IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Bergeggi, escursione alla scoperta di Punta Predani e della Grotta Marina

Bergeggi. Sabato 11 settembre appuntamento con l’escursione naturalistica a “Punta Predani e la Grotta Marina” alla scoperta della Riserva Naturale Regionale di Bergeggi e della grotta marina più nota della Liguria. Si tratta di un percorso di particolare panoramicità, lungo il tratto di costa prospiciente l’isolotto di Bergeggi, caratterizzato dalla presenza di alte falesie a strapiombo sul mare che ospitano la più nota grotta marina della Liguria.

Originatasi per corrosione carsica, all’interno di un massiccio di calcari dolomitici, risalenti a circa 200 milioni di anni fa, la grotta deve il suo aspetto attuale all’erosione marina che ha agito successivamente, di preferenza là dove la roccia era più carsificata e fratturata. La parte emersa è costituita da un’ampia cavità principale nella quale oggi entra il mare e da alcune diramazioni poste al di sopra dell’attuale livello marino. La parte sommersa si sviluppa dalla superficie fino a 7m di profondità articolandosi in diversi cunicoli, sale più o meno ampie e laghi salmastri, in cui l’acqua marina si mescola ad acqua di origine continentale proveniente da infiltrazioni nella roccia.

Le testimonianze in essa conservate, la morfologia delle pareti e i depositi marini e continentali che si trovano al suo interno, permettono di raccogliere dati fondamentali relativi all’evoluzione dell’intera area costiera durante il Quaternario, era geologica caratterizzata da numerose e intense variazioni climatiche con conseguenti oscillazioni del livello del mare. Frequentata fin dall’antichità, al suo interno sono stati rinvenuti numerosi reperti paleontologici risalenti al Neolitico che testimoniano l’uso della grotta sia a scopo sepolcrale sia abitativo.

Il percorso vanta inoltre spettacolari scorci sull’Isola di Bergeggi, che dista dalla costa solo poche centinaia di metri, e sull’Area Marina Protetta. E’ facile restare abbagliati dai colori del mare che si infrange sulle scogliere sottostanti ma vale la pena osservare le specie vegetali pioniere tipiche di substrati calcarei e le specie arbustive della gariga e della macchia mediterranea tra le quali spiccano Campanula sabatia (esclusiva della liguria occidentale), Euphorbia dendroides, la rara Anthyllis barbajovis e l’endemica Thymelea hirsuta.

L’appuntamento è alle 17 sulla via Aurelia incrocio con Via Torre d’Ere, nei pressi del bar-edicola. L’escursione è gratuita, non necessita di prenotazione e dura circa 2 ore. Si raccomanda un abbigliamento comodo e calzature adeguate. In caso di pioggia e/o avverse condizioni meteo, sarà esclusivamente facoltà della guida decidere di effettuare l’escursione.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.