IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Sanità, Barbero attacca Burlando: “Doveva pensare alle liste d’attesa piuttosto che alle nomine”

Albenga. “Claudio Burlando avrebbe fatto meglio a dedicarsi meno alle nomine dei direttori generali, e più al problema delle code della sanità”. Così il capogruppo del Pdl in Regione e ad Albenga Angelo Barbero commenta la questione delle lunghe liste di attesa della sanità regionale, argomento trattato in questi giorni dal consigliere regionale Matteo Rosso, vice presidente della commissione Salute e responsabile della Sanità per il PdL ligure.

Portando come esempio il caso di una anziana genovese alla quale è stato prenotato un elettrocardiogramma per il prossimo agosto, Rosso ha lanciato un duro attacco alla giunta Burlando. “Non si può che condividere l’accusa lanciata dall’amico Matteo Rosso nei confronti degli eccessivi tempi di attesa della sanità ligure, diretta conseguenza di cinque anni di malgoverno targato Burlando” aggiunge Barbero.

“È inaccettabile che i liguri debbano attendere mesi e mesi per gli esami diagnostici, e il problema purtroppo non riguarda solo Genova, ma si estende a tutta la Regione, provincia di Savona inclusa. Un territorio che peraltro, come ho già fatto notare in più occasioni anche in sede di Consiglio, è ulteriormente penalizzato dalla politica regionale, in quanto i fondi pro capite sono inferiori rispetto alle altre province” prosegue l’esponente del Pdl.

“Per questo motivo, alla promessa di Sandro Biasotti di ridurre i tempi di attesa, sarà affiancato il mio rinnovato impegno per una distribuzione più equa dei fondi per la sanità tra le varie province” conclude Angelo Barbero.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. hi-tech
    Scritto da hi-tech

    Brutti scenari si prospettano per la sanità se tornasse in mano alla DESTRA: il boss ha già detto che abbatterà le liste di attesa a 30 giorni. Come? Travasando le code nelle prestazioni intra-moenia (o ..peggio extra-m.)? Oppure dirottando in strutture convenzionate private…? Nel primo caso pagheranno i cittadini in maniera diretta. Nel secondo caso pagheranno sempre i cittadini in maniera indiretta.
    Il dotto politico, invece di fare come è “costume” oggi, cioè criticando senza proporre, è in grado di dirci come hanno intenzione di intervenire nel’improbabile caso dovessero vincere?
    MI sembra che nel Pdl abbiano le idee un po’ confuse. Tra i canddati, inoltre, non vi è nemmeno convergenza programmatica. Ognuno và a ruota libera. Non trovo edificante che la politica rispecchi così tanto la società, nella sotto-cultura dell’apparire e nell’inesorabile impoverimento di idee.

  2. pasquino62
    Scritto da pasquino62

    Ci metto la firma (vera ovviamente) che il dotto politico negherà le nefandezze gestionali della giunta Biasotti (2000-2005) di cui faceva parte. Bene andetevi a vedere i numeri: i tempi di attesa erano grosso modo quelli di oggi e la sconsiderata politica della “concorrenza tra ospedali” ha prodotto il noto e certifcato (dal governo di centrodestra ) buco (voragine) nei conti della sanità ligure. Questi hanno fatto le cicale con i nostri denari, e quanto a nomine ………….ma per piacere un pò di pudore !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  3. Scritto da antonio gianetto

    A proposito, anche in Provincia hanno cominciato a mettere in vendita l’ argenteria:
    http://www.provincia.savona.it/provincia/bandi_gare/Patrimonio/schede.htm
    http://www.provincia.savona.it/provincia/bandi_gare/Patrimonio/s62n2.htm
    Vedrete che andrà finire come in tutte le altre aste! All’ inizio nessuno, dei soliti squali savonesi, si dimostrerà interessato.
    Alla fine, quando la villa sarà scesa molto di prezzo, come già collaudato, ci sarà soltanto un acquirente, e, sicuramente, sarà uno ( o in società con altri ), delle grandi famiglie dei cementificatori nostrani.

  4. lui la plume
    Scritto da lui la plume

    Due, tre, quattro giorni e siamo a posto …. tutto fatto senza (forse) spendere nulla …. paga tutto il buon Burlando che cosi’ comincia a studiare il sistema per far si’ che i “suoi” clienti non passino alla concorrenza.

    Ecco …. per migliorare la sanita’ di una regione bisogna cambiare qualcosa ….. non chiamiamolo piu’ “paziente” …… (la pazienza e’ finita da un pezzo sostituita “momentaneamente” dalla rassegnazione) …….
    questo “bisognoso di cure” chiamiamolo e trattiamolo come ……..

    “cliente”.

    PS da luglio 2009 ho una robetta da tirare (via operazioncina da ambulatorio cinque minuti e via una volta quando ero piccolo mettevano i ragazzini in fila per togliere le tonsille ….) appuntamento per fine marzo ….
    dopo aver visto come e’ “crollata” l’assistenza in soli sei mesi ……
    non ci vado piu’ e prenoto altrove ….
    tanto se non sono morto finora ……
    (mi sorge anche un dubbio ….. ora devo pagare per questa sciocchezza altri tre ticket …. questa banalita’ ….. quanto verra’ a costare privatamente?)

  5. lui la plume
    Scritto da lui la plume

    Tornando ai bilanci della sanita’ ……

    Mi chiedo cosa succederebbe se ….. a Montecarlo (per esempio ma desisamente meglio un paesino meno trafficato) … decidessero di sviluppare l’idea di curare bene chi (dotato di una qualsiasi assistenza sanitaria) si affida alle loro cure.

    Appena si arriva a destinazione un mezzo prende i turisti in cerca di cure e li trasferisce in un albergo convenzionato collegato con la reception della struttura ospedaliera ….. e predispone tutti gli appuntamenti necessari.

    La camera dell’albergo e’ dotata di un computer portatile a disposizione collegato in rete wireless operativa in tutta la regione (se dobbiamo operare con dati personali basta portarsi dietro una chiavetta usb) attrezzatura dal costo di qualche centinaio di euro che se il cliente desidera puo anche acquistare, viene consegnata anche una tesserina che consente l’utilizzo di tutti i mezzi pubblici e forti sconti sugli acquisti …. un telefono con le mappe della zona e una sistema di allarmi per ricordare gli appuntamenti (con l’allarme viene attivata anche la funzione che ci riporta per tempo al luogo dell’appuntamento).

    ….. e se ci siamo allontanati troppo …. arriva un taxi che ci porta in tempo ….