IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Pestato per un sorpasso in autostrada: fuori pericolo Giacomino Ferrua

Pietra Ligure. I medici dell’ospedale Santa Corona, di Pietra Ligure, hanno sciolto stamani la prognosi di Giacomino Ferrua, l’imprenditore sanremese di 64 anni selvaggiamente picchiato da un motociclista dell’hinterland milanese, domenica mattina, in una piazzola di sosta dell’Autofiori, all’altezza di Andora (direzione Francia), a causa di un sorpasso.

Lo ha annunciato l’avvocato Maria Lorena Binello, di Sanremo, che difende l’imprenditore, titolare di una macelleria nella citta’ dei Fiori, annunciando che presentera’ querela contro il suo aggressore, del quale si sa soltanto che viaggiava in sella a una motocicletta Bmw assieme alla propria fidanzata.

Ferrua, invece, si trovava al volante di una Ferrari e stava rincasando. Il suo avvocato ha pure annunciato che si riservera’ di decidere, assieme al proprio assistito, se presentare una denuncia anche contro i medici del pronto soccorso di Sanremo – ai quali si era rivolto autonomamente l’imprenditore, domenica mattina – che avendolo visto tumefatto in volto lo hanno subito dimesso, senza sottoporlo a una Tac dalla quale si sarebbero resi conto dell’ematoma. Ematoma che e’ stato diagnosticato soltanto verso la sera quando l’uomo e’ tornato in ospedale all’aggravarsi delle sue condizioni di salute. Allora lo hanno sottoposto a una Tac, disponendo il trasferimento al reparto di Neurochirurgia di Pietra Ligure.

In collaborazione con Riviera24.it

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da scoobysan

    Quello che è successo prima dell’area di servizio non credo si verrà mai a sapere con la matematica certezza,il motociclista ha detto che l’automobilista ha fatto una manovra pericolosa mentre l automobiista ha affermato di aver piu volte chiesto strada mediante segnalatori visivi e dopo acustici,appena la motocicletta si è spostata sulla corsia di marcia normale lo ha sorpassato.
    Non dimentichiamoci che la motocicletta era in corsia di sorpasso senza titolo avendo la corsia a dx libera!!
    Comunque quello che è grave è quello che è successo dopo!!!!
    Quale giustificazione per un atto criminale del genere??
    Sono 15 giorni che l automobilita è in condizioni precarie in terapia intensiva, per quale motivo? Per un sorpasso?? Per un azzardo?
    Nessuno di voi pensa che una persona appassionata di automobili ci pensa due volte prima di danneggiare la propria vettura?
    Poi smettiamola con i pregiudizi,viaggio molto ed in autostrada ho visto motociclette Bmw o altro guidate da emeriti imbecilli,che solo perchè sono su due ruote ti passano specchio a specchio o cose varie,ho visto automobilisti fare manovre irracontabili (l ultima la scorsa settimana ad Alessandria raccordo per Genova in piena curva una donna in retromarcia con una Audi)…e dei camionisti nulla da ridire? Ogni lunedi mattina in Autosole un mezzo pesante coinvolto in incidente (vi ricordate 2 anni a Mestre il salto di careggiata del Tir con 7 morti???)
    Basta!!! E ora di dire basta non conta il mezzo per emettere sentenza ci penserà la magistratura a ricostruire l’accaduto (anche se senza un contatto tra i mezzi penso sia difficile).
    Quello che è grave è che per pure uno spavento il Signor A. L. sta facendo soffrire delle persone mentre lui sta continuando a farsi la sua vita!!!

  2. hi-tech
    Scritto da hi-tech

    …Ma come si fa a commentare na notizia così?…senza avere elementi e condannare a priori l’automobilista? … Io metterei una belkla taglia su questo Bulletto sulle 2 ruote….
    In autostrada vige la legge di Nessuno. E’ molto frequente essere coinvolti in liti… Sempre meglio permunirsi dalle aggressioni portandosi dietro il bastone per sorreggere la gamba temporaneamente claudicante o l ginocchio improvvisamente dolorante. IO non mi faccio problemi e porto sempre con me la mia spada affilata d’ordinanza.. :-)

  3. Scritto da lorenzo75

    Una reazione del genere è sicuramente sbagliata e da condannare, ma concordo pienamente con Bandito e Quovadisdominae su cosa siamo costretti noi motociclisti a subire, specie in autostrada, da automobilisti prepotenti. Loro fan gli splendidi coi macchinoni, noi rischiamo la vita.

    Oltretutto l’articolo messo in questa maniera è chiaramente tendenzioso, su altre testate si evince che in effetti questo Ferrua deve quantomeno aver stuzzicato non poco il motociclista prima di essersi fermato (Oltretutto il GS non è la moto che compra chi vuole fare il brillante tagliando curve e sfiorando specchietti)

    Ribadisco comunque che il gesto è grave ed ingiustificabile

  4. Scritto da Scimun

    certo che sulla strada non si può giustificare chi mette a repentaglio la vita altrui, ma per lo stesso motivo non si può nemmeno giustificare chi alza le mani per difendere le proprie ragioni.
    Il motociclista avrà avuto tutte le ragioni e si sarà anche preso un bello spavento, ma venendo alle vie di fatto è passato dalla parte del torto.

  5. Scritto da Aurelio Bianchi

    Sessantenne in Ferrari, viaggiava a 100 km/h? Mah!…

    Motociclista prudente? Ce ne sono molti, ma altri, troppi, pensano soltanto a sfiorare gli specchietti e tagliare le curve.