IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Calcio, “Trofeo Giovanni Ciarlo”: il Savona bissa il successo dello scorso anno

Vado Ligure. Si è conclusa con la vittoria del Savona la seconda edizione del “Trofeo Giovanni Ciarlo” disputatasi al Ferruccio Chittolina di Vado Ligure, sotto una fitta pioggia caduta durante quasi tutto il suo svolgimento.

I biancoblu di mister Ruotolo, infatti, si sono imposti in entrambe le gare che li hanno visti impegnati, superando di misura il Borgorosso Arenzano e per 3 – 0 i rossoblu padroni di casa. Il primo incontro della serata, quello fra il Vado e la squadra di Marcello Crovetto, invece, era terminato con il successo del club genovese dopo i calci di rigore, per 8 – 7. Alla fine dell’ultimo match, sulla pista atletica dell’impianto vadese, ha avuto luogo la premiazione delle tre compagini.

Di seguito il resoconto delle partite.

Vado – Borgorosso Arenzano 7 – 8
(1 – 1 al termine dei 45′ regolamentari)
Reti: Cadenazzi (B) al 16°, Cosma (V) al 26°
Vado: P. PIovesan, Puppo, Timpanaro (30′ Davanzante), Motta, Tangredi, Salani (30′ Guarda), Schirra (30′ Scarfò), Porrata, Marotta, Cosma, F. Piovesan. All. Podestà.
Borgorosso Arenzano: Mancuso, L. Baroni, Cadenazzi, Sanna, Silvestri, Tavella, Sassi, Pagliero, Sagna, Laudisi, Fiorentino. All. Crovetto.
Arbitro: Zunino (Savona).

Nel primo match disputatosi, mister Podestà schiera di fronte al portiere, P. Piovesan, una linea difensiva composta da Timpanaro e Motta centralmente, con Salani a sinistra e Tangredi a destra; in mezzo al campo, invece, Puppo va in cabina di regia, con Schirra e Porrata “mezz’ali”; mentre ai lati del centravanti Marotta, giostrano Cosma sulla destra e F. Piovesan a sinistra.

La gara, dopo cinque minuti, vede subito il Vado rendersi pericolo con F. Piovesan, pescato sulla sinistra da un bel lancio di Cosma, che da buona posizione calcia, in diagonale, a lato. Al 9°, il centravanti dei genovesi, Sagna, riesce ad andare via in velocità, ma poi conclude centralmente con P. Piovesan che blocca a terra. Altri tre minuti, e sono di nuovo i rossoblu a sfiorare la rete con una punizione di Cosma che esce di poco. Al 16°, però, nel momento migliore dei vadesi, gli ospiti passano in vantaggio: punizione battuta da Cadenazzi da posizione abbastanza centrale che, dopo aver attraversato la barriera, schizza sul terreno e poi s’insacca, a mezz’altezza, alla sinistra di P. Piovesan. Dopo un paio di minuti, i ragazzi di Podestà potrebbero subito pareggiare con Cosma che, con un bel pallonetto effettuato da circa trentacinque metri, chiama il portiere avversario ad un intervento tutt’altro che semplice.

Al 26°, tuttavia, arriva il meritato pari: l’arbitro, infatti, comanda a favore dei rossoblu un calcio di rigore, per un fallo commesso su F. Piovesan, che Cosma, con freddezza, realizza. Passano altri cinque primi, e il Vado ha l’opportunità per raddoppiare: bella discesa, sulla sinistra, di Davanzante, che una volta raggiunto il fondo serve al centro dell’area P. Piovesan, il quale, disturbato da un paio di difensori, conclude sfiorando il primo palo. Intorno al 36°, Il Borgorosso Arenzano torna ad essere insidioso con un tiro di Pagliero, dal limite dell’area, terminato a lato di non molto; mentre, quattro minuti più tardi, l’ultima occasione della partita capita sui piedi di Scarfò (entrato al posto di Schirra), il cui tiro scoccato da posizione piuttosto defilata, sulla destra, finisce sopra la traversa. Al triplice fischio finale, terminato l’incontro sul risultato di 1 – 1, si procede all’esecuzione dei calci di rigore. Gli ospiti, al ventesimo penalty, riescono a prevalere di una sola lunghezza.

I rigori del Vado: Marotta goal, Puppo parato, Cosma goal, Tangredi goal, Davanzante parato, Scarfò goal, Cucchi goal, Porrata goal, Guarda parato, Motta parato. I rigori del Borgorosso: Silvestri fuori, Sagna parato, Tavella goal, Laudisi goal, Cadenazzi goal, L. Baroni goal, Sassi goal, Sanna goal, Fiorentino parato, Pagliero goal.

