IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Finale Ligure, trasferimento Piaggio: aumenta la cubatura sul fronte mare

Finale Ligure. Sono sempre più insistenti le indiscrezioni secondo cui  la Piaggio Aero starebbe lavorando ad un nuovo progetto per il recupero delle aree dello stabilimento finalese . Il nuovo “masterplan” sarebbe già stato anticipato alla Regione Liguria ma non al comune di Finale Ligure.

L’operazione immobiliare su cui si basa il trasferimento dello stabilimento a Villanova d’Albenga e la prosecuzione dell’attività industriale in provincia di Savona, prevedrebbe un sensibile aumento della cubatura con una distribuzione diversa dei volumi sul fronte mare finalese, rispetto al precedente progetto (vedi immagine) che prevedeva una distribuzione più omogenea su tutta l’area attualmente occupata dallo stabilimento.

Il ritorno economico è la chiave di volta e quindi rendere il progetto più appetibile, è fondamentale ancor più in un contesto economico come quello attuale di stagnazione per il mercato immobiliare. Nei giorni scorsi si è svolto un sopralluogo “via mare” di un importante imprenditore milanese che ha voluto vedere in prima persona, la zona e il potenziale sviluppo del waterfront, e che sarebbe pronto a rilevare l’operazione se venisse approvato il nuovo progetto.

Sebbene a luglio ci sia stato un importante vertice presso lo stabilimento finalese tra proprietà, Regione Liguria, lavoratori e amministratori locali, dal quale è emersa la volontà di Piaggio di avviare il trasferimento a Villanova, non cala il timore dei lavoratori che alla lunga l’azienda possa decidere di  fare uno “spezzatino”, trasferendo la parte motori alla genovese Finmeccanica e completare la progettazione del nuovo velivolo il P1xx in India assieme al socio, il costruttore di automobili, Rathan Tata.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Ypsilon
    Scritto da Ypsilon

    Già, togli i costi sindacali, magari non 12 ore al giorno ma 10 sicuro, meno personale, più redditività, aziende in utile con operai pagati 3000 euro al mese, CHE SCHIFO, molto meglio 6,40 ore al giorno, più personale, aziende in perdita con operai pagati 1200 euro al mese.
    Sciuscià e sciurbì nu se peu.

    Già, ma è chiaro che ad uno di Finale che lavori alla Piaggio gli gira “l’elica” a dover andare a lavorare a Villanova.

    Ma dimmi una cosa, secondo te un azienda come la Piaggio dovrebbe lavorare in perdita e quindi fallire per i capricci e le comodità di qualcuno ? Che mi combini, Resist, impersoni l’espressione “Muoia PIGRONE con tutti i piaggisti suoi” ?

    Ricordati che i Romani hanno conquistato mezzo mondo all’epoca con mazzate e commercio, poi si sono rammolliti ed il loro impero si è polverizzato.

    Per quanto riguarda i sindacati so solo che in tutti i casi in cui i datori di lavoro premiano i propri dipendenti con degli extra in busta solitamente si incacchiano perchè non sono stati interpellati, ti sembra che debbano ficcare il naso in “quanto” -non dovuto- un datore di lavoro decide di elargire a livello di regalia ai propri dipendenti ? Secondo te perchè si incacchiano ? Se non ci fossero dissidi tra dipendenti e datori di lavoro i sindacati avrebbero una ragione di esistere ? NoO ? Allora non pensi che in molti casi certe situazioni vengano anche esasperate tanto per giustificare la propria esistenza (ed il proprio profitto) ?
    Suona nuovo “tra i due litiganti il terzo gode” ? Ecco cosa penso dei sindacati (nella maggior parte dei casi, eccezioni escluse).

    Idrovolanti ? Più belli cosa ? Quegli aborti dei primi decenni del secolo scorso che non sono mai neanche entrati in produzione ?

  2. Scritto da Resist

    @Ypsilon,non sono un profeta,leggo solo dei progetti della Piaggio in India e della voglia di immobilizzare capitali in cemento imporoduttivo al posto di imprese che danno lavoro.
    Il tuo attacco al Sindacato mette in evidenza la tua posizione politica, che in questo caso è anche antistorica:
    senza le lotte sindacali anche noi staremmo 12 ore in fabbrica e senza nessuna tutela sociale e magari sarebbero gli industriali indiani e cinesi a delocalizzare in Italia.
    A proposito…gli aerei della Piaggio più belli erano idrovolanti!!!!!!!!

  3. Ypsilon
    Scritto da Ypsilon

    @Resist: complimenti, che grande PROFEZIA …. Quando leggo commenti come il tuo inorridisco. Ma “stare sul mercato” sai cosa vuol dire ? Se un’azienda ci riesce produce valore che si traduce in un ritorno economico per TUTTI, altrimenti, se non ci riuscisse “TUTTI A CASA” ti suonerebbe meglio ? I sindacati ? Chi, quella categoria di fancazzisti con la voglia di vedere le aziende lavorare in perdita pur di GARANTIRE i posti di lavoro ? Guarda che IL LAVORO NON ESISTE PER POSTULATO ed i sindacalisti (soprattutto ai livelli dirigenziali, ossìa una grande parte della categoria) vivono parassiticamente alle spalle dell’immaturità di chi invece crede il contrario (e tante volte sono proprio essi stessi a degradare i rapporti tra aziende e lavoratori, tanto per giustificare la propria esistenza).
    Non pensi infine che una fabbrica di aerei starebbe meglio vicino ad un aeroporto ed una struttura turistica sarebbe più utile vicino ad una spiaggia ? Sei mai stato in Valle D’Aosta ? Se si, hai visto quanti cantieri navali ci sono ?

  4. Scritto da Resist

    La Piaggio ha rilevato,a prezzo stracciato,l’area demaniale fronte mare.
    I capannoni di Villanova potrebbero non vedere mai un aereo,perchè la manod’opera in India costa molto meno.
    A Finale verrà costruito un mare di seconde case…..case che rimarranno vuote per gran parte dell’anno.
    Questi sono gli imprenditori che ci troviamo…e anche i Sindacati ci cascano…. nel tranello!!!