IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Più sesso e meno amore: solo un italiano su 5 è un “romantico doc”

Più informazioni su

“AAA romanticismo cercasi”. Se una volta il modello “Romeo e Giulietta” spopolava e si era pronti a morire per amore, sembra che nel terzo millennio le cose funzionino diversamente. Struggersi non piace più: l’erede Montecchi non fa proseliti e la signorina Capuleti si è stancata di stare al balcone. I puristi del sentimento sono una specie in estinzione e la prova arriva da Facebook, piazza virtuale specchio della società che cambia.

Un sondaggio lanciato dall’Aispa, l’Associazione italiana di sessuologia e psicologia applicata, scopre che ormai bastano le dita di una mano per contare gli ultimi esemplari di “romantico doc”: sono 5 su 100, praticamente introvabili fra i maschi (1%) e quasi scomparsi anche tra le femmine (10%). I risultati dell’indagine saranno presentati ufficialmente domani a Milano, durante il convegno “Dal sesso al cuore, dal cuore al sesso”, organizzato dall’Aispa presieduta dallo psichiatra e sessuologo Willy Pasini.

Il sondaggio è stato condotto sul re dei social network all’interno di una community selezionata, ritenuta rappresentativa e in grado di fotografare tendenze valide lungo tutta la Penisola. Su Facebook sono state postate ripetutamente due domande: “Troppo sesso rovina il cuore? Troppo cuore rovina il sesso?”. Quindi sono state valutate le opinioni dei primi 100 uomini e delle prime 100 donne, di età compresa fra i 20 e i 45 anni, che hanno risposto ai sessuologi Aispa.

Due i dati chiave secondo Pasini, ideatore dell’indagine. Primo: “Gli estremisti del romanticismo, i ‘santi’ in amore, non ci sono più”, spiega lo specialista. Secondo: “Le femmine si stanno mascolinizzando e oggi, per fare sesso, una donna non deve essere per forza innamorata cotta. Non importa che lui sia o non sia il grande amore”. Le amazzoni del Duemila “fanno sesso se l’uomo è simpatico e lo sa fare bene”. Il requisito numero uno è che sia bravo sotto le lenzuola. Il resto passa in secondo piano, anzi: per due terzi degli uomini, e oltre un terzo delle donne, usare troppo i sentimenti compromette la passione.

Quello che emerge dal sondaggio, riassume Alberto Caputo, sessuologo, psichiatra e responsabile scientifico dell’Aispa, è che in amore “si sta affermando una nuova cultura intergenere”. Un modo di vivere i rapporti di coppia che accorcia le distanze tra ‘sesso forte’ e ‘gentil sesso’. Se infatti nell’Italia moderna “Romeo è praticamente irrintracciabile, anche le Giuliette sono assai poche” e c’è di più: le ultime romantiche “sono tutte maggiori di 35 anni, almeno nel nostro campione che volutamente ha escluso le teenager e le donne in menopausa”.

I più numerosi sono gli “equilibrati” (44% del totale, 38% degli uomini e 50% delle donne), quelli che rispondono no a entrambe le domande, dimostrando di saper dosare bene istinti e affetti. A stretto giro arrivano i “passionali” (39,5%, 48% degli uomini e 31% delle donne): amano il sesso e mal tollerano i sentimentalismi, rispondendo no alla prima domanda (troppo sesso rovina il cuore?) e sì alla seconda (troppo cuore rovina il sesso?). Seguono a grande distanza gli “amanti del compromesso” (11%, 13% uomini e 9% donne), convinti che in ogni caso “il troppo stroppia” ed è comunque meglio non esagerare (rispondono si’ a entrambe le domande). In coda, con numeri da “specie protetta”, arrancano i “romantici”: soltanto il 5,5% del campione, un uomo su 100 e una donna su 10.

Sparuti reduci che antepongono i sentimenti alla passione (sì alla prima domanda, no alla seconda), mettono sempre il cuore al centro della loro relazione e non concepiscono il sesso senza l’amore. “Ho ideato questo sondaggio – confessa Pasini – pensando ai pazienti che bussano alla porta dello psichiatra: i ‘sex-addicted’ alla Tiger Woods, che per troppo sesso mettono in difficoltà il cuore, o all’opposto i timidi col brufolo, che per amor di sentimento compromettono il sesso”.

Invece, “questi estremi nel sondaggio non li vediamo e la maggior parte dei partecipanti ha dato una risposta equilibrata”, nota l’esperto. “A emergere chiaramente – ribadisce il numero uno dell’Aispa – è la tendenza alla progressiva eliminazione degli eccessi del romanticismo”. Oltre al fatto che, anche in amore, “la donna somiglia sempre di più all’uomo”. In conclusione, i fidanzatini alla Peynet sono preistoria e di fronte al ‘cuore in mano’ nemmeno lei si commuove più. Perché se “il maschio è rimasto sostanzialmente uguale, sempre più interessato al sesso che al cuore – chiosa Pasini – la donna evolve” e sdogana la passione fine a se stessa. Giulietta chiude la finestra: alla brezza del balcone preferisce il tepore dell’alcova.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Total War
    Scritto da Gerry1893

    penso che sia dovuto al fatto che ormai tutto si fa al galoppo, di tempo ce n’è poco ( o crediamo di averne poco) per ogni cosa…..percui una sveltina e via, e il romanticismo si “fotte” :)

  2. Santillan
    Scritto da Santillan

    Scusate dimenticavo gli appunti politici del sig. Melgrati! Che mi sto stampando e rilegando perchè non vada perduta tanta genialità.

  3. Santillan
    Scritto da Santillan

    Bello sto articolo, complimenti.. “studio aperto” fa scuola. Marocchini arrestati, incidenti, un pò di sesso, a quando gli articoli sui cani?