IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Varazze: poche certezze sul futuro per i lavoratori della M.Eco

Varazze. Questa mattina i lavoratori della M. Eco, società trapanese che gestisce il contratto d’appalto dell’igiene ambientale per il Comune di Varazze, si sono riuniti in assemblea sotto il Palazzo Comunale per avere risposte sul loro futuro.

I lavoratori non hanno percepito l’ultimo stipendio poiché tutti i beni ed i crediti dell’Azienda sono stati pignorati. Nel corso della mattinata si è tenuto un incontro fra l’Amministrazione di Varazze e la M. Eco nel corso del quale doveva essere chiarita anche la situazione dei lavoratori.

“L’amministrazione ha cercato di rassicurarci dicendo che avrebbe lavorato per rimuovere i termini del pignoramento, nessuno, però, ci ha consegnato documenti o dato certezze per il futuro” dicono Fulvia Veirana della Fp Cgil e Roberto Speranza della Fit Cisl.

“Se la situazione rimanesse questa anche il mese prossimo non ci sarebbero né gli stipendi, né i contributi per i lavoratori. I lavoratori, durante l’assemblea ci hanno chiesto certezze e, vista la delicatezza della situazione, insieme abbiamo deciso di chiedere l’intervento del Prefetto e di proclamare una giornata di sciopero per la giornata di venerdì 8 ottobre prossimo”.

“Ci sono interrogativi che dovrebbero allarmare molto le Istituzioni: come farà l’azienda a continuare a svolgere il servizio? Se non riesce a pagare gli stipendi come farà a mantenere in uso i mezzi? Non essendo in regola con il pagamento dei contributi come farà a dimostrare al Comune di avere il Durc, documento essenziale per svolgere appalti pubblici,in regola? Oggi a queste domande non abbiamo risposte convincenti, auspichiamo che tutte le Istituzioni facciano la loro parte per una soluzione positiva rapida di questa brutta situazione.” Concludono i due sindacalisti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.