ma mi sembra che ora voglia rilanciarsi con due grandi acquisti (Aimaretti e Giroldi, ndr), quindi sarà una squadra da temere. Use Empoli potrà far meglio, quindi anche lei rientrerà nel novero delle protagoniste. Varese più va avanti il tempo più diventa una realtà, è una delle favorite, nonostante i problemi fisici che ha avuto; poi c’è da tenere in grande considerazione Cecina, mentre le quotazioni di Iseo, a causa dell’infortunio di Gironi, sembrano in discesa. Una squadra che potrà raccogliere sicuramente più di quanto ha messo in cascina fino ad ora è Firenze”.

– Quali sono i sogni di coach Ghizzinardi per il 2011?

“Vorrei che ci confermassimo una squadra solida, tosta. Credo che rimanere imbattuti sarà una utopia, ciò che vorrei non è tenere a zero la casellina delle perse, ma vorrei che fossimo una squadra veramente dura da battere. Vorrei che la squadra che ci supererà lo farà perchè avrà fatto una gran partita. Il sogno quindi è che il Riviera sia una squadra solida e dura da battere. Penso che ciò sia realizzabile e lavorerò affinchè sia più una certezza che un sogno”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.