IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Nuovo esposto-denuncia dell’assessore Vesco contro Trenitalia

Genova. E’ il terzo esposto denuncia quello che l’assessore regionale ai trasporti della Regione Liguria Enrico Vesco ha presentato oggi al procuratore della Repubblica di Genova, Francesco Lalla, contro Trenitalia per denunciare la soppressione avvenuta lo scorso 7 settembre dell’Intercity 505 da Ventimiglia Roma.

Dopo gli esposti dell’8 giugno per il disservizio sul treno Intercity 504 Livorno Torino e del 21 luglio per quelli sull’Intercity 658 da Livorno a Milano, Vesco ha ripreso carta e penna e ha deciso di rivolgersi oggi al procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Genova, chiedendo l’identificazione dei responsabili e la loro punizione per protestare contro l’ennesima soppressione di un treno partito il 7 settembre alle 6,33 da Ventimiglia e diretto a Roma con arrivo alle 14.14, soppresso a causa di un guasto al locomotore nella stazione di Taggia.

“Quest’ultimo disservizio – sottolinea Vesco – ha fatto registrare gravi disagi per l’utenza tenuto conto che il treno in questione rappresenta l’unico collegamento diretto della giornata tra il ponente ligure e Roma e viene inoltre utilizzato dai pendolari che gravitano su Savona e su Genova e per fini turistici”. Da qui la terza denuncia dell’assessore che ha deciso di tutelare gli interessi degli utenti del trasporto regionale che accedono ai servizi InterCity davanti al Tribunale di Genova. “Quest’ultimo esposto – commenta Vesco – completa purtroppo il quadro delle difficoltà degli spostamenti quotidiani che interessano l’intero territorio regionale dovute alla carenza e alla vetustà del materiale rotabile. Si tratta di un’azione doverosa da parte nostra e di tutela nei confronti degli utenti, vista l’integrazione di 950.000 euro l’anno che la Regione Liguria paga per permettere ai pendolari regionali di accedere ai servizi Intercity e EurostarCity attraverso la Carta Tuttotreno”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. folgore
    Scritto da folgore

    Apprezzo l’esposto del sig. Vesco ma mi vengono spontanee alcune domande:
    1)Chi diavolo è Trenitalia?forse una loggia di esseri immortali?Dato che chiunque si lamenta il servizio è pessimo è l’emblema del malfunzionamento eppure mai una punizione mai un miglioramento mai che gli venga revocata la licenza di far circolare i treni!
    2)Si liberalizza tutto dall’acqua alla corrente elettrica ma riguardo le ferrovie silenzio totale, perchè?
    3)Perchè l’assessore Vesco si indigna e scrive solo per soppressione di Intercity, e raramente se non mai a sentire questo articolo circa le soppressioni i disagi i ritardi e la sporcizia dei treni regionali e interregionali utilizzati dai pendolari?Forse che a noi viene regalato l’abbonamento e abbiam meno diritti di chi si muove per turismo?
    4)Le ore di lavoro perse i ritardi e i disagi a noi lavoratori pendolari chi ce le ripaga?chi ci da voce?

    Sarebbe ora di una class action e che tutti i pendolari si coalizzassero per boicottare l’acquisto di biglietti, visto che siamo in un paese dove gli incompetenti la fan da padrone e gli onesti vengono mazzuolati!