IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Turismo: ecco i tre progetti comuni di Liguria e Piemonte

Alassio. L’assessore regionale al turismo Angelo Berlangieri, a margine dell’incontro alassino sulle strategie turistiche da intraprendere con il Piemonte, ha annunciato i tre progetti comuni che verranno messi in campo nel settore turistico.

“Presentare un progetto comune di infrastrutturazione turistica legata al trekking e al cicloturismo, avvelendosi dai fondi per la progettazione di eccellenza, che sono circa 100 mln di euro complessivi a livello nazionale. Abbiamo tempo due mesi e in due anni il progetto dovrà essere realizzata”

“Secondo progetto una collaborazione stretta tra l’agenzia regionale di promozione turistica In Liguria con il coordinatore della promozione turistica del Piemonte con l’obiettivo di creare un’offerta integrata in mercati di interessi comune: rendere più interessante, ampia e completa la proposta turistica, così da essere più competitivi sui mercati esteri, e ottimizzare i costi”.

“Infine – ha aggiunto Berlangieri – un bando comune per sostenere le spese all’estero di promozione dei consorzi delle due Regioni. Quindi tre progetti pragmatici e semplici per promuovere l’offerta turistica e commercializzarla al meglio”.

“Alassio ancora una volta è l’officina dove si progettano nuove soluzioni per il turismo ligure – ha conculso l’assessore al turismo del Comune di Alassio Monica Zioni -. Siamo lieti di aver ospitato l’incontro che darà il via ad una serie di iniziative importati per la nostra economia. La riunione di questa mattina ci consentirà di stabilire rapporti diretti di collaborazione con il Piemonte, privilegiato bacino turistico per la nostra città e ci darà la possibilità di potenziare le opportunità di visibilità e di promozione del nostro territorio. Un primo importante risultato è lo scambio avvenuto in occasione di Miss Muretto, che proseguirà il prossimo anno con la nostra presenza, per la prima volta dopo sedici anni in qualità di ospiti della Regione Piemonte, al Salone del Libro a Torino. Sono molto importanti anche le collaborazioni già attivate e che si attiveranno tra gli operatori turistici delle due regioni. Oggi alla riunione erano presenti la vice presidente piemontese, Viviana Battistetti e quella ligure Caterina Cosso del Consorzio Langhe, Astesana, Riviera”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. alberto.peluffo
    Scritto da alberto.peluffo

    Sampei, parlavo di “percezione” nel senso che il rapporto qualità/prezzo è sostanzialmente soggettivo: c’è chi compra auto che costano decine di migliaia di euro e trova il costo ragionevole, per me sono soldi buttati via. I servizi da noi non sono cari in assoluto, lo sono spesso in rapporto alla qualità che offrono. Non è solo una questione di ingordigia degli operatori, ma siamo tutti vittime di un sistema perverso: abbiamo indici catastali altissimi, quindi paghiamo un’ICI sproporzionata; i costi dei locali sono a loro volta fuori mercato, per cui gli esercizi commerciali hanno dei costi (di acquisto o di affitto) molto più alti di quelli che si pagano altrove. Il resto va di seguito, a spirale.
    PS Buon Natale a Woody, con una raccomandazione: quando fa copia incolla su una sciocchezza scritta da altri, prima la corregga, altrimenti uno che scrive male in inglese potrebbe dirle che scrive male in inglese.

  2. Scritto da prettydog53

    woody, hai mai provato a spremere sangue dalle rape? benvenuto su questo blog, credo che capirai presto che con ironman sarai sottoposto alla fatica di sisifo (da quando c’è wikipedia anche i giurassici riescono a seguire le figure retoriche).

    ti rimprovera di essere il buon peluffo sotto altro nick quando lui fa lo stesso (e si vota i suoi commenti :))

    e non si accorge neppure che tu hai fatto copia/incolla del suo commento e redarguisce te di non sapere scrivere in inglese … è magnifico …

    grazie degli auguri e buone feste

  3. IronMan
    Scritto da IronMan

    @ woody . . . (ma cosa sei, un wurstel?) allora rispondi tu alle mie semplici domande sopra esposte, perchè Peluffo è ammutolito in merito. . . e poi, se non sai l’inglese (da come lo scrivi) e non sai leggere (non hai letto i miei post) non entrare in un blog per fare brutte figure !! oci sei forse entrato “su richiesta di Peluffo”? ed il tuo uso del nickname sarebbe invece consentito? appalesati, o difensore della chiarezza . . .

  4. sampei29
    Scritto da sampei29

    alberto.peluffo
    Però, credo che la percezione sia quella di un cattivo rapporto costi/qualità

    credo che si tratti di qualcosa di più di semplice percezione; basta mangiare una cena in uno dei tanti ristoranti improvisati nei bagni, o affittare obrellone e sdraio, per accorgersi dei prezzi folli che il più delle volte vengono chiesti!

  5. alberto.peluffo
    Scritto da alberto.peluffo

    rocch ha ragione, almeno sulle voci principali non ci sono grosse differenze fra la Liguria e le zone di provenienza dei turisti (comprese Svizzera e Germania). Però, credo che la percezione sia quella di un cattivo rapporto costi/qualità. E, su questo, purtroppo i turisti hanno ragione: abbiamo strutture troppo antiquate, e poca capacità di innovazione. Paghiamo il fatto che per decenni i turisti siano venuti di loro iniziativa, perché siamo a due passi e la richiesta era solo quella di sole e mare. Ora che le richieste sono cresciute e la concorrenza pure, tutto si fa molto più difficile, ma c’è poca mentalità imprenditoriale. Meno male che si sta incominciando a fare sistema e a trovare risorse per l’innovazione, altrimenti si rischierebbe grosso.