IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

L’artista Filippo Tommaso Marinetti ritorna ad Albisola

Albisola Superiore. Domenica 19 settembre, alle 11.11, l’area dell’ex rilevato ferroviario sul lungomare Eugenio Montale, diverrà ufficialmente “Piazzale Filippo Tommaso Marinetti”.

All’inaugurazione saranno presenti Vittoria Marinetti, figlia primogenita dell’artista, Milena Milani, denominata dallo stesso Marinetti “comandante generale di tutte le donne futuriste d’Italia”, ed altri importanti testimoni della presenza futurista ad Albisola quali Bepi Mazzotti e Dante Tiglio.

Con cerimonia futurista, ideata e realizzata dall’attore del Teatro della Tosse di Genova Enrico Campanati, sarà inaugurato un pannello in ceramica recante una frase su Albisola contenuta nel manifesto futurista “Ceramica e Aereoceramica”, pubblicato nel 1938 sulla Gazzetta del Popolo, a firma di Filippo Tommaso Marinetti, fondatore del Movimento e di Tullio d’Albisola, già noto ceramista futurista.

Ampiamente celebrata nel manifesto, Albisola rappresentò, in quegli anni, il centro principale della ceramica futurista, sede della Manifattura Mazzotti in cui era cresciuto artisticamente Tullio d’Albisola insieme al  fratello Torido, che misero l’officina a disposizione di altri artisti aderenti al Movimento quali Acquaviva,  Diulgheroff, Farfa, Fontana, Pacetti.

Nel corso della cerimonia sarà inaugurata l’opera dell’artista Serge Van De Put “Montre pour l’ancienne Gare d’Albisola” che rievoca in chiave futurista gli orologi delle vecchie stazioni ferroviarie ricordando in questo modo la funzione della piazza albisolese nel passato.

L’opera, che è un esemplare unico, misura 160 x100 x 0,40 centimetri ed è stata realizzata dall’artista di origine belga nella primavera 2010 utilizzando pneumatici, vetro e legno, materiali inediti, di uso quotidiano, come avrebbero gradito gli artisti futuristi.

“Dopo tanti anni – commenta Christian Ghigo Gaspari, Assessore al Turismo – abbiamo intitolato un luogo centrale e significativo del territorio albisolese ad un artista, poeta e scrittore, conosciuto a livello internazionale, che ad Albisola ha lasciato segni importanti”.

L’opera di Serge Van De Put è stata acquistata dal Comune di Albisola Superiore con il contributo di Olmo di Celle ligure, FG.Riciclaggi S.r.l. di Cairo Montenotte e C.D. Gomme di Calcagno Dario, imprenditori nel settore della gomma e del riciclaggio dei rifiuti che hanno contribuiscono ad arricchire il territorio albisolese con un’opera inerente alla loro attività.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Diego Gambaretto

    L’opera di Van de Put è costata 5400 Euro, metà pagato dagli sponsors.
    Il pannello è invece di Gaggero, ceramista candidato di Rifondazione alle comunali , contro la lista Orsi.
    La scelta degli artisti è stata effettuata dall’ottimo ristoratore/imprenditore Ghigo Gaspari

    A voi la conclusione

    Consigliere comunale più votato di Albisola