IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Tirreno Power, vertice regionale del Pd: “Rifare i due gruppi e fonti alternative”

Vado L. Un nuovo progetto industriale diverso da quello presentato dall’azienda, che prevede il rifacimento totale, e non la semplice ristrutturazione, dei due gruppi a carbone esistenti con l’obiettivo di “ambientalizzare” la centrale e ridurre sensibilmente le emissioni inquinanti. E’ questa la proposta avanzata dal partito Democratico al termine del vertice regionale che si è da poco concluso a Genova.

Presenti diversi esponenti del partito: il vice segretario regionale Giovanni Lunardon, il consigliere regionale e presidente della commissione attività produttive della Regione, Nino Miceli, il segretario provinciale savonese Livio Di Tullio, il vice presidente del Consiglio regionale Michele Boffa, il responsabile ambiente del partito Marco Castagna e in rappresentanza di Vado Ligure e Quiliano sono intervenuti Monica Giuliano ed il sindaco Alberto Ferrando, oltre alla presenza dell’assessore regionale all’ambiente Renata Briano.

La proposta del partito Democratico verrà ufficializzata nei prossimi giorni, in attesa di valutare anche aspetti tecnici e progettuali. Per il Pd la creazione di due nuovi gruppi con le moderne tecnologie accompagnata da un parallelo sviluppo delle fonti rinnovabili porterebbe ad un aumento della potenza della centrale, con una riduzione dell’impatto ambientale.

Naturalmente la proposta del Pd dovrà arrivare anche al presidente della Regione Liguria Claudio Burlando, per vedere se ci sono i margini per riaprire una trattativa con l’azienda sul futuro della centrale termoelettrica vadese. A questo punto se l’azienda non vorrà tornare indietro sul progetto di ampliamento l’ipotesi di una nuova fase di concertazione sembra davvero allontanarsi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da antonio gianetto

    @ Valerio B. degli studi americani ho un brutto ricordo, specialmente di quelli che si mettono al servizio di chi ha interesse a nascondere la verità.
    Mi viene in mente, quando fumavo, e mia moglie voleva che smettessi perché aveva paura che venissi colpito dal morbo di Burger: http://www.cardiologiapertutti.org/Morbo%20di%20Burger.htm
    In quei tempi, parlo degli anni 60, qualche medico, cominciava a segnalare che le sigarette potevano essere responsabili del cancro ai polmoni; ma le varie società americane del tabacco, presentavano degli studi fatti da eminenti scienziati che dichiaravano che il fumo non produceva sdanni alla nostra salute.
    Fumavo moltissimo, e per giunta avevo cominciato a 8 anni. Un giorno, per mia fortuna, durante la visita medica biennale, dopo la radiografia ai polmoni presso la Cassa Marittima di Genova, mentre ero in attesa che mi dicessero se le lastre erano venute bene; nella saletta d’ attesa, si presentò il radiologo con delle radiografie in mano e rivolgendosi ai presenti disse: chi è il signor Gianetto Antonio? Alzai il dito, al che il dottore mi disse: lei fuma vero? risposi di si, vada avanti così che è sulla buona strada!
    Con grande sacrificio riuscii a smettere, era il 1973.
    Quando, nel 1976, assunsi il mio primo comando, trovai il comandante che dovevo sostituire, seduto sul divano, con la sigaretta in bocca e un piede con l’ alluce molto scuro, capii subito di che cosa si trattava, mia moglie mi aveva fatto il lavaggio del cervello, lo invitai a smettere di fumare, facendogli presente la causa del suo male, dopo pochi mesi appresi che gli avevano amputato il piede ed in seguito che era morto.
    Se sono ancora in vita, lo devo a quel medico, se avessi dato retta ai medici delle multinazionali del tabacco non credo che sarei qui a postare su IVG..

  2. Scritto da antonio gianetto

    @ Valerio B : questi dati che ci ha fornito, in che anno sono stati fatti? Erano a conoscenza dei danni provocati dalle polveri sottili? http://it.wikipedia.org/wiki/PM10

  3. Scritto da AT

    @Valerio B:
    Dieta 35-60% Tabacco 30% Alcool 3% … Nota che se uno vuole suicidarsi così non crea problemi al prossimo …
    Per una centrale a carbone che si appresta a divenire anche inceneritore, 2 discariche, una piattaforma e il polo della chinmica, la Sarpom … permetti che la cosa sia leggermente diversa? Chi si può permettere di decidere cosa è meglio o cosa è peggio …. non certo 4 persone ignoranti sull’argomento chiuse in una stanza o con interessi di parte …

  4. Scritto da Paolo

    La centrale termoelettrica di Venezia brucia il CDR prodotto con i rifiuti della città insieme al carbone. Mi chiedo: se si fa a Venezia, cosa ci sarebbe di male a farlo anche qui? In questo modo si eviterebbe la costruzione di un nuovo impianto per la termovalorizzazione dei rifiuti. Oppure: se la cosa è così spaventosamente dannosa, perchè a Venezia non fermano tutto immediatamente?

  5. Scritto da Riccardo Ciccione

    Un nuovo progetto industriale e non la semplice ristrutturazione non è certamente la panacea risolutiva del problema,infatti il problema è il tipo di carburante da utilizzare e il relativo inquinamento.Poichè l’energia elettrica costituisce un’energia pregiata,più pregiata di quella termica,la trasformazione da calore a elettricità avviene con un rendimento che si aggira nella migliore delle ipotesi intorno al 36%.Ciò significa che parte dell’energia termica non viene trasformata,ma viene restituita all’ambiente esterno sotto forma di calore a temperatura più bassa.Dati rilevabile a mezzo il ciclo di Carnot.Non si capisce perchè non si prende in consoderazione impianti a ciclo combinato a gas il di cui rendimento (sempre rilevabile dal ciclo di Carnot) si arriva al 55% ? Mi rendo conto che è molto difficile per voi politici capire le differenze ma mi preoccupa il fatto che ovviamente non vi siete neppure degnati di farvi aiutare a capire che :
    il gas naturale ha un potere calorifico di 11900 ( kcal/Kg) e produce CO2 pari a 0,23 (g/kcal) Il carbone ha un potere calorifico 7500(kcal/kg) e produce CO2 pari a 0,38(g/Kg)
    Con l’aiuto dell’ing.Burlando vi ha certamente illuminato che è meglio il carbone perchè è il miglior comburente per bruciare il CDR che produce Diossina.Soltanto l’esame di quanto dichiarato dovrebbe indurvi a riflettere,non fate come il Dott.Marson o il Sig.Atzori che va bene tutto purchè ci siano gli 800 Mln di € sul piatto. Quanta ragione ha Albert Einstein che diceva <>