IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Tirreno Power, la Regione convoca incontro con enti locali

Regione. La Regione Liguria ha fissato l’atteso incontro per Tirreno Power, al quale saranno presenti gli enti locali interessati, ovvero Provincia di Savona e comuni di Vado Ligure e Quiliano, oltre all’azienda, i sindacati e all’Unione Industriali di Savona. Secondo quanto appreso il vertice è stato fissato per giovedì 30 settembre presso la sede della Regione Liguria. Al termine è prevista una conferenza stampa del presidente Claudio Burlando.

Sarà l’occasione per fare il punto sul progetto che riguarda la centrale vadese e vedere i margini di trattativa per un nuovo tavolo di concertazione. La Regione, anche dopo le affermazioni del partito Democratico a livello regionale che ha chiesto il rifacimento completo dei due gruppi a carbone esistenti (ipotesi difficilmente percorribile per l’azienda), ha quindi deciso di accelerare su una vicenda delicata e che vede la ferma opposizione delle amministrazioni locali a qualsiasi progetto di potenziamento della centrale.

Il 23 settembre è previsto un incontro a Quiliano del gruppo consiliare misto con Vado Ligure, istituito per Tirreno Power, al quale dovrebbero prendere parte anche i sindacati di categoria che sperano di trovare una soluzione che possa salvaguardare ambiente e lavoro.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Valerio B.
    Scritto da Valerio B.

    Se resta tutto cosi’ come è ora siamo fregati di sicuro.

  2. Scritto da antonio gianetto

    Anch’ io auspico un accordo serio, basato, non sulle chiacchere, o sui ” ritorni economici ”, ma sulla base di studi e controlli fatti in modo serio.
    Chi è anziano come me, ricorderà la campagna che fecero le multinazioli del tabacco, quando venivano segnalati i primi studi sui tumori provocati dal tabacco. Miliaia di studiosi, assoldati da queste società, affermavano che il fumo non era nocivo per la nostra salute.
    Quando ormai era stato accertato che i tumori li provocava, riuscirono a far mettere sui pacchetti di sigarette, soltanto un messaggio che avvertiva che il fumo avrebbe potuto provocare danni alla salute, oggi la scritta è ben diversa, qui un esempio: http://static.blogo.it/benessereblog/pacchettidisigarette.jpg
    http://www.joy.it/gallery/displayimage.php?album=49&pos=0
    Per quanto riguarda la centrale di Vado, Il fatto quotidiano ha pubblicato un interessante articolo: http://www.ilfattoquotidiano.it/2010/09/21/la-centrale-a-carbone-di-vado-ligure-costera-142-milioni-di-euro-e-oltre-tremila-morti/62547/
    Cerchiamo di non farci fregare un’ altra volta!

  3. Scritto da Marrasso T.

    Non sarà una cosa facile, ma se con la centrale nuova ci saranno più posti di lavoro e minori emissioni buttalo via!!!

  4. Valerio B.
    Scritto da Valerio B.

    Questa è un’occasione unica per realizzare un progetto importante per la provincia.
    Speriamo si trovi un accordo serio.