IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Pallanuoto, attacchi dalle polveri bagnate: Savona batte Lazio 8 a 5

Savona. Una Rari Nantes Savona tutt’altro che brillante ha avuto la meglio sulla Lazio per 8 a 5, chiudendo il 2010 in vetta alla classifica alla pari con la Pro Recco, anch’essa sempre a punteggio pieno. I biancorossi, ancora privi di Aicardi, hanno ottenuto il successo senza dominare come ci si sarebbe potuto attendere osservando la graduatoria. Ma ciò che conta era conquistare i tre punti e questi sono arrivati.

Risparmiare qualche energia era comunque consigliabile e la squadra allenata da Claudio Mistrangelo lo ha fatto gestendo un vantaggio esiguo ma costante, al punto che la Lazio è rimasta in parità solamente per 3’51”, ossia fino al goal che ha sbloccato il risultato, poi ha sempre dovuto inseguire.

La prima palla al centro è savonese, per merito di Janovic. L’azione non va a buon fine e già si intuisce che per l’attacco locale non sarà una gran serata; in compenso la retroguardia biancorossa è impeccabile. La prima superiorità, per fallo di Szabo su Lapenna, termina con un tiro di Angelini su Violetti. Sull’altro fronte Volarevic dice no a una beluina di Leporale. La prima rete è opera di Janovic che, a tu per tu con il portiere, non perdona. I laziali sfiorano il pari con Urreli che al volo, su assist di Sebastianutti, centra la traversa. Poi è Deni Fiorentini ad andare al tiro, Violetti respinge e c’è il tap-in vincente di Giacoppo ma è nei due metri e Taccini annulla. Negli ultimi 10 secondi Violetti para una fucilata di Deni Fiorentini e una conclusione di Janovic.

Nel secondo periodo Deni Fiorentini prende la palla in mezzo e dà il via ad un’azione che, dopo l’espulsione di Gianni, termina con un suo tiro: Violetti lo smorza e la sfera si spegne sulla linea immaginaria con qualche protesta tra il pubblico nel quale c’è chi sostiene che l’abbia varcata. Poco dopo va nel pozzetto Di Rocco e Goran Fiorentini sigla il raddoppio.

A 5’58” da metà gara Janovic intercetta un passaggio in attacco della Lazio ma non tiene il pallone che giunge a Leporale, il quale non esita e da posizione centrale accorcia le distanze. Trascorre poco più di un minuto e con Markovic fuori per un fallo su Lapenna, Rizzo sigla il 3 a 1. E’ la seconda e ultima superiorità andata a buon fine per il Savona sulle 7 che, nel complesso, avrà avuto a disposizione.

A 2’36” un diagonale di Di Rocco rimbalza sulla traversa, sull’altro fronte recupera Tafuro che trafigge Volarevic. Sul finire del periodo c’è ancora tempo per una staffilata di Janovic che si schianta sul palo e un tentativo di Szabo che centra la traversa.

Anche in avvio di terzo periodo c’è tanta imprecisione al tiro da ambo le parti. A 5’52” dall’ultimo intervallo Goran Fiorentini colpisce la trasversale. Il Savona ha il merito di saper tenere i laziali lontano dalla propria porta e, dopo 7’41” di astinenza, torna al goal grazie ad un tiro di Goran Fiorentini leggermente deviato.

La Lazio non demorde: c’è un bel passaggio di Szabo per Leporale che viene fermato irregolarmente da Giacoppo. Fallo grave ma i romani non sfruttano l’uomo in più (per loro, alla fine, saranno 2 su 8 le reti in tali circostanze) e c’è la ripartenza savonese che non dà gli esiti sperati. Il Savona non riesce a sferrare l’allungo: Rizzo va via per la corsia centrale e serve sulla destra Deni Fiorentini, Violetti para.

Gli arbitri lasciano correre su un fallo richiesto da Urreli, quindi fischiano un fallo in attacco ai locali che restano sbilanciati; la palla perviene proprio a Urreli che appoggia sulla sua sinistra a Markovic, il quale non piuò sbagliare: 4 a 3. A 1’50” dalla fine del terzo la Lazio è sempre in scia. Nonostante il goal dei suoi, Cristiano Ciocchetti si lascia andare a proteste plateali, lamentandosi per l’episodio sull’azione precedente. Si becca il cartellino rosso e immediatamente dopo stessa sorte tocca al dirigente accompagnatore Gianni Latini. Entrambi vanno a sedere nella curva della Zanelli.

