IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Richieste di rinvio a giudizio, Vaccarezza: “Non mollerò mai e andrò avanti”

Provincia. Il presidente della Provincia di Savona, Angelo Vaccarezza, interviene in merito alla richiesta di rinvio a giudizio riguardo la questione elettorale del maggio dell’anno scorso che lo vede coinvolto.

“Ho accolto con stupore, devo dire abbastanza contenuto, questa richiesta – dichiara Vaccarezza sul suo blog -. Ancora una volta il presidente della Provincia, legittimamente eletto dai cittadini, ha appreso fatti importanti che lo riguardano direttamente dagli organi di informazione. Un modo di lavorare che mi ha personalmente lasciato molto amareggiato”.

“La cosa che vorrei sottolineare – prosegue – è che a quanto pare, e dico così perchè la verità ancora non la conosco, è che la richiesta di rinvio a giudizio sia stata sottoscritta il 2 di novembre, esattamente quattro giorni dopo che il Tar della Liguria ha dichiarato regolare la mia elezione a seguito di una sentenza del Consiglio di Stato che considerava legittimo il mio ricorso. Quindi nel momento in cui è stata proclamata la mia definitiva elezione e il fatto di poter serenamente fare il mio lavoro come presidente della Provincia per i prossimi tre anni e mezzo, cosa di cui peraltro io non ho mai avuto dubbio, la procura ha deciso di rinviare a giudizio tutti quanti”.

“Sul come siano andate realmente le cose – spiega Vaccarezza – posso dire che ogni giorno che passa raccolgo nuovi elementi e sono felice che ci sia la possibilità di poter rendere pubbliche tutte le cose che in questi mesi mi hanno lasciato quantomeno perplesso. Non ritengo di farlo oggi, anche perchè tutti i cittadini avranno notato che quando sono stato dichiarato presidente dal Tar e la mia elezione conclamata, i giornali abbiano dedicato tre colonne all’argomento, ora che c’è una richiesta di rinvio a giudizio ogni quotidiano dedichi tre pagine”.

“Quindi anche sul modo in cui viene giocata questa partita avrei molto da dire – dichiara -. D’altra parte certi accusatori preferiscono elargire anticipazioni ai media anziché optare per una più rispettosa attesa delle decisioni di un giudice terzo. Ed è singolare che questo trattamento venga riservato a chi, come me, rappresenti in massimo grado i cittadini della Provincia di Savona e che, anche  solo per questo, esige il massimo rispetto delle procedure e della garanzie difensive, anche se ho il difetto di avere il colore politico sbagliato”.

“Solo una cosa mi sento di dire in questo momento – aggiunge il presidente della Provincia -: desidero rincuorare i lavoratori di Ferrania e tutti i cassa integrati di questa provincia, quelli che si aspettano il lavoro, gli imprenditori che hanno fatto investimenti, quelli che si aspettano le infrastrutture, quelli che hanno avuto fiducia in chi, finalmente, ha anteposto gli interessi della gente a quelli della classe dirigente del partito che da sempre, pur in maniera democratica, non amministra ma domina questa provincia, a tutti loro dico che io non mollerò mai e andrò avanti”.

“Anche se in questo momento – conclude – , parafrasando Guccini, mi verrebbe da dire ‘Adesso avete voi il potere, adesso avete voi supremazia, diritto e polizia’, d’altra parte mi pare anche corretto aggiungere ‘che è facile tornare con le tante stanche pecore bianche! Scusate, non mi lego a questa schiera: morrò presidente pecora nera!’ …anzi azzurra!”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. hi-tech
    Scritto da hi-tech

    GIUSTO!!!
    si ricordino le famose frasi: “boia chi molla!” oppure “noi tireremo diritto!” oppure “sempre avanti!”.
    Vogliamo che il nostro Presidente della Provincia possa continuare a presiedere e a mostrare a tutti quello che farà.
    Siamo molto curiosi di vedere.