IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

I consiglio del Corpo forestale: “Alberi di Natale solo al vivaio e niente addobbi pesanti”

“Chi non riesce a fare a meno dell’ abete per l’albero di Natale sia disponibile almeno a rispettare poche e semplici regole per non danneggiare la pianta: addobbi non pesanti, no a spray e vernici colorate, terra sempre umida, luce e non troppo caldo” . Sono questi i consigli del Corpo forestale che raccomanda di acquistare gli abeti presso i vivai e suggerisce alcune semplici regole per la salvaguardia delle piante.

Gli abeti bianchi e rossi che affolleranno le case degli italiani per poco più di un mese vanno acquistati presso i vivai, per poter essere sicuri – sottolinea la Forestale – di utilizzare piante provenienti da una regolare attività agricola: solo così potremo essere certi che nulla verrà tolto alla natura. Per chi cerca, invece, una soluzione alternativa al tradizionale abete, la Forestale consiglia altre specie di piante sempreverdi che più facilmente si adattano al clima cittadino e che possono resistere maggiormente allo stress del caldo, degli addobbi e della mancanza di luce. Ad esempio l’agrifoglio, il ginepro, il corbezzolo, il viburno, il leccio, l’alloro e la sughera, o l’olivo e le piante di limone, arancio e mandarino. Ecco, inoltre, alcune regole da seguire, secondo il Corpo forestale, per la salvaguardia degli alberi di Natale.

Durante il periodo natalizio per la sopravvivenza delle piante è bene evitare di appesantire gli alberi con addobbi eccessivi e non usare sostanze decorative che intacchino la superficie delle foglie, come la neve artificiale e gli spray coloranti. Inoltre, durante il periodo di permanenza in casa, le radici della pianta devono essere mantenute costantemente umide. Nel caso degli alberi senza radici, è importante riporli in recipienti pieni di acqua tiepida, ad una temperatura di circa 30 gradi, che ne agevolerà l’assorbimento.

E’ necessario, infine, sistemare le piante in un luogo luminoso, fresco, lontano da qualsiasi fonte di calore. Terminato il periodo natalizio, gli alberi con radici possono essere posizionati all’esterno, sui balconi, o essere piantati nei giardini, ricordando che si tratta di piante che possono crescere fino a 15-20 metri e che le loro possibilità di sopravvivenza sono legate, oltre che alle condizioni vegetative della pianta, anche a quelle climatiche che devono essere appropriate alla specie. Nel caso in cui non si abbia la possibilità di piantare l’albero, la Forestale suggerisce di donarlo ai centri di raccolta indicati dai vivaisti o dai Comuni che provvederanno al recupero della pianta. Dagli alberi ormai inutilizzabili viene ricavato il legno, mentre le piante in migliori condizioni vegetative vengono trasportate e trapiantate in luoghi idonei al loro attecchimento.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.