IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Calcio, serie D a Vado: il Borgorosso non ha fortuna, l’Asti esce vincitore

Vado Ligure. Lo stadio Chittolina di Vado Ligure è tornato ad ospitare una partita di serie D grazie al Borgorosso Arenzano, in esilio forzato, che ha ospitato l’Asti. L’incontro ha riservato diversi colpi di scena: tre reti, altrettante espulsioni e un esito finale, la vittoria degli ospiti, che si è concretizzato nel momento più favorevole per la squadra di mister Crovetto.

La prima iniziativa è di marca ospite, con una punizione sulla trequarti battuta a sorpresa per Nohman che riceve sulla destra, controlla, si accentra e fa partire un diagonale rasoterra che esce di poco. All’8° Cadenazzi, che spinge molto sulla fascia sinistra, rilancia l’azione del Borgorosso con una cavalcata, quindi serve in verticale Rondinelli che cambia per Laudisi, questi prova il tiro ma svirgola.

Al 13° Rondinelli dalla trequarti parte palla al piede e riesce a tirare nonostante la pressione del marcatore, la sua conclusione dal limite è parata a mani aperte da Basso. Gli astigiani si rifanno vivi al 16° con un cross dalla sinistra di Maiese, Rizzo salta ma per un soffio non ci arriva e Mosetti fa sua la sfera.

Battaglia dal cerchio di centrocampo organizza la manovra dei locali e lancia sulla destra per Rondinelli, questi evita che il pallone esca sul fondo e va al cross ma si rivela troppo lungo per Perri e Basso blocca. Sull’altro fronte, al 23°, Nohman si invola sulla sinistra, Mosetti gli esce incontro e lo atterra nei pressi della linea che delimita lateralmente l’area. Secondo Dal Borgo è rigore. Se ne incarica lo stesso Nohman, il portiere arenzanese respinge il suo tiro ma il più lesto di tutti è Roselli che appoggia in rete lo 0 a 1.

Il Borgorosso perde la calma e le sue iniziative si fanno confuse. Al 28° un dirigente dei biancocrociati viene allontanato dall’arbitro per le eccessive proteste. Alla mezz’ora Perri da posizione centrale va al tiro ma è debole e si trasforma in un ottimo assist per Coghe che, al limite del fuorigioco, controlla e batte a rete: Basso è abile a chiudergli lo specchio della porta deviando in angolo.

Poco dopo la mezz’ora Catalano commette un fallo tattico fermando Manasiev all’altezza del centrocampo. Dal Borgo non sorvola e lo punisce con il secondo cartellino giallo. Crovetto corre ai ripari inserendo Fabio Baroni per Laudisi. L’Asti dà l’impressione di poter controllare il gioco ma il Borgorosso si dimostra generoso e pressa per quanto possibile.

Rondinelli si rende protagonista di un’incursione in area, la sua conclusione è respinta da Tuninetti. Al 44° c’è una punizione dalla sinistra, Rondinelli butta palla in mezzo, Perri di testa colpisce ma non riesce ad imprimere la giusta direzione e manda alto. Nel recupero Asti pericoloso. Prima Manasiev inventa un traversone dalla destra che pesca Roselli, questi elude la difesa di Komoni e va al tiro: pallone alto di poco. Poi lo stesso Roselli in piena area serve bene Nohman sorprendendo la retroguardia locale, ma Mosetti è bravo a contrastarlo impedendogli il tiro. L’ultimo tentativo è di Nohman, ampiamente fuori misura.

Dopo un solo minuto della ripresa l’Asti usufruisce di una punizione da posizione interessante ma il destro di Rosetti è da dimenticare. Al 4°, su angolo dalla sinistra calciato dall’autore del goal, Mosetti esce in presa alta ma non trattiene; per sua fortuna i biancorossi non ne approfittano e l’azione si chiude con un debole tiro centrale di Mogos.

A questo punto l’Asti dà l’impressione di non averne più, nonostante la superiorità numerica, e il pallino del gioco passa nelle mani dei biancocrociati (ieri in maglia nerocrociata). Al 5° è Cadenazzi a proporre una buona iniziativa sulla sinistra, il suo cross è respinto corto dalla difesa ma il tiro di Fabio Baroni è debole e gli ospiti allontanano. Al 7° Battaglia si esibisce in una potente conclusione di destro dai 25 metri che esce a fil di palo.

All’11° rimessa laterale di Cadenazzi che dà palla a Battaglia, il numero 10 al limite dell’area si destreggia bene e va al tiro chiamando Basso ad una parata non facile. Gli attacchi del Borgorosso vengono premiati al 15°. Su un lancio dalla destra di Komoni, in area Mogos atterra Rondinelli. Il direttore di gara non ha dubbi: ammonisce il difensore e concede il rigore. Cadenazzi lo trasforma con sicurezza.

Il clima si scalda, sia in campo che in tribuna. Il goal subito giova all’Asti che riprende a costruire gioco con trame di fitti passaggi e fa valere l’uomo in più. Al 21° un cross dalla destra di Nohman regala qualche brivido agli spettatori ma si rivela troppo arretrato per Roselli.

