IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Caccia, Verdi: “Bilancio tragico ma il business delle armi è un affare d’oro”

Regione. “Il bilancio dell’ultima stagione di caccia era di 54 morti e 86 feriti, provocati da un uso non attento delle armi da fuoco”. E’ quanto dichiara Cristina Morelli, consigliere regionale in Liguria e responsabile Diritti dei Verdi. “Dal 1 settembre 2009, giorno dell’inizio dell’attuale stagione venatoria, il bilancio è già di 42 morti e 69 feriti”.

“Un bilancio tragico che ci porta a sostenere come l’uso delle armi da fuoco debba essere attentamente controllato – prosegue Morelli -. Purtroppo sappiamo come il business delle armi da fuoco sia un affare d’oro. La produzione complessiva di armi lunghe, fucili da caccia, da tiro e da precisione, corte e ‘repliche’ a salve nel nostro Paese ha toccato nel 2008 gli 819 mila pezzi”.

“Pensiamo che chiunque disponga di un’arma da fuoco, compresi i cacciatori, debba essere attentamente monitorato con test antidroga e test alcolemico” dichiara Angelo Spanò, consigliere provinciale dei Verdi.

“Ricordiamo che nel 2009 l’Exa, la mostra internazionale delle armi sportive, security e outdoor, ha ricevuto addirittura il patrocinio del Ministero dell’Interno: un favore alla lobby armiera, impegnata in Parlamento – per bocca del senatore Pdl Franco Orsi – alla promozione di un ddl per ‘liberalizzare’ la caccia selvaggia”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Eugenio

    Il Sig. Spanò forse non sa che i controlli antidroga ed alcolemici ci sono già; prima di parlare sarebbe meglio informarsi. Il problema non sono tanto le armi da fuoco quanto chi le usa, che non riceve alcun addestramento per farlo. Nei poligoni gli incidenti sono quasi zero, mentre ogni anno a caccia è una battaglia. Provate ad andare per funghi nella stagione di caccia nelle zone battute dai cacciatori, chi ce l’ha il coraggio? Il problema vero è la caccia.

  2. Scritto da otrebla

    Se nella nostra società ci fosse l’obbligo della chiarezza e della sincerità i “verdi” non avrebbero ragione di esistere