IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Villanova, l’aeroporto in cerca di 2,6 mln di euro per il rilancio foto

Villanova. E’ stato presentato dal presidente Maurizio Maricone il piano industriale che andrà al vaglio del nuovo Cda, per poi approdare all’esame degli azionisti.  “Ci siamo lanciati in questa avventura credendo che questo aeroporto deve ripartire al più presto. Per prima cosa perché si stratta di un’infrastruttura di un territorio sulla quale gli enti pubblici e anche i privati hanno investito del denaro negli ultimi anni. La struttura di Villanova non ha mai smesso di funzionare e il dato di business aviation è in aumento rispetto agli altri anni. Ha bisogno di funzionare di più e di essere ottimizzata perché gli investimenti fatti negli anni precedenti comportano un livello di utilizzo maggiore rispetto a quello che se ne fa adesso. Abbiamo l’esigenza di chiudere alcuni lavori  che l’Enac ci chiede sulla pista e completare lavori già iniziati. Per fare questo abbiamo bisogna di circa 600 mila euro. Servono altri soldi che abbiamo l’ambizione che si pagheranno da soli grazie a degli introiti e dei ricavi” ha detto il presidente Maurizio Maricone.

“L’aeroporto di Villanova secondo il piano industriale avrà una doppia linea di sviluppo, una business rivolta non solo ad una clientela ricca ma dando la possibilità di utilizzare piccoli aerei a coloro che sono in altri piccoli aeroporti e devono arrivare in Liguria velocemente e in maniera comoda. La seconda linea di sviluppo, obbligatoria per la vocazione pubblica di questo scalo, è quella di costruire tratte di collegamento cioè dei voli di linea tra i quali per ragioni di traffico, si privilegerà Roma che è la linea più ricercata. Ma stiamo vagliando di fare anche altri  collegamenti con altre aree nazionali e internazionali seguendo l’esempio di altri aeroporti. E’ chiaro che questo aeroporto ha una forte vocazione per l’aviazione privata. Il nostro obiettivo è seguire l’esempio di Cannes che produce un indotto di 84 milioni di euro e dà occupazione a oltre 300 persone. Credo che possiamo riuscirci lavorando sodo con prospettive di lungo periodo” ha concluso il presidente

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.