IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Tirreno Power, il Pd di Vado-Quiliano prende le distanze da Di Tullio

Vado Ligure/Quiliano. “La posizione dei Circoli di Quiliano e Vado Ligure rimane sempre la stessa ed è quella espressa nei mesi scorsi e contenuta nei rispettivi programmi elettorali: il Partito Democratico non ha cambiato idea. Siamo fermamente contrari al progetto di ampliamento della centrale attraverso la realizzazione di un nuovo gruppo a carbone in quanto lo consideriamo insostenibile sotto il profilo ambientale. Riteniamo invece che il punto sia la ristrutturazione e la riqualificazione dei due gruppi esistenti, ormai obsoleti e tuttora non a norma, allo scopo di ridurre sensibilmente le emissioni inquinanti”: ecco le parole degliesponenti del Pd di Quiliano e Vado Ligure che chiariscono ancora una volta la loro posizione neio confronti del progetto dell’ampliamento della Tirreno Power.

“Dunque – si legge in una nota del partito di centrosinistra – non condividiamo per nulla la sortita del Segretario Provinciale che riteniamo irrispettosa della autonomia dei circoli e delle amministrazioni. Riteniamo che quando si parla a nome del Partito Democratico Provinciale si debbano condividere le posizioni e le proposte nelle sedi proprie del partito coinvolgendo tutti i soggetti che ne hanno titolo. Vogliamo inoltre che venga finalmente realizzata la copertura del parco a carbone e che i controlli ambientali siano gestiti interamente da soggetti pubblici. Riteniamo infine assolutamente impercorribile l’idea di bruciare i rifiuti in centrale”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. enrico fuoridalcoro
    Scritto da enrico fuoridalcoro

    Cari Compagni l’avete voluta la democrazia partecipata? finiti i bei tempi del PCI quando uno comandava e gli altri ubbidivano! Per fare i socialisti bisogna esserne all’altezza! in bocca al lupo!

  2. Scritto da Marrasso T.

    Per fortuna gli estremisti del NO sono rimasti in pochi ora si aprirà un dialogo che speriamo porti a una soluzione di vantaggi per il territorio e le persone.

  3. Scritto da dan

    Perchè Di Tullio è stato eletto democraticamente? o autocandidato e messo lì dall’alto per evitare facesse ancora guai in comune a Savona? Povero Pd com’è mal ridotto…anzi direi che la lettera di può voler dire tutto ma non certo democratico…mi sembrate come quelli dell’altra sponda che parlano hanno quale ultima lettera la L..ma che di libertà hanno molto poco visto che cacciano i primi che non la pensano come il loro padrone!!! Che squallore la politica in Italia!!!

  4. Scritto da protesta

    Ah ah ah!Povero Bersani,lui fà e qualcun altro disfa!!!

  5. Scritto da Resist

    Ma quante anime ha il PD?
    Basta con il carbone….andate a legger cosa dice il Nobel Rubbia sulle centrali a carbone e sulle fonti di energia alternativa…unica soluzione.