IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Labat Loano Festival: sei giornate dedicate alla danza foto

Loano. Da lunedì 23 a sabato 28 agosto, a Loano, si svolgerà l’ottava edizione di Labat Loano Danza Festival, promossa dall’assessorato al Turismo e alla Cultura del Comune di Loano e diretta dal maestro coreografo Gino Labate e dalla danzatrice, maestra e coreografa Emanuela Campiciano.

Per sei giorni nel palazzetto dello sport di Loano si svolgeranno stage con lezioni di varie tecniche e stili, guidati da maestri di fama internazionale.

Saranno ospiti dell’edizione 2010: Rino Pedrazzini, maitre de ballet internazionale (corso di danza classica avanzato), Alberto Maggi, maestro diplomato al Teatro alla Scala di Milano (corso di danza classica principianti/intermedio e modern), Silvia Grasselini, già danzatrice Balletto di Toscana (corso di danza contemporanea), Johnny Street maestro hip hop (Hip Hop), Gino Labate, maestro coreografo (Dance style fusion), Sveva Berti, già danzatrice Balletto di Toscana e Aterballetto, assistente e ripetitrice repertorio Aterballetto Reggio Emilia (Repertorio Aterballetto), Arturo Cannistrà già danzatore del Teatro Comunale di Firenze e Aterballetto Reggio Emilia, responsabile artistico Progetti Speciali Fondazione Nazionale della Danza Aterballetto (laboratorio coreografico). Le lezioni di classico sarà supportata dalla presenza di Vinicio Colella (pianoforte), maestro accompagnatore dell’Accademia Nazionale di Danza Roma.

Nell’ambito del festival si svolgeranno, inoltre, la terza edizione del concorso “Un popolo che danza” e la terza edizione del “Grand Prinx Giuliana Penzi” con ospiti di fama internazionale.

Il concorso “Un popolo che danza”  prevede la partecipazione di solisti, passo a due e gruppi. I partecipanti potranno portare in scena coreografie appartenenti a qualsiasi tecnica e stile, senza limite di età. La giuria sarà composta da personaggi illustri nel campo della danza quali Rino Pedrazzini maestro e coreografo, Alberto Maggi maestro e coreografo, Silvia Grassellini maestra e coreografa, Emanuela Campiciano danzatrice, maestra e coreografa, Chiara Fiaschi danzatrice, Johnny Street maestro e coreografo e Gino Labate in qualità di presidente. La giuria assegnerà un primo, secondo e terzo posto sia per il concorso coreografico che per i giovani talenti, due grand prix, due menzioni speciali e un premio rivelazione festival. Saranno assegnate, inoltre, una borsa di studio per la Scuola del Balletto di Toscana ed una per la Scuola di Balletto Cosi-Stefanescu. Saranno assegnate, infine, due borse di studio in danaro del valore di euro cinquecento cadauno. 

Il 23 agosto nell’Arena estiva Giardino del Principe, alle ore 21,30 si terranno le selezioni del concorso coreografico, il 24 agosto le selezioni del concorso giovani talenti e il 27 agosto il finale e il galà omaggio a Giuliana Penzi.

Il 25 agosto, sempre nell’Arena estiva Giardino del Principe, alle ore 21,30, si accenderanno i riflettori sulle nuove tendenze coreografiche italiane con la serata “Vetrina coreografi emergenti”. Per l’occasione saranno presentate al pubblico quattro coreografie firmate da Emanuela Campiciano “Lounge Girl Dance Project” Roma, Elisa Punturiero “Artedanza” Torino, Gruppo Denise Zucca Grugliasco.

Il 26 agosto, si alzerà il sipario sulla produzione della “Labat Dance Company “Oltre il buio”, in scena alle ore 21,30,  nel Giardino del Principe. Lo spettacolo diretto da Gino Labate, che ne è anche il coreografo, promuove una campagna sociale di informazione e prevenzione contro gli abusi e le violenze sulle donne. Sul palco danzeranno Chiara Fiaschi, Federico Betti, Alessia Losavio, Francesca Capacci, Emanuela Campiciano.

La serata “Omaggio a Giulian Penzi”, in programma il 27 agosto, alle ore 21,30 nel Giardino del Principe, propone la finale concorso “Un popolo che danza” e il galà.

In chiusura del festival, sabato 28 agosto, si svolgerà il Galà “Stelle in danza”. Il programma della serata comprende coreografie provate durante la settimana del “Labat Loano Danza Festival” dagli allievi degli stage e l’esibizione dei vincitori dei Grand Prix del concorso “Un popolo che danza”. Parteciperanno alla serata ospiti illustri del panorama internazionale della danza: Alen Bottaini (Italia), Adeline Pastor (Francia), Yoel Carreno (Cuba), Yolanda Correa Frias (Cuba), Davit Jeyranyan (Armenia), Carlo Di Dio (Italia), Bernadette Mirentxu Torres (San Diego California), Vittorio Galloro (Italia).

Nella serata si svolgerà la cerimonia di consegna del premio Grand Prix Giuliana Penzi alla danza, che quest’anno è stato assegnato per il talento ad Adeline Pastor, per la carriera a Yoel Carreňo e ad Alen Bottaini per la promozione della danza ad Arturo Cannistrà.

Le serate sono ad ingresso gratuito.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.