IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Quiliano, Pd: un volantino contro i tagli alla scuola

Quiliano. Il Circolo territoriale di Quiliano ha diffuso un volantino contro i tagli alla scuola .”Il pd – si legge nel volantino – denuncia con forza la scellerata politica di tagli e l’abbandono in cui è lasciata la scuola, è a fianco dei lavoratori che per anni hanno consentito alla scuola di funzionare ed ora vengono abbandonati a se stessi. Noi sosteniamo i tanti Amministratori Locali che, nonostante i tagli del governo, si prodigano a mantenere alto il livello dei servizi per la scuola”. In particolare il Pd di Quiliano punta il dita contro gli 8 miliardi di euro tagliati alla scuola in 3 anni, sui 132.000 lavoratori lasciati senza occupazione e che da anni attendono un posto stabile e sul maggior sostegno agli studenti con disabilità.

Tra le proposte indicate dal Pd di Quiliano: “investire nella scuola dell’infanzia per tutti i bambini del Paese,valorizzare la scuola primaria che il governo ha distrutto in particolare i modelli educativi del tempo pieno e del modulo a 30 ore con le compresenze, alzare i livelli di apprendimento degli studenti e alle superiori, istituire un biennio unitario ed un triennio di indirizzo, per consentire ai ragazzi scelte più consapevoli per il proprio futuro”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. enrico fuoridalcoro
    Scritto da enrico fuoridalcoro

    pura demagogia…la scuola è stata distrutta da 30 anni di privilegi dati per creare esclusivamente consensi politici. La mia leva aveva un unica maestra per classe seria e consapevole ed avevamo la miglior scuola primaria d’europa, poi di maestre ne sono arrivate tre o quattro e a parte il loro voto non hanno dato nessun valore aggiunto. I soldi sono finiti buona parte mangiati dai governi bianchi, rossi e neri nessuno escluso, il debito pubblico non può aumentare irresponsabilmente. Fate un discorso politico serio del tipo combattiamo l’evasione (realmente se si vuole lo si può fare), decidiamo di chiudere le voragini inutili come associazioni pseudoculturali, teatrini di provincia, enti assurdi e riallochiamo quei soldi risparmiati per migliorare la scuola. Solo cosi date copertura finaziaria a quelle belle idee che altrimenti servono solo a friggere aria…