IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Sanità, l’assessore Montaldo replica a Vaccarezza: “Ringrazi il suo governo…”

Regione. “Nel 2010 abbiamo avuto 70 mln di euro in meno quindi il presidente della Provincia di Savona Angelo Vaccarezza farebbe meglio a rivolgersi ai suoi amici del governo anzichè polemizzare inutilmente con la Regione che ha dovuto varare un piano sanitario all’insegna dei tagli”. Non si è fatta attendere la dura replica dell’assessore regionale alla sanità Claudio Montaldo che sulle esternazioni del centro destra per la sanità nel ponente savonese ha ribadito: “Già in campagna elettorale avevamo detto che la maternità ad Albenga non sarebbe stata aperta. Abbiamo presentato una necessaria razionalizzazione dei punti nascita che riguarda tutta la regione. Per la Provincia di Savona, con 1.800 parti all’anno, sono più che sufficenti il San Paolo ed il Santa Corona di Pietra Ligure”.

Sul reparto di ostetricia e ginecologia di Albenga l’assessore regionale Montaldo ha poi precisato: “L’acquisto delle attrezzature fu fatto dalla giunta Biasotti nel 2005 per una cifra di 200 mila euro, è inutile che si prosegua a raccontare favole, i documenti parlano chiaro. Quanto agli spazi lasciati vuoti nel nuovo ospedale di Albenga verranno utilizzati per il recupero delle fughe di ortopedia, mentre le attrezzature per la maternità saranno invece suddivise tra il San Paolo ed il Santa Corona” ha concluso Montaldo.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da huatulco

    E allora caro signor Assessore regionale alla Sanità ci dica un po’ chi sono questi chirurghi ortopedici che verranno ad operare ad Albenga in regime CONVENZIONATO e ci dica anche, per favore, quanto verranno pagati (ad intervento oppure al mese oppure all’anno) questi signori ortopedici per esercitare la loro professione in regime CONVENZIONATO in un Ospedale PUBBLICO.
    E perchè bisogna distruggere un reparto di maternità già bell’e pronto invece di sistemare l’ortopedia protesica al S. Corona? o meglio ancora lla Clinica S. Michele?

  2. willy
    Scritto da Pier Giorgio Pavarino

    vorrei far notare che se Montaldo, non ha ritenuto di revocare un ardine fatto in maniera ingiustificata e solo a scopo elettorale dalla giunta Biasotti, avrà avuto i suoi buoni motivi, 1° la disdetta comporta sempre un onere da sostenere, 2° può essere riutilizzata dove ne fosse il caso, 3° ribadisco, la politica scellerata di Biasotti bocciato dall’elettorato Ligure per ben due volte, ( e quando dico Ligure intendo tutte e 4 le provincie, questa è la Liguria, non solo il ponente.) con la politica centrale di tagli, sopratutto alle regioni avverse politicamente, in campo sanitario, non può che portare ad una gestione attuale delle cose.
    Che vada a parlare con il suo presidente Vaccarezza, li chieda a lui i fondi per avere una sanità door-to-door.
    In caso contrario, ogni commento critico è solo aria fritta.
    oppure reintegrate voi che criticate il mancato finanziamento del governo di 70 mln., con soldi presi dalle vostre tasche, non da quelle dei contribuenti, tanto è appurato che tra il vostro schieramento c’è la più alta concentrazione di evasori.

  3. Scritto da marcus1

    Egregio Assessore le vorrei ricordare che siamo nel 2010 e le persone non sono più ignoranti come forse le vorreste voi, bisogna finirla di prendere in giro la popopazione con le vostre bugie , visto che lei nella sua risposta al presidente Vaccarezza cita: “Già in campagna elettorale avevamo detto che la maternità ad Albenga non sarebbe stata aperta. Abbiamo presentato una necessaria razionalizzazione dei punti nascita che riguarda tutta la regione. Per la Provincia di Savona, con 1.800 parti all’anno, sono più che sufficenti il San Paolo ed il Santa Corona di Pietra Ligure” allora dia una spiegazione perchè la Sanità Ligure ha speso circa 1 mln e 200 mila euro per fare il reparto maternità ad albenga e una vasca x il parto in acqua sapendo a priori già quello da lei dichiarato?
    Perchè in campagna elettorale avevate dichiarato pubblicamente che il buco della sanità era sparitro ed ora date la colpa al governo Berlusconi?
    Dia qulache risposta a questi punti senza dover dare sempre la colpa ad altre persone.
    La risposta mia da piccolo elettore è solo una incapacità di amministrare e incompetenza nella gestione dei soldi pubblici

  4. Scritto da Paolomad

    Onestà intelletuale, Capisco benissimo che ogni cosa da noi deve essere divisa in destra e sinistra, e mai in cose giuste e cose sbagliate. Andiamo alla logica delle cose: sappiamo benissimo che unn reparto di maternità per assicurare un servizio eccellente deve avere un certo numero di parti ogni anno e come dice l’assessore Pietra Ligure e Savona sono più che sufficienti a garantire le esigenze della Provincia. Io abito ad Alassio i miei 2 figli sono nati entrambi a Pietra e vi assicuro che questo non è stato sicuramente un problema. Chiediamo invece che si investa sui servizi che mancano, chiediamo che la rianimazione sia sempre assicurata ma evitiamo piccole lotte insignificanti solo per dimostrare di essere più bravi degli altri. Per finire come dare torto a Montaldo quando ricorda sia a Vaccarezza che alla Guarnieri che i tagli li ha fatti Tremonti?????????

  5. G.B. Cepollina
    Scritto da G.B. Cepollina

    ..qui le favole pare raccontarle montaldo… Burlando governa la regione dalla primavera 2005, l’ospedale di Albenga è stato inaugurato nel 2008, pare incredibile che l’acquisto delle attrezzature sia stato fatto da Biasotti 4 anni prima dell’inaugurazione dell’ospedale, quando la struttura era al massimo alle fondamente (prima pietra posata il 7 febbraio 2005…). Ma, anche se fosse vero, Montaldo & c. avrebbero avuto 3 o 4 anni per annullare l’ordine… Forse l’Assessore faceva meglio a stare zitto…