IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Centrale di Vado, il Comitato dei Medici replica a Tirreno Power

Vado Ligure. E’ arrivata da Paolo Franceschi, pneumologo e referente scientifico della Commissione Ambiente e Salute dell’Ordine dei Medici di Savona, la replica alle affermazioni di Tirreno Power sul progetto di ampliamento previsto per la centrale di Vado Ligure, dopo che le associazioni ambientaliste savonesi e non avevano indirizzato, con tanto di raccolta firme a livello nazionale, 10 domande all’Ing. Carlo De Benedetti contro la nuova unità a carbone, interrogativi a quali non è stata data risposta diretta.

In qualità di portavoce per la Liguria del coordinamento Nazionale dei Comitati dei Medici per la Salute e per l’Ambiente. (ISDE Italia), Paolo Franceschi afferma: “Le motivazioni riportate da Tirreno Power sono mutuate  da due studi separati che l’ allora assessore regionale all’ambiente commissionò nel 2007 a IST Genova e ARPAL per la valutazione dei rapporti fra inquinamento ambientale in provincia di Savona e mortalità generale e per singole cause. Tali studi, di per se condotti correttamente, anche se a nostro parere inficiati in parte  dalla mancanza nel team di almeno un medico, non erano assolutamente in grado, per carenze intrinseche alla metodica di studio, di dimostrare quello che si era chiesto a gran voce da Comitati e Ordine dei Medici, e cioè: “Esiste un rapporto fra inquinamento ambientale in Provincia di Savona e rischi per la salute?”
 
“Nel territorio della Provincia di Savona – prosegue – non viene effettuata una adeguata misurazione degli inquinanti. I parametri stabiliti nel 2006 dall’OMS per la qualità dell’aria al fine di salvaguardare la salute umana, e riportati nel documento programmatico della società europea di pneumologia (ERS),   non sono stati mai rispettati nemmeno lontanamente in base ai controlli effettuati dalle centraline presenti sul territorio negli anni 2006 – 2007 in tutti i siti di rilevamento, ma, al contrario, sono stati superati  fino a  10, 20 volte” prosegue il pneumologo.
 
“Gli studi della qualità dell’aria attraverso le metodiche della biodiversità lichenica effettuati negli anni ’90 fino al 2003 dimostrano come “Appaiono critiche la situazione di Savona e della valle Bormida, dove si registrano valori molto bassi di biodiversità lichenica” (Piano Regionale della qualità dell’ aria 2006). La mortalità totale dell’intera Provincia è significativamente più elevata rispetto alla media regionale in entrambi i sessi”. 
 
“La mortalità standardizzata per tutti i tumori in Provincia di Savona è superiore del 13,7% fra i maschi e del  42.1% rispetto alla media nazionale; gli incrementi di mortalità sono valutati in base a dati standardizzati e non risentono pertanto delle differenze di età media della popolazione in esame”.

“Gli incrementi di mortalità sia generale che per le malattie tumorali, cardiovascolari e respiratorie si concentrano prevalentemente nelle aeree che presentano maggiori livelli di inquinamenti stabiliti in base agli studi di biodiversità lichenica condotti negli ultimi 15 anni in provincia di Savona da ARPAL, Regione Liguria, Università di Genova”.

“Con la chiusura dei gruppi a carbone e l’adeguamento dei sistemi di denitrificazione della centrale a gas naturale esistente alle migliori tecnologie attualmente disponibili (BAT), si potrebbe raggiungere un discreto equilibrio tra produzione di energia elettrica e inquinamento derivato, riducendo in maniera significativa ogni tipo di impatto sulla salute da parte degli inquinanti prodotti e consentendoci di raggiungere quei valori di qualità dell’aria stabiliti dall’OMS nel 2006 e ribaditi dall’ERS nel 2007”.

Intanto sulla vicenda è arrivata la richiesta ufficiale di referendum popolare (o indagine demoscopica indipendente) sulla centrale a carbone Tirreno Power di Vado Ligure, oltre alla richiesta di un incontro-confronto pubblico tra esperti scelti da Tirreno Power e gli scienziati dei Comitati e dell’Ordine dei Medici savonesi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Aurelio Bianchi

    E’ indispensabile informare la popolazione dei rischi che si corre.
    Tirreno Power e Italiana Coke devono essere monitorati SERIAMENTE.

  2. Scritto da Resist

    E’ urgente questo incontro-confronto pubblico dove possano essere presentati e discussi(con la necessaria chiarezza) i documenti scientifici relativi alla situazione attuale,in modo da capire bene che cosa potrà succedere con l’mpliamento.
    Chi si sottrae ad un confronto di chiarificazione….vuol dire che mente in partenza.