IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Vado, Tirreno Power presenta rapporto ambientale

Vado Ligure. E’ stata presentata da Tirreno Power la terza dichiarazione ambientale relativa al 2008, il documento che ha permesso il rilascio della registrazione EMAS (Sistema di Eco gestione ed Audit relativo a regolamento CE n° 761/2001). La relazione è stata convalidata dal Verificatore ambientale ed è destinata al pubblico per accertare tutte le informazioni ambientali relative alla centrale di Vado Ligure.

Non solo, per l’azienda la certificazione ambientale, che si aggiunge a quella UNI EN ISO 14001, vuole rappresentare un punto di forza da portare sul tavolo aperto con le istituzioni, locali e non, in merito al progetto di ampliamento della centrale con la nuova unità a carbone da 460MW. Inoltre è aperto ancora il dibattito sul controllo delle emissioni e la possibilità di installare nuove centraline per il monitoraggio degli agenti inquinanti, come richiesto dalle associazioni ambientaliste.

“Il rapporto evidenzia gli sforzi fatti da Tirreno Power sul fronte delle prestazioni ambientali – sottolinea il Capo centrale Pasquale D’Elia -. Da parte nostra c’è massima apertura nel rapporto con le istituzioni ed il territorio, l’importante è mettere da parte le affermazioni calunniose verso una realtà industriale importante per il comprensorio”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da solfonitrica

    Sappiamo tutti che le certificazioni ambientali, per la metodica utilizzata in cui tutti i dati sono forniti dal soggetto che richiede la certificazione, sono una bufala colossale.
    L’azione di “maquillage” sui dati forniti per esempio dai comuni, per lo stesso scopo, è nota a tutti coloro che operano nel settore.
    Ennesima cosa “all’italiana”. Comincio a non poterne più…

  2. Scritto da antonio gianetto

    Qui spiegano cos’ è e come ottenerlo:
    http://www.apat.gov.it/certificazioni/site/It-IT/EMAS/Registrazione_EMAS/
    vedere costi di registrazione in alto a destra.
    Altre informazioni sono qui.
    http://www.iso-certificazione.info/
    Tanti anni fa quando ricevetti il certificato ISO 9001, a bordo non era venuto nessuno a controllare, molto probabilmente aveva fatto fede la documentazione fornita dall’ armatore.
    Se non ricordo male ci sone delle ditte che fanno le pratiche per far ottenere il rilascio di questi certificati. Il problema, a quanto mi sembra di capire, da quello che leggo sui vari blog, è che vengono contestati i controlli, secondo alcuni, da noi, non vengono effettuati a norma di legge: http://www.uominiliberi.eu/index.php?option=com_content&view=article&id=177:pm10&catid=38:varazze&Itemid=50

  3. Scritto da Eugenio

    Sarei proprio curioso di leggerlo, questo rapporto ambientale…