IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Albenga: i manifesti-denuncia del Pd contro l’aumento dei costi dei servizi scuola

Albenga. “Le vacanze sono finite, ora mani al portafoglio: l’anno scolastico inizia a caro prezzo”: è questo lo slogan che campeggia sui manifesti “targati” Pd, con i quali il partito di opposizione ingauno vuole informare la cittadinanza su quelli che definisce “scandalosi aumenti dei servizi scuola per le famiglie attuati dalla Giunta Guarnieri”.

Manifesti sui quali campeggiano cifre e costi che gli albenganesi con figli in età scolare dovranno affrontare con l’inizio delle lezioni. Eccoli: buoni mensa aumentati di 210 euro l’anno; scuolabus aumentato dell’80% all’anno per le famiglie che pagavano la metà della retta, del 20% per quelle che pagavano la quota intera; le esenzioni non esistono più: tutti pagheranno almeno 450 euro per i buoni scolastici e 117 euro per lo scuolabus, con un aumento del 100%; nel 2010, la spesa complessiva delle famiglie subirà un aumento compreso tra i 230 e i 290 euro rispetto al 2009. E ancora: le famiglie meno abbienti – si legge sui manifesti in giro per la città – nel 2009 non pagavano nulla, nel 2010 avranno una spesa di 613 euro. Poi, l’attacco finale: “Questo è il primo provvedimento preso dalla giunta comunale e dall’assessore ai Servizi Sociali, paladino dei più deboli e della famiglia. E poi non dite che è colpa del Pd”.

Cifre scritte in stampatello e coi colori del partito (verde e rosso) e ai quali seguirà, promette il Pd, una campagna di volantinaggio per le strade. La battaglia sulla scuola è dunque appena iniziata.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Santillan
    Scritto da Santillan

    bordiga hai detto cose giuste, ma qui vogliamo solo vedere gli “altri” che non pagano, non vediamo macroscopici soprusi da parte di tanti italiani che furbi o agevolati eccessivamente.. poi magari sono gli stessi che ci raccontano che la colpa è dei “marocchini”. Si parlava di spiagge e di concessioni demaniali qualche articolo fa, non ho visto gli stessi commenti nei confronti di questi fortunati “signori del mare”, se invece un aziz qualsiasi non paga la mensa.. apriti cielo!

  2. Scritto da gelindo bordiga

    Il vero problema sono i contadini, che non pagano niente e usufruiscono di tutti i vantaggi possibili ed immaginabili. I rincari sono dovuti anche a questo: se i contadini, che ad Albenga sono molti, per legge hanno dichiarazioni dei redditi minime, pur guadagnando migliaia di euro (a testimonianza ad Albenga ci sono più di 25 banche, record italiano, che di certo non sono piene dei soldi dei dipendenti) hanno diritto ai servizi gratis, tra cui anche la spazzatura (adesso mi sembra che paghino una cifra ridicola, e si lamentano pure). Se loro non pagano qualcun’altro deve pagare, sono anni che le tariffe non vengono adeguate. Il problema non è l’adeguamento, secondo me sacrosanto, il problema è che se pagassero tutti si pagherebbe tutti meno. E non diamo la colpa ai soliti extracomunitari, non basta qualche straniero per mandare in tilt tutto il sistema. La maggior parte di queste persone è dipendente delle aziende agricole e lavora da anni per le stesse persone e, tranne qualche eccezione, pochi a tempo indeterminato. Il trucchetto è semplice, gli fanno un contratto di sei mesi, poi li licenziano, prendono la disoccupazione (che paghiamo noi) e continuano a lavorare come se nulla fosse. Il mondo è dei furbi…

  3. Scritto da il liquidatore

    credo che il prezzo della mensa sia veramente basso. e poi nessuno è obbligato ad usufruirne!
    ma a casa un pasto costerebbe sicuramente di più!

  4. Scritto da niello massa

    @gerry1893……che non te ne freghi niente mi dispiace perche’ la pensilina per bus e’ sintomo di degrado e di decadenza della citta’ come la pulizia o lo spaccio di droga. La non pensilina e’ sintomo di arroganza del potere di questa amministrazione che sia di destra o di sinistra (figuriamoci quella di sinistra di tabbo’ che la fatta togliere per le pressioni dell’angheso giangherotti. ). Questo e’ il mio pensiero.

  5. Total War
    Scritto da Gerry1893

    niello: la dichiaro solfa perche a me di una pensilina del bus non me ne frega niente visto che ci sono problemi ben piu gravi ad albenga quali ad esempio la pulizia delle strade o lo spaccio di droga. sono egoista? va bene sono egoista, ma ribadisco che della pensilina me ne frego!