IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Baseball, playoff serie C: la Cairese domina le prime due gare, ma un risultato è sub judice

Cairo Montenotte. Sarà il giudice sportivo in settimana a decretare se la Cairese potrà contare su entrambe le vittorie nettamente conquistate sul campo o se, come appare più probabile, dovrà rinunciare alla prima a causa di un errore di schieramento.

Nel primo incontro infatti il lanciatore biancorosso Davide Beretta è stato schierato sul monte per 8 inning, mentre il regolamento federale prevede un massimo di 7 per i giocatori under 21. Indipendentemente dal verdetto della federazione al ricorso presentato dai Grizzlies di Torino, il verdetto del campo non ha lasciato dubbio alcuno su quale sia il potenziale dei biancorossi, che hanno dimostrato in entrambi gli incontri di essere nettamente superiori agli avversari.

Due vittorie nettissime, la prima 10 – 1, la seconda 14 – 4 per manifesta al settimo inning, costruite inning dopo inning con una supremazia schiacciante in ogni fase dei match. Nel primo incontro di sabato pomeriggio i ragazzi di Lunar concedono un solo punto al primo inning, su un errore di tiro, poi si scrollano di dosso la tensione iniziale e prima pareggiano sulla valida di Vottero, quindi affondano al secondo inning sullo splendido doppio di Sechi. In difesa Berretta detta legge aiutato da un ottima difesa, che in diverse occasioni ha regalato giocate veramente di buon livello.

Dopo un paio di inning interlocutori i biancorossi incrementano ulteriormente portandosi sull’8 – 1 grazie anche ad una cannonata di Palizzotto all’esterno centro ed alle valide di Barlocco, ma non riescono a raggiungere i 10 punti di vantaggio che servono per la manifesta. Il risultato finale di 10 – 1 viene ottenuto con altri due punti all’ottavo inning ma poco prima in casa cairese ci si era già resi conto dell’errore commesso e del fatto che questa splendida vittoria poteva essere invalidata.

Con il morale sotto le scarpe la Cairese ha però presto smaltito la naturala arrabbiatura e la delusione, ritrovando, per il secondo incontro di domenica mattina, la concentrazione e la serenità necessarie, conferma ulteriore che la vera forza del suo gruppo è la coesione, l’essere sempre squadra, nel bene e nel male. E nel secondo incontro i biancorossi hanno letteralmente schiacciato gli avversari, incapaci di reagire alla loro aggressività e di contenere il loro straripante attacco.

Una partita quasi perfetta, a partire dall’ottima prestazione del lanciatore Roberto Ferruccio, autore di numerosi strike out, passando da una difesa senza sbavature fino al settimo inning, arrivando poi all’attacco, intelligente a sfruttare le indecisioni iniziali del lanciatore e del ricevitori avversari per poi allungare ed affondare con le mazzate di Palizzotto e Vottero. Sul 14 – 0 al settimo inning le uniche distrazioni di tutto l’incontro permettono ai Grizzlies di sperare nel recupero ma Ferruccio riesce a chiudere con l’ennesimo strike out mantenendo il distacco ai 10 punti necessari perchè l’arbitro decretasse la vittoria della Cairese per manifesta superiorità.

Una prova di forza e di carattere che non può che far ben sperare per i prossimi incontri che si svolgeranno a Torino il prossimo fine settimana e per i quali la società cairese chiederà una variazione al calendario, proponendo alla federazione di giocare gara 3 sabato pomeriggio e gara 4 sabato sera, accollandosi i costi dell’illuminazione, sperando di evitare il quinto incontro della domenica.

Nella foto Carlo Palizzotto in battuta.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.