IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

I pescatori liguri al raduno nautico padano, Rixi (LN): “Battaglia contro le regole UE”

Più informazioni su

Liguria. Domani, sabato 4 settembre 10 pescherecci liguri rappresenteranno la FPA (Federazione Pescatori Associati, organizzazione con iscritte ben 120 imprese) al 6° Raduno Nautico Padano – Cristo degli Abissi.

Secondo Alessandro Capelli, referente della FPA, la partecipazione dei pescatori liguri all’ormai storico raduno leghista è dovuta al fatto che la Lega Nord ha dimostrato vicinanza ai lavoratori del settore ittico. Non solo per il risarcimento nel periodo di fermo tecnico del 2009, quando i pescherecci sono rimasti forzatamente all’ancora, ma che per la battaglia della Lega contro alcune norme europee che mettono a rischio il settore.

Spiega il capogruppo della Lega Nord in Regione Liguria Edoardo Rixi: “Le lamentele dei pescatori liguri sono sacrosante. Le istituzioni europee, come in altre occasioni, si dimostrano degli organi lontani dai cittadini e dal territorio, col risultato di danneggiare i nostri lavoratori, in questo caso i pescatori, con regole sbagliate che non tutelano l’ambiente ma penalizzano la categoria, mentre i paesi extra europei (Albania e sponda sud del Mediterraneo) potranno continuare a pescare senza limiti né regole mandando in rovina la pesca nostrana con una concorrenza sleale. Non dobbiamo dimenticare che l’industria ittica in Italia fattura 1,4 miliardi di euro dando lavoro a circa 100.000 persone con un indotto che spazia dalla cantieristica, al turismo, fino alla ristorazione. Permettere che dei burocrati di Bruxelles che non hanno mai visto la Liguria e non ne conoscono la realtà mandino in rovina tutto questo è una follia che la Lega Nord combatterà sempre e comunque”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.