L’episodio turba l’ambiente in casa ospite. A 1’29”, a uomini pari, Angelini piazza la palombella del + 2. Poi Sebastianutti ferma Goran Fiorentini lanciato in contropiede e va nel pozzetto. Il numero 12 savonese riprende il gioco, si presenta a tu per tu con Violetti e dopo un paio di finte mette in rete. A 18″ dal termine c’è la reazione laziale: fallo grave di Giacoppo, Presciutti va a bersaglio. Ma con 4″2 da giocare Janovic, da posizione centrale, infila il pallone del 7 a 4. Il tentativo disperato da oltre metà campo di Leporale chiama Volarevic alla parata.

Forte di 3 reti di vantaggio, negli ultimi otto giri d’orologio la Carisa prova a limitarsi a gestire. Janovic lascia i suoi con l’uomo in meno ma la difesa regge. A 4’58” dalla fine, però, non accade altrettanto con Smith nel pozzetto: Markovic va in goal. Il Savona fallisce il colpo del ko nonostante le espulsioni di Tafuro prima e Szabo poi. Quando tocca a Rizzo uscire temporaneamente, a 2’56” dalla sirena, gli ospiti chiamano il time-out cercando di sfruttare l’occasione per rientrare in partita. Ma Goran Fiorentini intercetta un passaggio e lancia Deni che viene fermato fallosamente da Tafuro. Rigore, a 2’34” dal termine: Janovic la mette nell’angolo alto alla destra di Violetti. E’ il definitivo 8 a 5. Nel finale più volte la Lazio fallisce il sesto goal: Volarevic dice no a Sebastianutti, poi respinge facilmente un tiro di Markovic con Smith fuori per fallo grave. A 42″ dal termine Giacoppo esce per raggiunto limite di falli ma Di Rocco conclude senza decisione e anche questa occasione sfuma.

Il tabellino:
Carisa Savona – SS Lazio 8 – 5
(Parziali: 1 – 0, 2 – 2, 4 – 2, 1 – 1)
Carisa Savona: Volarevic, Astarita, F. Mistrangelo, Giacoppo, Smith, Rizzo 1, Janovic 3, Angelini 1, Lapenna, D. Fiorentini, L. Fulcheris, G. Fiorentini 3, Antona. All. C. Mistrangelo.
SS Lazio: Violetti, Nieves Urreli, Sebastianutti, Gianni, Latini, Di Rocco, Tafuro 1, Markovic 2, Leporale 1, Szabo, Presciutti 1, Gitto, Gazzarini. All. Ciocchetti.
Arbitri: Giuseppe Fusco (None) e Cristina Taccini (Torino). Delegato Fin: Maggiolo.

I risultati della 10° giornata, nella quale ci sono state 3 vittorie interne, 2 esterne e 1 pareggio:
Rari Nantes Camogli – Rari Nantes Bogliasco 10 – 10
Carige Olio Carli Imperia – CN Posillipo 9 – 15
Rari Nantes Florentia – Ferla Pro Recco 9 – 17
Brixia Leonessa – Latina Pallanuoto 14 – 7
Carisa Savona – SS Lazio 8 – 5
Ellevì Nervi – Igm Ortigia 11 – 10

La classifica della serie A1 dopo 10 delle 22 giornate in programma:
1° Carisa Savona 30
1° Ferla Pro Recco 30
3° Brixia Leonessa 22
3° CN Posillipo 22
5° Rari Nantes Florentia 14
6° Rari Nantes Camogli 11
6° Rari Nantes Bogliasco 11
8° Ellevì Nervi 10
9° Latina Pallanuoto 9
10° Igm Ortigia 7
10° SS Lazio 7
12° Carige Olio Carli Imperia 1

L’11° giornata, ultima di andata, si disputerà martedì 4 gennaio. Gli incontri in programma:
Ferla Pro Recco – Carisa Savona
CN Posillipo – Brixia Leonessa
Rari Nantes Bogliasco – Carige Olio Carli Imperia
SS Lazio – Rari Nantes Camogli
Igm Ortigia – Rari Nantes Florentia
Latina Pallanuoto – Ellevì Nervi

Clicca qui per vedere alcune foto dell’incontro di questa sera.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.