IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

“Don Lu”, ammesso un nuovo testimone: si tratterebbe del suo vice parroco

Savona. E’ durata appena mezz’ora l’udienza odierna nell’ambito del processo per pedofilia a carico di don Luciano Massaferro, il parroco alassino accusato di aver abusato in più occasioni di una 12enne, sua parrocchiana.

Un’udienza tecnica, nel corso della quale il Collegio dei giudici ha deciso di sentire un nuovo testimone per cercare di avere un quadro più completo possibile della delicata vicenda. Ufficialmente, si tratterebbe di un teste citato da una persona che avrebbe raccontato di un episodio al quale avrebbe assistito anche questo “misterioso” personaggio. Secondo voci ufficiose, si tratterebbe del vice parroco di don Luciano, un tempo in servizio ad Alassio e oggi trasferito a Roma. In particolare, i giudici vorrebbero delucidazioni in merito alla gestione delle benedizioni delle case che l’imputato andava a fare in compagnia della 12enne. Quest’ultima, infatti, ha raccontato di aver subito molestie proprio in quelle occasioni.

Inoltre, gli avvocati della difesa, hanno ottenuto l’ammissione agli atti di alcuni documenti, come i registri di classe e l’agenda del sacerdote, al fine di ricostruire gli episodi contestati. I legali di don Luciano, infatti, sono convinti di poter dimostrare che il giorno in cui la 12enne racconta di essere stata abusata durante la benedizione delle case, in realtà al suo posto vi sarebbe stata un’altra bimba. Prossime udienze: il 13 gennaio e il 17 febbraio.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Sally De Vasquez
    Scritto da Sally De Vasquez

    Siss…conoscete BENE sia il don che la ragazzina? Chi può conoscere realmente i demoni che possono agitarsi anche nell’animo più gentile?Attenzione… certi tristi episodi non sono sempre opera del Lupo Cattivo,così come le vittime non assomigliano tutte a Cappuccetto Rosso,ma questo non rende meno gravi gli abusi.Non vi siete comportati bene con la bambina,ammettetelo…non ne avete avuto rispetto,e questo non ha fatto bene neanche al vostro don,esacerbando gli animi e spingendo comunque l’opinione pubblica a prendere posizioni estreme.E se (e dico se…) il vostro don avesse davvero commesso un errore?Non sarebbe meglio xlui avere la possibilità di pentirsi,avere una comunità disposta a perdonarlo e aiutarlo cristianamente ad accettare le proprie debolezze?Non so…io non sono credente,ma credo che in questa brutta storia più che la cristianità si sia persa di vista l’umanità…

  2. Scritto da freeholly9

    Cara siss,se fossero tutti come te non ci sarebbero stati problemi e la questione non avrebbe avuto il riscontro mediatico che ha suscitato.
    Basti pensare al pedofilo di 21 anni Stefano Ferrando di Vado ligure che ha abusato VERAMENTE di una bambina di pochi mesi,colto sul fatto e dopo un mese neanche ai domiciliari, di cui nessuno però parla…MA CHE HA STUPRATO senza ombra di dubbio e pure colto in flagrante e reo confesso.
    Ora non voglio assolutamente accomunare i due casi perchè in uno la violenza è conclamata e nell’altro è solo presunta….Però non si può scavalcare le leggi e le indagini come hanno fatto molti di voi,postando cose allucinanti sulla bambina o allusioni varie su come sarebbero andati i fatti oppure fantasie della bambina…per arrivare poi alle varie fiaccolate in giro per alassio,che,se fossi stato io il questore,avrei vietato e presidiato con la digos in antisommossa:
    questo perchè,nella seppur (per voi) remota ipotesi che la bambina dica la verità, la fiaccolata non sarebbe altro che uno stupro mentale.
    la violenza peggiore per le donne è quella di non essere credute alle violenze,motivo per cui alcune volte si tacciono episodi gravissimi (ad ogni età).
    Per quanto riguarda la versione della bambina,per quello che credo io, suppongo che sia stata creduta sulla base di prove o di gravi indizi di colpevolezza tali da giustificare il carcere.
    Se tali invece non fossero stati, i vari giudici avrebbero deciso diversamente sulle istanze di scarcerazione presentate (mi pare fossero 5 o 6?).
    Capisce anche lei Siss, che solo in un resoconto parziale riassuntivo ed incompleto come quello che ho scritto adesso io,
    sussistono tanti e troppi di questi “se” da far vacillare anche una colonna.
    Saluti

  3. Scritto da Resist

    Gentile Siss….continuiamo a ripetere le stesse cose.
    Sul caso specifico aspettiamo questo benedetto processo.
    Ma purtroppo bisogna rilevare che il problema è tanto dibattuto perchè centinaia,dico centinaia di sacerdoti si sono macchiati di questo crimine…e chi sapeva ha taciuto per tanti anni.
    Io sostengo che la Chiesa Cattolica sul tema “sesso”dovrebbe cambiare completamente registro ed educare i futuri Preti in modo diverso… e lasciarli anche liberi di farsi una famiglia.

  4. IronMan
    Scritto da IronMan

    @ Siss . . . se però fosse accertata la colpevolezza di Don Luciano, tu (e quanti ad Alassio lo difendono in questo modo) dovreste trascorrere qualche giorno in galera !! DALLA VOSTRA “BANDA” NON HO MAI VISTO POSTATO UNA RIGA DI PREOCCUPAZIONE PER LA RAGAZZINA !! siete semplicemente V-E-R-G-O-G-N-O-S-I !!

  5. Scritto da mrb

    Anche chi crede nella bambina è di Alassio e conosce bene entrambi….. ma questo non significa niente……. la testimonianza della bambina è stata analizzata e giudicata da neuropsichiatre del Gaslini che hanno ritenuto di dover fare intervenire le forze dell’ordine…. don luciano poteva chiedere l’intervento delle assistenti sociali del comune,che avrebbero avuto le competenze necessarie, per chiarire le cose durante quei mesi e non una sua amica….. e se per puro caso fosse veritiero il racconto della “terribile e sfortunata” bambina????? 4 ave maria ed un pater nostro???
    Fatto sta che nella fiaccolata fra tutta quella gente ho visto pochi di Alassio in percentuale, sono state mobilitate le comunità ecclesiastiche che in quanto a conoscenze, opportunità e presenza sociale sono comunque più rilevanti della “disastrata” famiglia della bambina, purtroppo………. non riscontro democraticità di pensiero nella vostra comunità, tant’è che su facebook viene dichiarato esplicitamente………mi dispiace ma il mondo civile è fatto diversamente ed esiste il contradittorio che bisogna cristianamente accettare…….. non esistono sensi unici nella vita……………in ogni modo auguro un Buon Anno a tutti i bambini…. e nel caso specifico alla bambina…….sperando nella maturità e nell’amore cristiano di tutti