IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Scena muta di Gino Messina dal gip: il pr si è avvalso della facoltà di non rispondere

Savona. Si è avvalso della facoltà di non rispondere. Gino Messina, il pr alassino 45enne accusato di violenza sessuale su una ragazza russa, questa mattina, in Tribunale a Savona, ha quindi scelto di non raccontare la “sua” verità davanti al giudice per le indagini preliminari Donatella Aschero.

Gino “Bomba” Messina è arrivato alle dieci in punto nel palazzo di giustizia savonese accompagnato dal suo legale Franco Vazio. Per l’interrogatorio, oltre al gip, era presente anche il pm Giovanni Battista Ferro, titolare dell’inchiesta, ma, se speravano di ascoltare la voce del presunto stupratore, gli inquirenti sono rimasti a “bocca asciutta”. Una scelta, quella di non rispondere alle domande del gip, concordata da Messina con il suo avvocato.

Il pr alassino infatti avrebbe raccontato una versione dei fatti completamente diversa al suo legale che quindi sta cercando di raccogliere elementi utili a confermare la tesi del suo assitito. Per questa ragione, già nella prossima settimana, Vazio chiederà che Messina venga ascoltato dal sostituto procuratore Giovanni Battista Ferro per chiarire la sua posizione.

La “Bomba” avrebbe infatti ribadito al suo avvocato la sua estraneità ai fatti e avrebbe confermato che la 28enne russa era consenziente. Messina avrebbe anche raccontato al suo legale che lui e la giovane si conoscevano e si frequentavano. Secondo quanto riferito dal pr, l’altra sera i due sono usciti insieme, hanno bevuto in un locale alassino e poi hanno avuto un rapporto sessuale in macchina. La ragazza, sempre secondo la tesi di Messina, a quel punto avrebbe avuto un improvviso scatto d’ira, forse dovuto al rimorso per aver tradito il fidanzato, e sarebbe nata un’accesa discussione durante la quale la “Bomba” è stato colpito e graffiato dalla 28enne. A quel punto la giovane si sarebbe allontanata e Messina si sarebbe presentato dai carabinieri per spiegare quanto gli era capitato.

Una ricostruzione dei fatti che è completamente opposta a quella della ventottenne russa. Sarà compito degli inquirenti, anche sulla base delle prove che potrebbe fornire l’avvocato Vazio, cercare di capire se questo racconto possa essere o meno credibile. Nel frattempo Gino Messina resterà in carcere a Sanremo: il gip ha infatti convalidato l’arresto e confermato la misura di custodia cautelare in carcere.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. leva1974
    Scritto da leva1974

    …ma dire che sono strafatti di coca e di alcol e quindi con delle montagne russe umorali costanti (tra cui depressioni con pianti e scatti d’ira violenti) non viene in mente a nessuno?

  2. Capitan Harlock
    Scritto da Capitan Harlock

    Equity, non credo che tu in questo modo voglia difendere il Sig. Bomaba…
    Facendo così, rendi nuovamente nota la notizia, facendo in modo che la gente non la dimentichi ed alimentando nuove polemiche virtuali…

    E’ forse questo il tuo scopo?

    COMPLIMENTI, sei un genio della difesa, ti investirò come mio avvocato, qual’ora ne avessi bisogno…

  3. Scritto da equity

    ma su quante storie è chiaro che la cosa non è chiara…. ma quella russa cosa cercava da lui…. se aveva un fidanzato non poteva starsene a casa……….. liberatelooooo che lo tengono a fare dentro………. mi fanno ridere………

  4. Scritto da ernesto

    chi è innnocente non fa scena muta….GRIDA AL MONDO LA PROPRIA INNOCENZA!!
    Bomba penso che molta gente non sentirà la tua mancanza, anzi….Ero già felice che non ti si vedeva più nei paraggi di Borghetto. (Alassino??? MA DOVE???)

  5. Giudice
    Scritto da Giudice

    Oh. Ha ragione, non ha fatto nulla, ma al magistrato non risponde e si cela dietro un muro di silenzio. Fosse capitato a me avrei urlato a gran voce la mia innocenza , altro che tacere. Strano comportamento e strana tecnica difensiva. O magari non proprio come dice lui e l’avvocato sta cercando qualche appiglio per non farlo scivolare nel baratro …??!! Se così fosse, allora sì è meglio che tenga la bocca chiusa e non continui con “false dichiarazioni al P.M.” . Beh… agli inquirenti l’arduo lavoro per far uscire la verità. Per il momento ….. lasciamo parlare Ypsilon al quale peò dico : Anche l’avv. Vazio ha taciuto. Tu come legale -web della “bomba” potresti associarti nella tecnica difensiva.