IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Basket, la Tirreno Power Riviera regola il Varese: oggi si gioca il passaggio del turno foto

Quiliano. La Tirreno Power Riviera conquista la finale della prima fase di Coppa Italia e si giocherà alle ore 17,30 di oggi a Quiliano, contro Legnano, il passaggio del turno al secondo raggruppamento, in programma per sabato e domenica prossimi.

I biancorossi hanno sempre dato l’impressione di tenere in mano la partita, toccando un massimo vantaggio di 16 punti. Una prima uscita ufficiale nel complesso positiva, anche se Varese era priva di elementi di spicco quali Premoli, Conti e Fontanel.

I padroni di casa si presentano in campo con Gambolati, Bertolini, Cappa, Paleari, Sacco; Varese risponde con Lombardi, Croci, Tacchini, Martino Ravera, Matteucci. Apre le segnature Paleari con un libero; dopo 2’20” il Riviera è già sul 5 – 0 con un canestro di Cappa. Varese sbaglia molto al tiro e muove il suo score con due liberi di Tacchini, agganciando la parità a 7. Questione di pochi secondi perché Cappa va ancora a canestro.

La Robur et Fides pareggia nuovamente con due liberi di Croci, 9 – 9, ma sarà l’ultima volta. In rapida successione Gambolati, Paleari, Bertolini (da tre) e Ganguzza (1/2 ai liberi) realizzano un parziale di 8 – 0. Martino Ravera dalla lunetta lo interrompe con un 2/2; a 9″ Bedini penetra e fissa il punteggio sul 19 – 11.

La seconda frazione di gioco è aperta da un fallo di Ganguzza che manda in lunetta Martino Rovera: commette il primo errore dei suoi dalla linea della carità ma mette il secondo. Risponde Bertolini con una tripla. I varesini tornano sul – 6, ma il Riviera ingrana e gioca in scioltezza. Gambolati si procura e segna due liberi, poi Bernardi strappa applausi ai presenti con una bomba che si infila senza toccare il ferro.

I lombardi cercano disperatamente di rimanere agganciati, con un canestro da tre di Croci riescono a riavvicinarsi. A 3’17” Ghizzinardi chiama a raccolta i suoi, sul 28 – 23. Al rientro Bertolini appoggia a canestro il nuovo + 7, imitato poco dopo da Cappa. Sono ancora due liberi di Martino Rovera a tenere a galla i biancoblu, quindi Tourè subisce fallo da Bernardi e segna il primo, per poi prendere il rimbalzo e siglare il – 4.

Ci pensa Sacco a costringere Croci al terzo fallo personale e a siglare con freddezza i due tiri conseguenti; poi è Gambolati a piazzare il 38 – 31. Il tempo si chiude con un tiro da tre di Martino Rovera che si spegne sul ferro.

Al rientro dagli spogliatoi i biancorossi mostrano di voler chiudere la pratica e Cappa va a segno. La Robur et Fides però non molla, anzi: con due liberi di Lombardi, un canestro di Matteucci e le iniziative di Martino Rovera tocca il – 2. E’ Sacco a dare il la all’ennesimo tentativo di fuga vadese, il cui culmine stilistico è un’azione da intesa perfetta tra Gambolati e Bertolini, con il primo a mettere nel canestro un assist delizioso servitogli dal nuovo numero 7.

Varese vede svanire il suo tentativo di rimonta quasi riuscito e cade nella frustrazione che porta Lombardi al fallo tecnico. Sacco segna 2/2, quindi Gambolati spreca il possesso con un’infrazione di passi. Matteucci da tre e un’azione con canestro e fallo di Martino Rovera sono la reazione dei biancoblu, è però Bernardi a dilatare il margine sul + 10. Gli arbitri puniscono Tacchini con un antisportivo e Gambolati non sbaglia i conseguenti liberi. Anche Lombardi dalla lunetta non sbaglia, portando i suoi nuovamente sul – 10. L’ultimo possesso è della Tirreno Power, Lombardi ferma irregolarmente Gambolati ma il numero 4 locale questa volta non è preciso.

Nell’ultimo quarto i vadesi partono con Gambolati, Bernardi, Cappa, Paleari e Sacco. Dopo un minuto Bertolini prende il posto di Cappa. Ganguzza e lo stesso Bertolini si trovano già gravati di 4 falli; poi toccherà anche a Paleari, ma tutti i biancorossi finiranno l’incontro.

Il tenace Martino Rovera segna un libero che sblocca il tabellone nell’ultimo quarto, che sarà quello nel quale si segnerà meno. Sacco sale in cattedra e prima appoggia a canestro il + 11, poi va a bersaglio da tre. Filippo Rovera sfonda in attacco, mentre sull’altro fronte Bedini serve un assist a Paleari che indisturbato non può sbagliare: massimo vantaggio sul 65 – 49.

Risponde Filippo Rovera. Cala la concentrazione del Riviera, Paleari commette fallo in attacco poi Bernardi spreca una buona occasione, quindi lo stesso play colpisce il ferro dai 6,75. Varese non ne approfitta più di tanto: fa scadere i 24″, mentre nell’azione successiva Gastari dall’angolo infila il 65 – 53 a meno 3’44”.

A 2’18” Bedini riallunga con un canestro da una distanza che, fino alla scorsa stagione, sarebbe valsa tre punti. C’è spazio anche per Varrone. Sacco si assicura la palma di top scorer locale ma non dell’incontro, che spetta a Martino Rovera nonostante la sua uscita per 5 falli, imitato poco dopo dal fratello Filippo. Tourè rende meno pesante il passivo ospite con un canestro a 48″ dal termine, una schiacciata nell’azione successiva e una tripla nel finale.

Al termine della partita coach Ghizzinardi ha commentato: “E’ stata una buona prestazione dal punto di vista difensivo, abbiamo concesso solo 60 punti ad una squadra che non ci ha dato punti di riferimento. Vorrei sottolineare la prova di Ganguzza, Gambolati e Paleari dal punto di vista difensivo, perché non è facile giocare contro una squadra che di fatto non ha quasi lunghi di ruolo. Non sono molto contento della fase offensiva, perché volevo sfruttare maggiormente i miss match e poi continua a non piacermi lo scoramento che ci prende quando non ci entrano tiri facili. Abbiamo tirato molto da tre, perché era la situazione di gioco più semplice contro la loro difesa e non abbiamo segnato, peccato, perché se fossimo stati più concreti avremmo scavato prima il parziale. In finale giocheremo contro una squadra costruita quasi come la nostra, con lunghi, esterni e quant’altro e dovremo mantenere il buon atteggiamento difensivo mostrato oggi e migliorare quello offensivo”.

Il tabellino:
Riviera Vado Basket – Robur et Fides Varese 71 – 60
(Parziali: 19 – 11, 38 – 31, 56 – 46)
Riviera Vado Basket: Gambolati 13, Bernardi 7, Gelmini ne, Bertolini 10, Varrone, Cappa 10, Paleari 7, Bedini 4, Ganguzza 4, Sacco 16. All. Ghizzinardi.
Robur et Fides Varese: Lombardi 4, Tourè 14, Croci 3, Tacchini 8, Gastari 2, F. Rovera 5, M. Rovera 17, Matteucci 7, Muraca, Crippa. All. Garbosi.
Arbitri: Volpe e Canestrelli.

Tra le immagini sotto anche lo scout della partita, tratto dal sito del Riviera Basket.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.