IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Spaccio e violazione Bossi-Fini: 3 marocchini e un tunisino arrestati ad Albenga

Albenga. Quattro arresti nel giro di poche ore. E’ questo il “record” raggiunto, tra ieri e stanotte, dai carabinieri di Albenga che erano impegnati in un’attività di controllo del territorio. I militari hanno messo le manette ai polsi a tre spacciatori marocchini e ad un tunisino risultato irregolare sul territorio italiano.

Il primo ad essere arrestato, intorno alle 13,30, è stato un marocchino clandestino di 28 anni, Oscar R., pizzicato in piazza Matteotti, dopo che era appena sceso da un treno proveniente da Milano, con 14 dosi di eroina, circa 7 grammi di sostanza stupefacente.

Poco dopo, intorno alle 16,30, i carabinieri hanno messo le manette ai polsi, sempre per l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, ad altri due marocchini: N.A., 28 anni, e O.E., di 22, che sono stati sorpresi mentre cedevano due dosi di eroina ad un trentenne albenganese in via al Piemonte. Quest’ultimo è stato segnalato alla Prefettura di Savona come assuntore. Ai due spacciatori, regolari sul territorio e residenti a Pavia, sono stati sequestrati anche 500 euro frutto della giornata di “lavoro”.

Infine i militari hanno arrestato, intorno alla mezzanotte, in via Liguria, per la violazione della Legge Bossi-Fini, un tunisino, H.S., di 28 anni. L’uomo era stato infatti colpito da un decreto di espulsione della Questura di Imperia del giugno 2010 ma non aveva ancora lasciato il Paese.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. sampei29
    Scritto da sampei29

    Gerry1893
    hai ragione, non c’è nulla da discutere perchè i giudici non possono usare la legge a loro piacimento!
    Certo per ogni reato è prevista una pena da tot a tot, ma le scarcerazioni del giorno dopo, le pene ridotte per patteggiamento, ecc., sono imposte ai magistrati dai politici!

  2. Total War
    Scritto da Gerry1893

    sampei29…per cortesia discutiamo di tutto e di piu ma non diciamo che i giudici non hanno colpe o non usano la legge un pò a loro piacimento…perche sarebbe come dire che ad albenga non arrestano marocchini, che a napoli non c’è rumenta per strada o che berlusconi è immacolato come un bambino in fasce. per favore….

  3. sampei29
    Scritto da sampei29

    lollo63
    La colpa e delle leggi non applicate xchè esistono ma non vengono date le giuste condanne.

    Ma veramente è così difficile capire che in italia i giudici non possono decidere le pene ma applicano le leggi. Condizionale, pattegiamento, ecc. sono previsti dal codice penale e i giudici non possono non tenerne conto!

  4. IronMan
    Scritto da IronMan

    @ Sampei . . . sono stato anche molto critico con l’Amministrazione Guarnieri (gli detti simbolicamente un cartellino giallo in un mio post precedente), peccato che tu ti ostini a veder sempre la gente schierata a prescindere. . io ho le mie idee, ma se uno “cappella” non mi frega nulla del partito di cui fa parte. Per esempio vorrei sapere cosa pensa il Sindaco Guarnieri in merito alla sanità del ponente ligure. . . Mi sembra che li ci sia dissonanza di vedute. . .

  5. Scritto da lollo63

    @sampei29 le frasi razziste non sono scritte tante volte x spregio alle persone extracomunitarie ma x rabbia ,xchè ogni giorno leggiamo su 10 arresti 7 non sono italiani e una cosa fuori del normale,io penso che nessuno di noi che scrive è razzista ma sicuramente e stufo di questa situazione da noi on voluta .La colpa e delle leggi non applicate xchè esistono ma non vengono date le giuste condanne.