IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Vacanze, 5 mld di euro spesi in souvenir: la hit parade dei “peggiori”

Più informazioni su

Saranno forse le “insolazioni” agostane che non ci fanno ragionare lucidamente o il fatto che in vacanza tutto ci appare più bello, fatto sta che la maggior parte degli italiani torna dalle ferie con valigie colme di “improbabili” souvenir. Acquisti di cui, inevitabilmente, ci si pente una volta tornati a casa, perchè inutili o, semplicemente, esteticamente “discutibili”.

Si calcola che, durante queste vacanze, gli italiani si siano lasciati andare all’acquisto di souvenir per una cifra pari a 5 miliardi di euro. “Pensierini” da regalare o da tenere sugli scaffali in ricordo di un’estate ormai finita e che, prima o poi, finiranno in cantina. Un italiano su due, infatti, dichiara di non farsene più nulla una volta rientrati a casa e c’è già qualcuno che ha pensato di immetterli sul mercato dell’usato.

Il 78% di coloro che sono pronti a rivendere i souvenir – circa la metà – lo farebbe online, perché è semplice e bastano una foto e un click per incontrare un potenziale acquirente. Ecco la hit parade dei souvenir più odiati dagli italiani. Al primo posto le miniature di monumenti, disprezzate soprattutto dagli uomini, seguite dai Cd con le canzoni tradizionali del luogo, la classica palla di vetro con neve che cade, poco usata d’estate, ma di gran moda sotto Natale. E poi manufatti con conchiglie bbigliamento o accessori con il nome del posto visitato, e statuette che cambiano colore con il tempo e classici amuleti. Chi regala invece i peggiori souvenir? Secondo gli intervistati sono i parenti lontani i più agguerriti fan del kitsch, seguiti a sorpresa dagli amici che meglio dovrebbero conoscere i nostri gusti, dai vicini di casa e dai colleghi che forse sentono l’obbligo di non tornare a mani vuote e dagli immancabili suoceri.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.