Savona – Borgorosso Arenzano 1 – 0
Reti: Candolini al 6°
Savona: Mogni, Candolini, Praino, Garin, Barca, Romeo, Ponzo, Ymeri, Parodi, Bottiglieri (23° Cattaneo), Pellini. All. Ruotolo.
Borgorosso Arenzano: Mosetti, L. Baroni, Cadenazzi, Coghe, Silvestri, Tavella, Sassi, Pagliero, Sagna, Catalano, Tamai. All. Crovetto.
Arbitro: Zunino (Savona)

La seconda partita del torneo si sblocca a favore del Savona dopo sei minuti di gioco, grazie ad un tiro-cross dalla destra di Candolini che beffa il portiere avversario infilandosi in rete all’altezza del palo più distante. In precedenza, al 2°, un preciso cross di Ponzo, sempre dalla destra, era stato alzato sopra la traversa da Parodi, con un colpo di testa. Al 12°, invece, sfuma un’azione di Sagna, del Borgorosso Arenzano, in contropiede, mentre dopo quattro minuti un insidioso cross del savonese Pellini è fermato dall’intervento di Mossetti. Al 18°, viceversa, è Mogni a dover uscire dai pali per interrompere un’azione di L. Baroni. Dall’altra parte, dopo ulteriori tre primi, Mossetti blocca una conclusione di Ymeri. Quattro minuti più tardi bella azione di marca biancoblu: un rasoterra di Ponzo, dalla destra, viene respinto da Mossetti, sulla cui ribattuta si inserisce Garin, contrastato da alcuni avversari, che con un tiro a girare, sfiorato da un giocatore genovese, rasenta il montante più lontano.

Nei successivi dieci minuti di gioco, però, sono i ragazzi di Crovetto a costruire le opportunità più interessanti: al 28° Mogni esce bene su Tamai lanciato a rete; poi, al 33°, Tavella, sugli sviluppi di un calcio di punizione battuto dall’ex vadese Catalano, segna di testa, ma il goal viene annullato per una posizione di fuorigioco. Due minuti dopo, inoltre, il portiere savonese deve nuovamente allontanarsi dai propri pali per bloccare un cross di Garreto dalla fascia destra. Al 42° il Savona potrebbe raddoppiare con Pellini, ben innescato da Cattaneo, ma calcia sopra la traversa. Così, al termine dei due minuti di recupero concessi dall’arbitro, Zunino di Savona, i biancoblu di Ruotolo portano a casa i tre punti.

Vado – Savona 0 – 3
Reti: Bottiglieri al 2°, Cattaneo al 22°, De Angelis al 42°
Vado: P. Piovesan, Puppo, Davanzante, Tangredi, Motta, Porrata (19° Timpanaro), Shurdaj, Scarfò (43° Schirra), Marotta (31° F. Piovesan), Cosma (43° Giacchino), Marafioti. All. POdestà.
Savona: Nicastro, Antonelli, Cannarsa, Marconi, Di Leo, Briano, Buglio, Cattaneo, De Angelis, Piccioni, Bottiglieri. All. Ruotolo.
Arbitro: Zunino (Savona)

Per l’ultimo incontro della serata, contro il Savona, il Vado rientra in campo con una formazione diversa da quella che aveva affrontato il Borgorosso Arenzano nella gara inaugurale del torneo: Davanzante, nel reparto arretrato, sulla sinistra, rileva sin dall’inizio Salani; Porrata, il cui ruolo a centrocampo è preso da Scarfò, arretra in difesa, a destra, con Tangredi che si colloca centralmente al posto di Timpanaro; Shurdhaj sostituisce Schirra in mezzo al campo e Marafioti si posiziona all’ala sinistra, dove prima c’era F. Piovesan.

Dopo appena due primi, però, sono i savonesi a trovare la via del goal: Bottiglieri, al limite dell’area piccola, in spaccata, raccoglie un cross proveniente dalla sinistra e porta i suoi in vantaggio. Al 9°, i rossoblu provano a replicare con una punizione battuta da Cosma che l’estremo difensore ospite para senza particolari problemi. Al 12° sono i biancoblu ad usufruire di un calcio piazzato, ma Buglio calcia oltre la traversa. Ancora quattro primi ed è il vadese Puppo, questa volta, a mettere in mezzo, sempre a seguito di un tiro piazzato, un bel pallone che, però, sfila a fondo campo senza che alcun suo compagno di squadra riesca a deviarlo in rete.

Al 18° è Davanzante ad avere una ghiotta occasione per pareggiare, ma il suo tiro a girare, dopo aver superato Nicastro alla sua sinistra, esce di un soffio. Così, dopo aver rischiato di incassare il pari, i ragazzi di mister Ruotolo, al 22°, piazzano il colpo del 2 – 0 con Cattaneo che, dal limite dell’area, è abile a scaricare in goal, nell’angolo alla sinistra di P. Piovesan, l’appoggio all’indietro di un suo compagno, chiudendo il match. Al 29°, arriva la prima, ed unica, ammonizione del torneo, ed è a carico del vadese Timpanaro (subentrato nel frattempo a Porrata), per un intervento falloso commesso a centrocampo; mentre al 33° Nicastro riesce ad anticipare Cosma, ben servito da Davanzante.

I biancoblu, dal canto loro, al 35°, vanno nuovamente vicini al goal con una conclusione a girare di De Angelis, liberatosi in precedenza di un paio d’avversari, che fa la barba al palo alla sinistra del portiere rossoblu. Sette minuti più tardi, trovano il definitivo 3 – 0 con lo stesso De Angelis che devia, di testa, alle spalle di P. Piovesan una punizione scodellata in mezzo all’area da Bottiglieri. Ancora due minuti di gioco e, con il fischio finale del direttore di gara, cala il sipario sull’ultima partita del secondo torneo dedicato allo storico presidente del Vado F.C. Giovanni Ciarlo, con il club savonese che bissa il successo ottenuto nella precedente edizione.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.