IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Frana di Murialdo, strada a rischio chiusura per un anno: domani vertice in Provincia (fotoservizio) foto

Millesimo. Non ci sono soluzioni facili nè disagi limitati a tempi brevi: la frana di Murialdo che, il 24 dicembre scorso, ha letteralmente spaccato in due la Val Bormida è destinata a creare problemi ai cittadini della zona ancora per lungo tempo.

L’incontro di questa mattina presso il Comune di Millesimo – cui hanno partecipato i vertici di Tpl Linea, oltre che i rappresentanti della Comunità montana e i sindaci di Millesimo, Murialdo, Calizzano, Bardineto, Osiglia, Roccavignale e Massimino – ha portato notizie tutt’altro che incoraggianti. Il movimento franoso non si è infatti ancora stabilizzato (a dirlo è l’ultimo sopralluogo che risale a qualche ora fa): dunque, la messa in sicurezza e la riapertura della strada sono lontane chimere. Le previsioni più ottimistiche parlano di un tempo quantificabile tra i 6 e 7 mesi, quelle più pessimistiche (e, forse, anche più realistiche) di almeno un anno.

Un anno durante il quale bisognerà offrire ai valbormidesi una via alternativa. Domani alle ore 12, in Provincia, si terrà infatti un tavolo tecnico per approfondire questo aspetto vitale per i cittadini dell’Alta e della Bassa Valle che hanno perso la loro principale arteria di comunicazione. Si parla di intervenire per circa un chilometro lungo la stradina di campagna che, da Isolagrande (località in cui si è verificata la frana) costeggia il fiume Bormida su cui bisognerà costruire un ponte provvisorio in grado però di reggere anche il peso dei mezzi pesanti, dai camion ai pullman (importantissimi per gli studenti che da Bardineto e Calizzano devono raggiungere Cairo Montenotte). Si tratta di un intervento che richiederà tempo e, soprattutto, soldi. E, purtroppo, sono proprio questi ultimi a scarseggiare.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. IronMan
    Scritto da IronMan

    Quoto @ Folgore per il suo puntuale e preciso intervento, e lo invidio perchè ha ancora voglia di spiegare le cose ad un branco di ignoranti (=che ignorano) . . .

  2. sampei29
    Scritto da sampei29

    Filippo
    non ti preoccupare, credo che ironman litighi ormai anche con lo specchio quando si lava la mattina!

  3. Filippo
    Scritto da Filippo

    @ironman ma che messaggio hai scritto? esempi sensati che faccio finta di non capire? e ti sembra un esempio sensato dire di allargare una strada che è impossibile da allargare?
    Nella seconda parte del tuo intervento poi praticamente ripeti quello che ho detto io sopra.. cioè che uno strumento efficace sarebbe mettere in sicurezza il territorio (quindi prevenzione).. quindi non capisco perchè mi stai dando contro visto che, stando alle tue parole, la pensi esattamente come me..

  4. sampei29
    Scritto da sampei29

    IronMan
    io ho argomentato punto per punto la mia risposta, tu con il solito insulto, chi è banale?

  5. lingotto
    Scritto da lingotto

    iron,secondo tè il sindaco di murialdo,paesino di 800abitanti principalmente di prime case quanti “ingenti” risorse economiche ha a diposizione??è gia un problema trovare i soldi x lo sgombero neve,figurati per questi eventi!secondo mè sampei è l’unico che ha capito qualcosa(magari perchè conosce il territorio e sà di cosa parla)..senza considerare che è una cosa nota a chiunque che il disboscamento provoca frane..inoltre maggior parte delle strade della nostra provincia sono di competenza provinciale,quindi e troppo facile sparare sui sindaci,per di più di piccoli paesi strozzati dal taglio dei fondi e dall’abrogazione dell’ICI,ma quando fà comodo queste cose non si dicono o si fà finta di non ricordare..il decisionismo che tanto invochi dovrebbe venire dall’alto,ad iniziare dal tuo “idolo”vaccarezza,peccato che non si sia mai sentito e sopratutto visto nulla!