IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Prove generali di sistemi turistici locali con i vini della Cooperativa Viticultori Ingauni

Liguria. Prove generali di sistemi turistici locali con il video realizzato dai corsisti del seminario “Il prodotto tipico ambasciatore di un territorio tra tradizione e new media”che si è svolto lo scorso 16 dicembre presso i musei albenganesi, nell’ambito del progetto “Welcome you are in Liguria”.

Il cortometraggio diretto da Luca Turli, docente della terza area dell’Istituto Alberghiero F.M. Giancardi di Alassio, salda le valenze storico-artistiche della rete museale di Palazzo Oddo alle colture e ai prodotti tipici della piana albenganese, dal carciofo al pigato, testimoniando in presa diretta dai “luoghi della memoria” le potenzialità, ancora inespresse, del connubio Arte-cibo quale ambasciatore della nostra offerta turistica.

Protagonisti del video quattro ricette e quattro vini della cooperativa viticultori ingauni, vermentino, pigato, rossese della D.O.C. Riviera Ligure di Ponente, ormeasco della D.O.C. Ormeasco di Pornassio che sono stati presentati, nella sala del camino e tra le anfore e i reperti archeologici della Nave romana artiglio”.

Compito affidato allo chef Sandro Nobbio, dell’accademia delle tradizioni enogastronomiche della Liguria di ponente e al delegato provinciale di Imperia della F.I.R.S.A.R (federazione italiana sommelier albergatori ristoratori) Ivano Brunendo. L’iniziativa risponde all’esigenza regionale di incentivare la realizzazione di S.T.L. a forte valenza culturale potenziando la capacità di accoglienza territoriale, sia in termini qualitativi che quantitativi, e di sostenere conseguentemente lo sviluppo economico e sociale del settore. La Regione Liguria all’inizio del 2010  ha stanziato 1.000.000,00 di euro a valere sul PO CRO Fondo Sociale Europeo Regione Liguria 2007 – 2013 Asse I “Adattabilità”, mirato a sostenere la realizzazione di interventi di formazione, allo scopo di favorire lo sviluppo delle politiche di accoglienza turistica.

Il finanziamento è stato assegnato al progetto presentato dall’Associazione temporanea di Scopo ( ATS) costituita da 12 Soggetti Promotori, che vede capofila il Centro di Formazione Turistica Alberghiera “Elio Miretti di Varazze. Il sistema progettuale proposto può pertanto contare sulla professionalità di 5 Istituti Secondari Superiori a specializzazione Turistica e di 7 Enti di formazione accreditati.

Attraverso il progetto denominato “Welcome you are in Liguria” l’ATS intende promuovere in ambito regionale lo sviluppo di un di un sistema di accoglienza innovativo e di qualità i cui modelli risultino condivisi e ripetibili nel tempo dagli imprenditori ed operatori del territorio.

Il progetto si pone l’obiettivo da un lato di creare e diffondere una cultura condivisa dell’accoglienza turistica, dall’altro di favorire l’acquisizione di competenze tecnico-professionali indispensabili per qualificare l’offerta territoriale locale, valorizzarne i tratti e le caratteristiche distintive, costruire un sistema-rete di persone e risorse in grado di promuoverne in maniera qualificata i contenuti.
Per informazioni più dettagliate: info@cfpmiretti.it

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. alberto.peluffo
    Scritto da alberto.peluffo

    Il turismo ligure incomincia a muoversi in maniera organizzata, unendo le forze. C’è voluto molto tempo per incominciare (troppo, effettivamente), ma finalmente si sta partendo. La Liguria ha le potenzialità per crescere moltissimo in campo turistico, ma finora non le ha sapute sfruttare adeguatamente. Gli STL sono una grande opportunità, il difficile è tradurre i principi in azioni concrete; se qualcuno indica la strada, certamente altri seguiranno.