IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Regione, sostegno ai centri sociali: bagarre in Consiglio regionale

Regione. “La giunta e la maggioranza schiave della sinistra estrema alla fine del lungo dibattito sul Bilancio in consiglio regionale approvano un ordine del giorno con il quale si impegnano ad attivarsi politicamente e finanziariamente a sostegno dei centri sociali”, dichiarano sconcertati i consiglieri regionali del Pdl Rosso, Scajola, Della Bianca, Melgrati e Saso.

A scatenare le ire del Pdl reginale l’ordine del giorno (primo firmatario Alessandro Benzi, Federazione della Sinistra) che impegna la Giunta ad individuare spazi pubblici idonei alla realizzazione in offerta autogestita di nuove forme di aggregazione giovanile, di nuovi processi di aggregazione sociale e di espressione culturale attraverso laboratori sociali, approvato con 18 voti a favore 1 contrario Rosario Monteleone (Udc) e 4 astenuti: Ezio Chiesa (gruppo Misto), Giancarlo Manti, Pd, Sergio Rossetti, pd Marco Limoncini (Udc).  Il documento ha suscitato un acceso dibattito.

Secondo gli esponenti del Pdl l’ordine del giorno presentato da Sel e Federazioni della Sinistra è un documento provocatorio e dannoso specialmente in questa fase di grave difficoltà economica in cui si trova il nostro Paese e la Liguria “mentre viene respinto l’emendamento del Pdl che chiedeva maggiori risorse a favore degli oratori, la Maggioranza si prodiga per sostenere quei centri di aggregazione che poi sono quelli che scendono in piazza per “sfasciare” le città”.

“C’è da rimanere colpiti da questa proposta vetero comunista. Oggi la maggioranza ha fatto emergere crepe pesanti al suo interno ha trovato come collante un ordine del giorno che vede impegnata la giunta per favorire i centri sociali”.

“Un ordine del giorno senza nè capo nè coda – precisano Rosso, Scajola, Della Bianca, Melgrati e Saso  – che dimostra la sudditanza supina nei confronti dei partiti dell’estrema sinistra. Una scelta politica pesantemente negativa che ha messo in evidenza come vengono spesi i soldi dei cittadini liguri”.

“Noi abbiamo chiesto che venissero sostenute le famiglie, le aziende, il lavoro, ma anche il territorio, la sanità e le amministrazioni locali e di fronte ai secchi no della Giunta e della maggioranza rimaniamo amareggiati. Rispetto alle nostre richieste di buon senso che richiedevano interventi su capitoli di bilancio da sempre finanziate dalla Giunta, con l’introduzione di questo ordine del giorno si è voluto invece  affermare una netta presa di posizione politica che non va certo nella direzione di quella che è la volontà della maggioranza dei cittadini liguri ”, concludono i consiglieri regionali del Popolo della Libertà.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. red1966
    Scritto da red1966

    il fatto che i soldi “non sono stati ancora stanziati nè spesi” non toglie assurdità alla prosta approvata che è a dir poco SCANDALOSA!!!!!… eppoi per tenerli sotto controllo ci sono altri medoti.. LEGALI… sicuramente più utili… meno dispendiosi… e più efficaci!!!!!!

  2. goldrake
    Scritto da goldrake

    Coloro che sono stati eletti nelle istituzioni non dovrebbero neanche pensare di trattare certi argomenti, sicuramente non socialmente utili ma, certamente dannosi alla collettività che con le proprie tasse dovrebbe foraggiarli.
    Proporre finanziamenti per certi fini denuncia la totale mancanza del PUDORE della bocca.

  3. G.B. Cepollina
    Scritto da G.B. Cepollina

    ..ed ecco che burlando ha confezionato il regalo di Natale per i compagni… ora che la regione finanzierà i teppisti dei centri sociali i comunisti vari ancora presenti in consiglio regionali se ne staranno buoni buoni per un pochino…
    E’ curiosa la concomitanza con la presentazione della campagna pubblicitaria del PD che accusa il Governo e Tremonti di “lasciare in mutande i Liguri” per i tagli previsti dalla finanziaria, ma a quanto pare burlando i soldi per questa gentagli ( http://www.ilsecoloxix.it/p/genova/2010/12/23/AN7q9BYE-secolo_teppisti_assaltano.shtml ) li trova sempre, li trova per gli studi sulle piante grasse (notizia di ieri), trova 200.000 euro per un sito internet (uno sproposito per un sito pure piuttosto brutto…), i soldi li ha trovati anche, qualche tempo fa, per finanziare lo studio delle “rane urlatrici” e per amenità varie… senza scordare i 300.000 euro spesi dall’USL genovese per “comunicazione istituzionale” che poi si è rilevata pubblicità elettorale pro burlando fatta a nostre spese….

  4. Scritto da Resist

    Calma…prima di urlare…i soldi non sono ancora stati ne individuati ne spesi.
    I centri sociali sono una realtà in tutta Italia, da molti anni…ignorarli è ancora peggio.
    Aprire un dialogo con loro può essere utile anche per controllare quello che stanno facendo.
    Se tanti giovani si sentono emarginati è anche colpa di questo governo di destra che non da loro speranze.

  5. red1966
    Scritto da red1966

    VERGOGNA!!!!… questi centri sono il ricettacolo di nullafacenti fancazzisti… tossici… devastatori di città!!!!!… e ci tocca mantenerli con le nostre tasse!!!!