IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Presentati i nomi savonesi del Pd, Lunardon: “La nostra è una lista pulita” (foto) foto

Savona. I sei nomi della lista del Partito Democratico, Carlo Ruggeri, Michele Boffa, Nino Miceli, Giovanni Durante, Angelica Lubrano ed Elsa Roncallo, sono stati presentati dal segretario provinciale del Pd, Giovanni Lunardon, nel corso di una conferenza stampa tenutasi oggi presso la sede del Pd di Savona. In caso di vittoria di Claudio Burlando il Pd savonese potrebbe portare in Consiglio regionale un’altra esponente locale, ovvero Lorena Rambaudi, candidata savonese nel ”listino” di Burlando, e presente all’incontro odierno.

E’ stato proprio il segretario provinciale a spiegare perchè l’elettorato dovrebbe scegliere il Partito Democratico e uno dei candidati in lizza per un posto da consigliere. Tre i punti sostanziali messi in luce da Lunardon: “In primis, l’ottimo lavoro svolto dall’amministrazione regionale in questi 5 anni, con particolare attenzione al territorio savonese verso il quale sono stati indirizzati numerosi investimenti: penso alle grandi infrastrutture come l’Aurelia bis o l’Albenga-Predosa, senza contare le risorse destinate agli interventi di riqualificazione urbana e ai contibuti arrivati per le famiglie e i lavoratori in difficoltà”. Il secondo aspetto sottolineato dal segretario provinciale del Pd è il dato economico,  con diretto riferimento alla crisi economico-produttiva che ha riguardato la Liguria e la provincia savonese: la vicenda ferrania, il trasferimento della Piaggio a Villanova d’Albenga, lo sviluppo del porto, il sostegno alle piccole e medie imprese di diversi comparti produttivi.

Infine, Giovanni Lunardon non ha rinunciato ad una frecciata verso gli avversari del PdL, non solo nel metodo della formazione della lista ma anche sulle personalità candidate: “La nostra è senz’altro una lista pulita e trasparente verso gli elettori nell’amministrazione della cosa pubblica, nn certo così si può dire per i candidati del PdL, tanto è vero che finalmente anche il centrodestra si è accorto del problema: certo un po’ in ritardo se pensiamo alle candidature di un collezionista di avvisi di garanzia come Marco Melgrati oppure di Angelo Barbero coinvolto nella vicenda giudiziaria sulle false firme raccolte alle precedenti elezioni provinciali”.

[thumb:20136:l]”Il Pd – ha concluso Lunardon – non ha più commesso gli errori del passato e siamo arrivati a definire tutte le candidature in una maniera coesa e compatta, negli esclusivi interessi del centrosinistra, diversamente dallo spettacolo offerto dagli esponenti della lista del PdL”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.