IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Tentata violenza su 70enne: il marocchino contesta le accuse davanti al gip

Savona. Il giudice per le indagini preliminari Emilio Fois, questa mattina, ha interrogato R.C., il marocchino di 28 anni che è accusato di violenza sessuale, lesioni e violazione di domicilio nei confronti di una settantenne di Loano. Il marocchino, assistito dall’avvocato Francesca Aschero, ha risposto alle domande del giudice e contestando alcuni degli addebiti che gli vengono mossi. In particolare l’uomo, che avrebbe fornito una versione dei fatti discordante da quella della donna, avrebbe respinto con fermezza le accuse di violenza sessuale e di violazione di domicilio.

Secondo il quadro accusatorio, intorno alla mezzanotte di venerdì scorso, l’uomo ha iniziato a seguire la donna che era appena uscita da un bar fino a quando lei non è arrivata nel portone di casa. A quel punto il 28enne l’avrebbe raggiunta e sarebbe entrato con lei nell’abitazione iniziando a picchiarla con l’intento di violentarla. E’ stato un vicino a sentire le grida di aiuto ad avvisare i carabinieri che sono intervenuti e hanno messo fine alla violenza (la donna ha rimediato lesioni giudicate guaribili in 10 giorni).

Una versione dei fatti che però, da quanto trapelato, non è stata confermata dal marocchino. Il legale del 28enne, che è regolare sul territorio italiano e da tre anni e mezzo lavora a Campochiesa, preferisce non commentare: “Vista la delicatezza del caso, allo stato attuale, preferisco non rilasciare nessuna dichiarazione in merito”. Per ora, in attesa di eventuali nuovi sviluppi ed elementi utili a ricostruire l’accaduto, il gip ha deciso di convalidare l’arresto e di confermare la misura di custodia cautelare in carcere e l’uomo resterà quindi al Sant’Agostino.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Bandito
    Scritto da Bandito

    Adesso è tutto chiaro, la donna non stava urlando per la paura, ma gridava “SIII, SIII, ANCORA” ed i carabinieri non l’hanno capito ad hanno pensato che il marocchino la stesse violentando.
    Personalmente, più che le forbici da potatura, userei delle forbicine piccole e spuntate, ci vuole di più e si soffre di più, e si ha anche tempo per pensare a balle più credibili.

  2. Ypsilon
    Scritto da Ypsilon

    Si, adesso viene fuori che gliel’avrebbe chiesto lei di riempirla di botte e di cercare di violentarla.

    Colto sul fatto da una pattuglia e nega pure ?

    “pirata” si dimentica una cosa, non ha solo cercato di violentarla, l’ha anche riempita di botte la poveretta….

    … FRUSTATE DOVE-CAPITA-CAPITA a due a due fin che non diventano dispari, POI al resto ci si pensa su (se rimane qualcosa da tagliare) …

  3. Total War
    Scritto da Gerry1893

    per non parlare della sanzione economica che potrebbe addirittura variare tra i 50 e i 70 euro…un vero e proprio salasso.

  4. pirata
    Scritto da pirata

    Ma non è che la nonnetta rimpiangeva i 20 anni e voleva divertirsi? Ma per favore … ripeto castrazione con forbici da potatura grossa!!!

  5. ilche
    Scritto da ilche

    Per questo reato in italia si rischia un casino: solitamente dai 2 ai 4 giorni di galera OKKIO!