IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Capo Santo Spirito: al via il senso unico alternato

Borghetto Santo Spirito. Dovrebbe scattare oggi il senso unico alternato sull’Aurelia a Capo Santo Spirito necessario per permettere i lavori per il collegamento della fognatura cerialese al depuratore consortile. Con tutta probabilità il semaforo sulla via Aurelia sarà acceso dagli operai nel primo pomeriggio, salvo complicazioni dell’ultima ora.

Il blocco parziale della circolazione consentirà all’impresa appaltatrice di costruire una passerella pedonale panoramica a sbalzo sul mare. Prevedibili i disagi alla circolazione, soprattutto in vista delle festività natalizie.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da giasone

    nessuno mette in dubbio l’utiltà dei lavori anche se sono in ritardo di una decina di anni nel frattempo il consorzio ha pagato generosi gettoni di presenza ai politici presenti nel cda come a quelli che siedono nel cda di autostrada dei fiori tutto con soldi nostri
    non piangente se un giorno il popolo bue si stancherà

  2. GigiG
    Scritto da GigiG

    Quando hanno chiuso Capo Noli per 6 mesi, anche da noi, zona Finale-Varigotti-Noli ecc., ci siamo trovati nella stessa condizione: solo che da noi la strada è stata chiusa 6 mesi, e ci siamo ritrovati a dover fare quella fatiscente autostrada dei fiori, carissima, senza corsia di emergenza, con guarda-rail da terzo mondo. Ma come si fa ad iniziare i lavori poco prima di Natale…? Ci vuole veramente un’ intelligenza fuori dal comune…

  3. G.B. Cepollina
    Scritto da G.B. Cepollina

    @ Gianluca: voglio sperare che tutte le alternative al senso unico alternato siano state valutate e scartate per motivi validi, non ho le conoscenze tecniche per esprimermi in materia ma credo che nessuno abbia sottovalutato i disagi che si andranno purtroppo a creare …

    @ “tex” …se aspetti la fine dei lavori per “buttare tutti a mare” rischi di far trovare alle tue vittime un’acqua troppo pulita…quindi affrettati! :-D

  4. Tex Murphy
    Scritto da Tex Murphy

    1) Mi chiedo se e quando vedrò il giorno in cui gli automobilisti incazzati passeranno ai caselli della “nostra” autostrada rifiutandosi di pagare il pedaggio….un sogno…. che più passa il tempo e sempre più sogno.
    2) Mi chiedo anche se questi famigerati “servizi ambientali” servono realmente a qualcosa o solo a far mangiare i soliti noti.
    3) Mi chiedo ancora come sia possibile, nell’anno del Signore 2010 d.c. far credere alla gente che sei mesi di lavori nell’unica strada della regione servano al bene della regione stessa, con benefici per il turismo e BLA BLA BLA……..ma chi volete prendere per il C…..O ???
    4) Mi chiedo……COSA ASPETTIAMO A BUTTARLI TUTTI A MARE ?

  5. gianluca@merciai
    Scritto da gianluca@merciai

    Sono pienamente d’accordo sull’importanza della depurazione delle acque reflue per garantire una miglior qualità del nostro mare che è elemento primario e fondamentale per il turismo e l’economia della riviera. Non sono d’accordo sul fare i sacrifici perchè :”il gioco vale la candela” .. per me no è così ! soprattutto quandol vi sono delle alternative facilmente attuabili se solo preventivate.
    Purtroppo in generale siamo abituati a concepire l’opera pubblica solo fine a se stessa senza preoccuparci dei disagi che arrechiamo nel corso della realizzazione delle opere. Anche i disagi e i maggiori costi (deviazione sulla A/10) nel caso specifico andavano preventivati e inseriti nel progetto ma soprattutto nel quadro economico. In questa fase è chiaro che è difficile che il RUP, la committenza possa variare i lavori, il cronoprogramma ecc.
    Spero vada tutto bene, che il traffico scorra, che non vi sia alcun problema ma nel caso ciò non capitasse e si venissero a formare code chilometriche a quel punto a lavori in corso sarebbe complicato smobilitare un cantiere e quindi non si tratterebbe solo di disagio ma di un vero problema di ordine pubblico ! Mi dispiace che si sia sottovalutata questa evenienza ma si è ancora in tempo: se si iniziassero i lavori dopo il 7 gennaio: primo si eviterebbero i disagi con l’affluenza turistica nel periodo Natalizio e secondo si avrebbe il tempo di rivedere il progetto ma soprattutto il cronoprogramma lavori.
    Come si suol dire : “la speranza è l’ultima a morire” e per tanto spero nell’intervento del Prefetto di Savona Claudio Sammartino, (il più importante organo di rappresentanza Governativa a livello Provinciale) che fra le sue innumerevoli funzioni ha anche quella di garantire i servizi pubblici essenziali nonchè l’ordine e la pubblica sicurezza.