IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Domiciliari a “don Lu”: la famiglia della bambina non commenta

Alassio. La famiglia della dodicenne che ha accusato don Luciano Massaferro di aver abusato di lei, prende atto della decisione dei giudici senza commentare e tenedosi lontana dai riflettori. Una discrezione che l’ha sempre caratterizzata fin dall’inizio del processo. Non c’è desiderio di vendetta, nè alcun godimento nel vedere il parroco alassino deperito e dietro le sbarre. L’unica cosa importante è che la loro bambina si riprenda e viva serena, per quanto possibile in una situazione simile.

A descrivere lo stato d’animo dei genitori della piccola “accusatrice” di don Luciano è il loro avvocato, Mauro Vannucci. “Non ci siamo opposti alla richiesta dei domiciliari, anche perchè la normativa che prevedeva, per reati simili a quelli imputati a don Luciano Massaferro, il carcere o la libertà, è stata recentemente dichiarata illegittima dalla Corte Costituzionale per cui ora, questo tipo di misura cautelare è prevista. Si tratta comunque di una forma di detenzione, anche se meno afflittiva. La famiglia della piccola non ha commentato in alcun modo questa decisione, ne ha solo preso atto, non si è mai dichiarata nè a favore nè contro. A loro sta a cuore solo il bene della bambina. Mai, nei numerosissimi incontri con i genitori, ho sentito parole rancorose nei confronti del sacerdote, mai ho sentito parlare di risarcimento danni, ho sempre dovuto tirare fuori io l’argomento. Qui, non ci sono nè vincitori nè vinti e nemmeno persone che esultano per le disgrazie degli altri”.

“Dire che la bimba sia tornata ad una vita normale è esagerato – conclude Vannucci -. Diciamo che i mesi passati sono stati molto duri. Sentirsi additati, guardati con sospetto, vedere cortei a favore del parroco, non è stato piacevole. Ma ora vogliamo guardare avanti”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.