IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Tirreno Power, l’intervento del segretario di Rifondazione

Vado Ligure. “La vicenda dell’ampliamento della centrale di Vado Ligure e Quiliano ha le sue radici nella privatizzazione dell’energia elettrica. Scelta sbagliata che oggi stiamo pagando. Le bollette non sono diminuite, come avevano truffaldinamente fatto credere i sostenitori del “privato è bello”, e il privato, in questo caso Tirreno Power, ha tutto l’interesse a continuare ad investire nel carbone uno dei combustibili più inquinanti, ma meno costoso”. A dirlo in una nota è il segretario provinciale di Rifondazione Comunista Marco Ravera, che commenta l’esito della Conferenza dei servizi sull’ampliamento di Tirreno Power.

“Il nodo della vicenda risiede qui, in una scelta politica che la politica deve avere il coraggio di fare – aggiunge il segretario di Rifondazione -: puntare sulle energie rinnovabili. Pertanto se da una parte è positivo che la recente Conferenza dei servizi, grazie alla posizione assunta dalla Regione Liguria, ha bocciato il progetto di ampliamento proposto dall’azienda, dall’altro è preoccupante che si continui a parlare esclusivamente di carbone. Bene hanno fatto, quindi, i comuni di Vado Ligure e Quiliano a ribadire la propria contrarietà perché questa provincia deve iniziare ad abbandonare il combustibile fossile” conclude Ravera.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da juan

    i rifondatori “comunisti” mi fanno venire da ridere …le poche occasioni di sviluppo e quindi di posti di lavoro , vengono stroncate sul nascere proprio dagli stessi partitit che si definiscono vicini ai lavoratori???mah??? forse e’ per questo motivo che sono in via di estinzione??