IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Tirreno Power, Pd: “Passo indietro dell’azienda per coniugare ambiente e lavoro”

Più informazioni su

Vado L. “Abbiamo avviato anche un percorso per spostare il piano della discussione sulla possibilità di coniugare ambiente e lavoro, tutela della salute e sviluppo economico locale; vogliamo infatti costruire una proposta che – a partire dalla vicenda specifica – diventi occasione per progettare e realizzare un futuro migliore (sotto tutti gli aspetti) per un territorio che da sempre subisce pesanti servitù”. Inizia così la nota di Marco Castagna, Responsabile ligure del Dipartimento Ambiente e Territorio del partito Democratico, che il giorno dopo il vertice regionale del Pd è tornato sul progetto di ampliamento di Tirreno Power per la centrale di Vado Ligure.

Un no chiaro al mantenimento nel tempo degli attuali gruppi a carbone, la copertura dei carbonili, la realizzazione di una rete di monitoraggio affidata al controllo pubblico, l’avvio di un concreto programma di investimenti in fonti rinnovabili ed efficienza energetica che abbia i cittadini del territorio come principali beneficiari diretti. Queste i punti richiesti dal Pd per aprire la discussione con l’azienda

“A partire da questa “griglia” e con un obiettivo molto chiaro (“più ambiente e più lavoro”) contiamo nelle prossime settimane di vedere via via maturare i frutti di un lavoro che è serio, che sarà molto partecipato, e che avrà contenuti innovativi. Non basta certo una riunione per individuare una proposta davvero innovativa e qualificante per il territorio, perché non esistono risposte semplici e immediate a questioni complesse. E’ una regola che vale in tutti i campi, e quindi anche nella delicata questione “Tirreno Power”. Questo a noi è chiaro, ci auguriamo lo sia anche per tutti coloro che a tale percorso  – che è appena iniziato – sono e saranno chiamati a partecipare” conclude la nota.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da juan

    sono daccordo con voi , basterebbe poco , ma ce’ il gruppo del NO ! a prescindere e con quelli e’ impossibile discutere , non ne sono capaci,,,

  2. COPPI
    Scritto da COPPI

    Alle parole bisogna che seguano i fatti occorre dare contenuti e quindi avviare una trattativa con proposte sostenibili che portino a coniugare occupazione ed ambiente ricordando che la provincia ha migliaia di disoccupati che sono state chiuse decine di fabbriche e che con i lavori per la centrale di vado per la prima volta da decenni in provincia si parla di investimenti e molti posti di lavoro ( non piu di cassa integrazione) e chi amministra la regione, la provincia ed i comuni limitrofi deve assolutamente sedersi al tavolo con l’azienda e trattare per non rischiare di perdere cospicui investimenti.

  3. Valerio B.
    Scritto da Valerio B.

    Ora si ragiona, finalmente si inizia a capire che con il dialogo da entrambe le parti ci puo’ essere una soluzione interessante per azienda e cittadini.