IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

“Balla coi cinghiali”, ubriaco crea scompiglio tra la folla e aggredisce militare: arrestato

Bardineto. Complice qualche bicchiere decisamente di troppo, completamente ubriaco, ha iniziato a creare scompiglio e ad infastidire le persone che aveva intorno. E’ successo ieri sera a Bardineto, durante la prima serata della manifestazione “Balla Coi Cinghiali”, dove un 45enne di Savona, M.G., alterato dall’alcol, ha iniziato a importunare i partecipanti all’evento musicale che aveva vicino.

Per cercare di calmare e “isolare” l’uomo sono prontamente intervenuti i carabinieri che si trovavano già sul posto dove, in occasione del festival, hanno creato un presidio fisso per garantire l’ordine pubblico. Il quarantacinquenne appena i militari, con la collaborazione degli organizzatori della manifestazione, si sono avvicinati per bloccarlo ha iniziato ad inveire contro di loro tentando di allontanarsi.

A quel punto un carabiniere ha cercato nuovamente di fermarlo e l’uomo, senza pensarci due volte, si è scagliato contro di lui procurandogli alcune ferite e contusioni (giudicate guaribili in dieci giorni). L'”ubriaco molesto” è stato così arrestato per lesioni, resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale. Già questa mattina finirà davanti al giudice del Tribunale di Savona dove sarà processato con rito per direttissima.

Il Capitano dei carabinieri di Cairo Carlo Caci, che coordina i servizi di controllo intorno alla manifestazione, ha spiegato: “Siamo presenti all’evento con un presidio ‘fisso’ per garantire che le persone si divertano ma all’insegna della legalità. Ogni giorno sono presenti 30 uomini a Bardineto per assicurare che venga rispettato l’ordine pubblico e per effettuare controlli. In una manifestazione che fa registrare oltre 20mila presenza è fondamentale che non si perda il controllo”.

Ieri sera gli uomini dell’Arma, con l’ausilio dell’unità cinofila, hanno controllato moltissime persone e ne hanno segnalato alcune come assuntori di sostanze stupefacenti all’autorità amministrativa. I carabinieri hanno effettuato anche moltissimi controlli con l’etilometro. “Devo dire che abbiamo trovato la massima disponibilità da parte degli organizzatori di ‘Balla coi cinghiali’ – aggiunge il Capitano Caci -. Anche ieri sera si sono prodigati per fare sì che l’uomo ubriaco venisse isolato immediatamente”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. goFFi
    Scritto da goFFi

    Quante presenze ci sono ad una sagra normalissima? facciamo 1000 di questi 1000 a fine serata ce ne sono almeno 200 ubriachi e/o 50 che un cannone se lo sono fatto volentieri.. è considerato un rave party anche la sagra? ovvio che balla coi cinghiali è sotto il mirino e ci sono piu controlli.. perchè se facessero dei controlli anche su un qualsiasi lungomare troverebbero anche li droga e/o gente ubriaca..
    Cmq è inutile parlare con gente che ha il paraocchi.. quella festa non è pericolosa e spero non chiudera’ mai perchè ripeto è forse l’unica cosa buona che fanno in provicinia di savona..

  2. Diego Gambaretto
    Scritto da Diego Gambaretto

    SONO INCA…
    Tutti dovremmo essere contenti che nella nostra provincia si è svolto un evento gratuito, che coinvolge tanti giovani e non, che promuove gruppi musicali validi, in cui si mangia benissimo ed in cui trionfa il divertimento.
    E’ una festa molto ben riuscita, complimenti agli organizzatori.
    Non voglio dire che chi spara contro è invidioso o ignorante, potrebbe essere benissimo il contrario. Ma molte volte i moralizzatori sono i primi che mettono le mani nella marmellata se ne hanno la possibilità….
    A qualcuno non va bene niente, è inutile negarlo. Vogliono chiudere le discoteche e le attività commerciali poichè disturbano chi vuole dormire e sono a ridosso del centro abitato, adesso si riesce a sputare contro chi fa qualcosa di buono senza disturbare nessuno.
    E’ necessario sempre tutelare il diritto al riposo di tutti ma, ricordiamolo, chi si lamenta sono poche persone rumorose.

  3. Scritto da jack-elwood

    uh iron man ho ciccato il nome. azz che figura! me ne vergognerò finchè campo.. avrò anche da imparare, ma è sempre meglio che essere attivo e partecipativo come te che spari boiate in lungo e in largo!
    comunque quoto lorenzo 75!

  4. Ypsilon
    Scritto da Ypsilon

    Uhm…. mi piacerebbe sapere quanti tra quelli che scrivono e tra le forze dell’ordine hanno genitori sessantottini ….

    …e quanti tra gli uni e tra gli altri hanno “paura” di uno che si fa una “canna” in santa pace…

    Proporrei una nuova legge: latte concentrato, omogeneizzati e girelli fino alla pensione….e….mi raccomando, il casco sempre, anche in casa….

    Io personalmente ho più paura di chi ignora cosa sia una canna di chi se ne fa una in mezzo ai boschi ascoltando un po’ di musica, con questo però non vorrei sembrare a favore dell’esagerazione, cosa che sta alla base di troppi comportamenti scorretti e/o pericolosi…

    Ma sarebbe veramente troppo lungo parlarne in questo contesto.

  5. Scritto da lorenzo75

    @Resist
    Scusa, ma mi sono spiegato male e probabilmente ho interpretato male il tuo intervento. Il motivo della lamentela era sul fatto che si focalizzi l’attenzione sulle distorsioni e non sull’evento. Il primo articolo (e unico per due giorni) che si è visto a proposito di Bcc è quello che stiamo commentando e non è uscito nulla sull’organizzazione di un evento maestoso per la nostra provincia, mentre si scrivono fiumi di parole per i fuochi d’artificio o miss muretto. Sono assolutamente d’accordo con te nel condannare l’operato di quella persona e sono contento sia stato arrestato, come su chi si mette alla guida ubriaco (io per lavoro faccio 80.000Km l’anno e puoi capire quanto possa temere gli ubriachi al volante). L’esempio degli alpini era solo per sottolineare una diversità di approccio nel commentare a livello giornalistico un evento giovanile innovativo o una cosa tradizionale.

    @Ironman 40/40000 = 1/1000 = un partecipante su mille. Posso sapere dove sta il problema? Si rircorda i risultati dei test antidroga condotti ai parlamentari dalla trasmissione Le Iene? Ma per piacere, dov’è il problema? A si, chiedo scusa….è una cosa diversa, piena di giovani che si divertono in modo diverso…io li manderei un giorno a zappare la terra e uno a fare i boscaioli così ballano ancora di più!! PS magari informarsi su cos’è un rave party non farebbe male.