I locali si rifanno avanti con un tiro dal limite di Battaglia, deviato, che chiama in causa Basso. Poi è ancora Asti. Al 26° Porta scambia due volte con Manasiev in area e va al tiro, Mosetti respinge, Nohman ben appostato cerca il tocco vincente ma il portiere arenzanese è bravissimo a fare suo il pallone. Poco dopo Mosetti respinge un tiro dal limite dello stesso Nohman.

Scampato il pericolo il Borgorosso si fa avanti. Alla mezz’ora Rondinelli scappa sulla sinistra ma Merzek è abile a togliergli il pallone; l’azione prosegue e Basso esce fino al limite dell’area per bloccare la sfera. Lo fa anticipando lo stesso Rondinelli. Tra i due nasce un battibecco che porta Basso a rivolgersi a muso duro al numero 11 locale. Questi si getta a terra e l’arbitro punisce l’atteggiamento del portiere con un rosso diretto. Civeriati manda in campo il secondo portiere Favarin al posto di Roselli.

L’inerzia della partita sembra favorire il Borgorossso, ma al 35°, nel momento più duro, l’Asti colpisce. Nohman tocca lateralmente per Manasiev che fa partire un rasoterra da fuori area: Mosetti tocca ma non trattiene. E’ il goal dell’1 – 2.

Il gioco riprende e l’Asti resta in nove uomini per l’espulsione di Tuninetti, punito con il secondo giallo per un fallo a centrocampo. Al 37° il Borgorosso grida al goal: Silvestri rilancia l’azione dei suoi, Cecchini va al tiro dalla distanza e la sua potente conclusione centra la traversa per poi cadere nei pressi della linea. Classico esempio di goal “fantasma”: l’arbitro lascia correre mentre tutta la panchina locale è in piedi a chiedere di convalidare la rete.

L’occasione fallita demoralizza il Borgorosso che, nonostante l’uomo in più, non riesce a creare altri pericoli. L’unica iniziativa si registra al 43° con Cecchini che prende palla al limite e serve Sassi, il suo tiro è alto. Nel recupero l’Asti si distende in contropiede e Nohman dalla destra chiama Mosetti alla parata in corner. Al 49° il numero 9 biancorosso cerca la porta su punizione, Mosetti blocca. L’incontro termina con una punizione di Fabio Barone: l’arbitro fischia mentre il pallone è diretto in area. Una scelta che non va giù ai locali: Dal Borgo viene circondato dalle proteste del calciatori del Borgorosso. Presto si placano e la squadra di mister Crovetto va negli spogliatoi a riflettere su una sconfitta parsa decisamente evitabile, maturata contro un Asti tutt’altro che irresistibile.

Il tabellino:
Borgorosso Arenzano – Asti 1 – 2 (p.t. 0 – 1)
Borgorosso Arenzano: Mosetti, Komoni, Cadenazzi, Sanna (s.t. 37° Cecchini), Silvestri (capitano), Coghe, Laudisi (p.t. 35° F. Baroni), Catalano, Perri (s.t. 19° Sassi), Battaglia, Rondinelli. A disposizione: Fiori, L. Baroni, Patrone, Tamai. All. Crovetto.
Asti: Basso, Mogos, Maiese, Staffolarini, Merzek (capitano), Tuninetti, Manasiev, Odino, Nohman, Roselli (s.t. 32° Favarin), Rizzo (s.t. 9° Porta, s.t. 40° Plado). A disposizione: Lumello, Lisa, Di Maria, Capuana. All. Civeriati.
Arbitro: Marco Dal Borgo (Verona). Assistenti: Mei (Conegliano) e Pasquale (San Donà di Piave).
Reti: p.t. 24° Roselli (A), s.t. 16° Cadenazzi (B), 35° Manasiev (A).
Espulsioni: p.t. 31° Catalano (B), s.t. 31° Basso (A), 36° Tuninetti (A).
Ammonizioni: p.t. 19° Catalano (B), 31° Rizzo (A), 33° Staffolarini (A), s.t. 9° Silvestri (B), 15° Mogos (A), 20° Tuninetti (A).
Calci d’angolo: Borgorosso 4, Asti 4.
Fuorigioco: Borgorosso 4, Asti 2.
Recupero: 3′, 4′.

Clicca qui per vedere alcune immagini della partita.

La 2° giornata:
Albese – Sarzanese (oggi)
Borgorosso Arenzano – Asti 1 – 2
Derthona – Borgosesia (oggi)
Gallaratese – Aquanera (oggi)
Lavagnese – Cuneo 2 – 1
Novese – Rivoli (oggi)
Santhià – Chieri (oggi)
Seregno – Vigevano (oggi)
Settimo – Chiavari Caperana 1 – 2
V.S. Cristophe – Acqui (oggi)

La classifica:
1° Vigevano 4
2° Sarzanese, Santhià, Rivoli, Borgosesia, Acqui, Aquanera 3
8° Asti, Seregno, Lavagnese 3
11° Chieri, Albese, V.S. Cristophe, Novese 1
15° Cuneo 1
16° Derthona, Settimo, Chiavari Caperana, Gallaratese 0
20° Borgorosso Arenzano 0

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.