IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Sciopero trasporti, Gatto (Faisa Cisal): “Adesione altissima, sciopero legittimo” foto

Savona. Un’adesione molto alta che vede la partecipazione anche di lavoratori aderenti a sigle sindacali diverse da quella che oggi guida la protesta del trasporto pubblico locale, ossia FaisaCisal.

“Un’adesione pari all’80% – fa sapere Andrea Gatto, segretario della Faisa Cisal -. Il fatto che noi costituiamo un sindacato giovane all’interno dell’azienda e che raggruppa solo il 30% dei lavoratori, evidenzia come alla nostra manifestazione abbiano detto ‘sì’ anche i dipendenti legati ad altri sindacati. Questo non può che confortarci e farci sentire sulla strada giusta”.

“Innanzitutto rivendichiamo la legittimità di questo sciopero – precisa ancora Gatto – dal momento che Cub Trasporti venerdì 10 dicembre non ha effettuato alcuna astensione dal lavoro, per cui non si pone il problema dell’intervallo dei 10 giorni tra uno sciopero e l’altro previsto dalla Commissione di garanzia e dalla legge. In secondo luogo, chiediamo un incontro con il Comune, che è uno dei maggiori azionisti di Tpl Linea, e che non si sta dimostrando attento a questa vertenza. Noi dobbiamo affrontare da un lato il problema legato alle risorse tagliate dal governo centrale, dall’altro quello della gestione delle relazioni sindacali e dei rapporti disciplinari con i lavoratori Tpl. In particolare, il fatto che questa azienda voglia far pagare ai lavoratori i tagli subiti attraverso il peggioramento delle condizioni di lavoro, la riduzione dei riposi e della retribuzione (si parla di circa 200 euro al mese)”.

“Inoltre ieri i lavoratori hanno ricevuto una mail da parte dell’azienda apparentemente garbata ma dal contenuto minaccioso – sottolinea Gatto – in cui si sosteneva che, nel caso in cui la Commissione di garanzia avesse ritenuto questo sciopero illegittimo, ogni lavoratore avrebbe pagato una sanzione. Ipotesi fasulla, in primo luogo perchè questo sciopero non è assolutamente illegittimo, in secondo luogo perchè, essendo una protesta organizzata dal sindacato, sarebbe comunque quest’ultimo a pagare. Si tratta di un’azione inqualificabile”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.